Il Presidente della Bolivia Morales si dimette: “Non vogliamo scontri”

Il video ed il testo che segue proviene canale Youtube di Stefano Orsi. Il mio blog si era occupato delle vicende della Bolivia il 7 novembre con l’articolo l’obiettivo è cacciare Morales, purtroppo l’articolo è stato lungimirante. Il presidente della Bolivia si è dimesso sotto la spinta delle violenze e del golpe ordito da una parte dell’apparato dello Stato, probabilmente con complicità dei sostenitori della dottrina Monroe. Da sottolineare che prima delle dimissioni , Morales aveva già detto che si sarebbero ripetute le elezioni ed aveva invitato tutti i paesi e l’Onu a controllare. Nessuna evidenza c’era comunque di brogli. Giusti o meno che siano i governi e qualunque colore politico ritengano di scegliere – da parte nostra se si è sinceri con sé stessi – , non si possono negare le indebite ingerenze dei soliti noti in america latina. E questo non apre ad un bel futuro per il mondo.

@vietatoparlare

“Ci stiamo arrendendo in modo che i nostri umili fratelli smettano di essere presi a calci, non vogliamo scontri”, ha detto Evo Morales.

Il presidente della Bolivia, Evo Morales , ha annunciato le sue dimissioni domenica dopo un’ondata violenta perpetrata da gruppi di opposizione che non sono a conoscenza dei risultati elettorali realizzati il ​​20 ottobre.
“Ho deciso di dimettermi dalla mia posizione in modo che Carlos Mesa e Luis Camacho smettano di abusare e danneggiare migliaia di fratelli … Ho l’obbligo di cercare la pace e fa molto male che affrontiamo i boliviani, per questo motivo mando la mia lettera di dimissioni all’Assemblea Plurinazionale della Bolivia “, ha dichiarato l’ex presidente Evo . Dopo forti ondate violente contro militanti e leader del Movimento per il socialismo (MAS) , intimidazioni nei confronti di giornalisti, incendi di residenze e tradimento di alleati politici e membri della polizia nazionale, il paese subisce una crisi politica.
In una dichiarazione, le Forze armate (FF.AA.) hanno indicato che per ripristinare la stabilità della nazione, è necessario un cambiamento nella presidenza, “suggeriamo che il presidente si dimetta dal suo mandato permettendo la pacificazione e il mantenimento della stabilità della Bolivia “Disse il comandante in capo delle forze armate, William Kaiman .

“Ci stiamo dimettendo in modo che i nostri umili fratelli smettano di essere presi a calci … famiglie povere, umiliate, non vogliamo scontri. Abbiamo deciso di rinunciare alla nostra vittoria in modo che ci siano elezioni, tutte per la Bolivia, l’intero paese”, ha detto Morales

Ha anche fatto crollare le voci rilasciate da gruppi di estrema destra di una possibile uscita dal paese, “Non devo scappare, non ho rubato nulla, se qualcuno pensa che ci sia stato rubato per presentare un test”, aggiunge.

Da parte sua, l’ex vice presidente, Álvaro García , ha affermato che il governo si dimette per fermare la violenza e ha ricordato il recupero della sovranità nazionale e la dignità dei diritti, “siamo il governo che ha nazionalizzato gli idrocarburi, il governo che ha eliminato la povertà più di 3 milioni di cittadini “, ha aggiunto.

https://www.telesurtv.net/…/golpe-estado-evo-morales-bolivi…
https://www.youtube.com/watch?v=6UU-v1ckVDI&t=3s

Vedi anche : l’obiettivo è cacciare Morales

JOIN THE DISCUSSION