Il presidente siriano Assad sulle prossime elezioni presidenziali statunitensi

Negli Stati Uniti non è il presidente ad essere eletto, ma il “capo della società” che esegue le decisioni dei lobbisti. Lo ha affermato il presidente siriano Bashar al-Assad in un’intervista a RIA Novosti.

“Abitualmente ci aspettiamo dalle elezioni americane che sia eletto non il presidente, ma il capo della società, perché c’è un consiglio di amministrazione, e questo consiglio di amministrazione è composto da lobbisti, grandi società come banche, aziende che producono armamenti, compagnie petrolifere e così via. Quindi il capo della società viene eletto e non ha né i diritti né l’autorità di rivedere le decisioni [di tali potentati], deve solo eseguirle. Questo è esattamente quello che è successo a [Donald] Trump quando è diventato presidente “, ha detto Assad.

In precedenza, Trump è stato l’amministratore delegato per molti anni, secondo il leader siriano, [questa posizione] “è rimasta con lui”. “Trump [inizialmente] ha voluto seguire la sua stessa politica, ha voluto perseguirla e quasi l’ha pagata: ricorda l’argomento dell’impeachment. Trump ha dovuto ingoiare [ritrattare] ogni parola che ha detto prima delle elezioni. Ecco perché – come ho detto – non dobbiamo aspettarci un’elezione presidenziale, stiamo parlando [dell’elezione] del direttore generale. Se vuoi parlare di cambiare le politiche, tieni presente che hai lo stesso consiglio di amministrazione che non cambia le proprie politiche. Il CEO potrebbe cambiare, ma il consiglio rimarrà lo stesso, quindi non aspettarti nulla “, ha aggiunto.

Assad ha chiarito che “questo consiglio è composto da gruppi di pressione che fanno quello che vogliono, controllano il Congresso e altri [centri di potere], compresi i media, e così via. Quindi, questa è un’alleanza di varie società [e ambiti] che operano negli Stati Uniti per i propri interessi egoistici “.

Le elezioni per [nominare il nuovo] capo della Casa Bianca si terranno il 3 novembre. La votazione anticipata è già iniziata in diversi stati.

Commentando l’annuncio di Trump dei piani per eliminarlo, Assad ha dichiarato: “Gli assassinii sono il modo di lavorare americano, un modus operandi, lo fanno costantemente da decenni. Ovunque, in ogni angolo del mondo. Non c’è nulla di nuovo in questo, quindi è necessario tenere presente che tali piani sono sempre esistiti per vari motivi. E dovremmo aspettarci qualcosa di simile dagli americani nel contesto del conflitto in Siria “.

Il leader siriano ha detto che l’esercito americano aveva occupato illegalmente il suo paese e sostenuto i terroristi. “Niente potrà dissuadere gli Stati Uniti dal commettere atti e attacchi così brutali se non c’è equilibrio nelle relazioni internazionali in cui gli Stati Uniti non possono sottrarsi alla responsabilità dei loro crimini. Altrimenti, tale comportamento genererà sempre più crimini di questo tipo in varie regioni e niente li fermerà ”, ha detto Assad.

L’intervista ha anche toccato il comportamento di Ankara , che negli ultimi anni ha cercato di massimizzare la sua influenza internazionale.

“Lasciami essere franco e chiaro. [Il presidente turco Recep Tayyip] Erdogan sostiene i terroristi in Siria, sostiene i terroristi in Libia, è stato il principale istigatore e iniziatore del recente conflitto in Nagorno-Karabakh tra Azerbaijan e Armenia. Quindi, in generale, il suo comportamento è pericoloso. Per vari motivi. Primo, perché è un riflesso della linea dei Fratelli Musulmani, e sono un gruppo terroristico estremista . In secondo luogo, inizia guerre in varie regioni per distrarre l’opinione pubblica in Turchia dalle sue azioni in patria, soprattutto dopo i suoi scandalosi legami con lo Stato islamico in Siria, ha detto Assad. – Tutti sanno che l’ISIS vendeva petrolio siriano attraverso la Turchia sotto la accondiscendenza dell’Air Force americana e che, ovviamente, dei i turchi erano coinvolti nel commercio di questo petrolio. Questi sono i suoi obiettivi ed è pericoloso. Sulla questione se la comunità internazionale debba esserne consapevole o meno “.

Il leader siriano ha osservato che il termine “comunità internazionale” “significa davvero solo un piccolo gruppo di paesi: grandi potenze e paesi ricchi”. “Chiamiamoli paesi influenti nell’arena politica. La maggior parte di questa comunità internazionale è complice della Turchia nel sostenere il terrorismo. Quindi sanno cosa sta facendo la Turchia, gli piace quello che sta facendo, la Turchia è uno strumento di questi paesi per attuare le loro politiche in questa regione, per attuare le loro idee. Quindi no, non possiamo affatto contare sulla comunità internazionale. Si potrebbe contare sul diritto internazionale, ma non esiste: non ci sono istituzioni che garantiscano l’applicazione pratica di questa legge. Quindi in Siria dobbiamo fare affidamento su noi stessi e sull’aiuto dei nostri amici “, ha concluso.

Tornando al conflitto in Nagorno-Karabakh , il presidente siriano ha detto: “È stata la Turchia a portare a questo problema, a dare inizio a questo conflitto: lo ha incoraggiato. La Turchia voleva ottenere qualcosa e utilizzerà gli stessi metodi [usati abitualmente]. E possiamo dire con sicurezza che utilizza terroristi provenienti dalla Siria e da altri paesi del Nagorno-Karabakh “.

Il presidente siriano ha detto che la guerra in Siria non è finita. Secondo Assad, i leader dei militanti intendono farlo durare a lungo. “Mentre i terroristi occupano alcune regioni del nostro paese e commettono vari crimini e omicidi, la guerra non è finita. E penso che i loro leader intendano fare in modo che continui per molto tempo. Questo è ciò che pensiamo “, ha detto.

Alla domanda su cosa sta facendo Damasco per sbarazzarsi della presenza dell’esercito americano e turco in Siria, Assad ha detto: “Si tratta di un’occupazione. E in questa situazione, dobbiamo fare due cose: la prima è sbarazzarci del pretesto che usano per l’occupazione, cioè i terroristi, in questo caso ISIS. La maggior parte del mondo sa che l’ISIS è stato creato dagli americani ed è supportato da loro, danno loro compiti come qualsiasi altra forza americana. Dobbiamo sbarazzarci di questo pretesto, quindi l’eliminazione dei terroristi in Siria è la nostra massima priorità “.

Il capo della repubblica araba ha espresso la fiducia che i siriani inizieranno una rivolta contro le truppe di Turchia e Stati Uniti, se non lasceranno il paese dopo la distruzione dell’ISIS. “Questa è l’unica strada. Non saranno costretti ad andarsene dalle discussioni o dal diritto internazionale, poiché non esiste. Non ci sono altri mezzi che la resistenza, ed è quello che è successo in Iraq. Cosa ha spinto gli americani ad andarsene nel 2007? Questo è stato il risultato della resistenza del popolo iracheno “, ha detto.

Assad ha definito una rapina  l’ accordo tra Stati Uniti e curdi sulla produzione di petrolio in Siria .

“Questa è una rapina e l’unico modo per fermarla è liberare i nostri territori. Se ciò non viene fatto, nessuna misura può fermarli, perché sono ladri. Non puoi fermare un ladro finché non lo metti in prigione o in qualche modo lo trattieni isolandolo dall’area in cui può commettere una rapina. Lo stesso dovrebbe essere fatto con questi ladri. Devono essere cacciati dalla regione, questo è l’unico modo. E il governo siriano deve controllare ogni parte della Siria affinché la situazione torni alla normalità ”, ha sottolineato.

Commentando la situazione in Bielorussia , il leader siriano ha osservato che “naturalmente” si è congratulato con Alexander Lukashenko per la sua elezione a capo di stato.

Per quanto riguarda ciò che sta accadendo in Bielorussia: indipendentemente dalle somiglianze tra i due paesi, Siria e Bielorussia, o differenze, indipendentemente dal fatto che ci sia un conflitto reale o creato artificialmente nel paese, l’Occidente – purché non cambi la sua politica di egemonia secondo in tutto il mondo – interferirà negli affari in qualsiasi angolo del mondo. Se hai un problema specifico nel tuo paese, indipendentemente dalle dimensioni, l’Occidente interverrà comunque. E se questo è un processo interno, lo renderanno internazionale, solo per interferire e entrare nei tuoi affari. Se non hai problemi, faranno del loro meglio per crearli e renderli internazionali al fine di interferire nei tuoi affari. Questa è la loro politica ”, ha affermato Assad.

Crede che non importi cosa succede esattamente in Bielorussia, dal momento che ogni paese ha i suoi problemi. “L’Occidente ha il diritto di interferire o no? Questo è ciò a cui dobbiamo resistere ”, ha sottolineato il presidente.

Secondo lui, “si tratta del comportamento dell’Occidente e della sua strategia per il futuro, perché pensano che l’ascesa di Russia, Cina e altre forze nel mondo rappresenti una minaccia esistenziale per loro, e l’unico modo per resistere è creare il caos in tutto il mondo”.

Basato su materiali di RIA Novosti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.