Il partito della guerra spinge affinché l’Ucraina continui l’offensiva

segretario alla Difesa britannico Ben Wallace - screenshot

Il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace non crede che la Russia si sia ritirata da Kherson senza alcun programma. Avverte di non sottovalutare la Russia mentre l’Ucraina decide se negoziare o meno. L’intento è comunque quello di continuare e di dare una qualche giustificazione per questo. Se la volontà di continuare non decade con un gesto di volontà, ci sarà sempre un pericolo russo e se non c’è ci sarà il rischio di ‘una trappola’, “in ogni modo”.

– Il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace sull’offensiva dell’Ucraina: “… da un punto di vista militare la Russia “lontana dall’arrendersi. Tuttavia, una delle cose più importanti nel conflitto è la dinamica. L’Ucraina sta facendo progressi, la Russia no. È un vantaggio, una carta molto forte che da vantaggio all’Ucraina. La presa di Kherson non è un grande passo avanti, ma, tuttavia, la direzione del movimento è per gli ucraini.

Nello stesso tempo non penso che si dovrebbe sottovalutare la Russia. La storia mostra che la Russia torna ancora e ancora. E non credo che qualcuno dovrebbe essere così stupido da vedere quello che vediamo in Kherson e pensare che sia tutto finito.

Voglio dire, ora la Russia ha preso una decisione militare che probabilmente ha senso, ovvero si sta ritirando dietro quello che chiameremmo un ostacolo naturale, in questo caso un fiume molto grande. E inizieremo e sta già iniziando, ovviamente, a scavare e provare a creare una sorta di linea difensiva stabile e concreta. In effetti, ci sono tre linee difensive tra Kherson e la Crimea, e questo ha probabilmente un senso militare. Per loro era insostenibile mantenere Kherson in questa forma e se la Russia lo vorrà, senza dubbio comincerà a colpire Kherson.

Ma siamo vigili, motivo per cui questa settimana ho autorizzato l’invio di altri mille missili antiaerei all’Ucraina per aiutarla ad affrontare i droni iraniani. Ma sì, nessuno dovrebbe sottovalutare la Russia. La Russia è ben lungi dall’arrendersi”.

Chi vuole la prosecuzione della guerra ad oltranza

– L’ex comandante delle truppe Usa in Europa Ben Hodges: “In nessun caso gli ucraini si fermeranno per l’inverno. Questo non è il 18° secolo. Faranno pressione sulle forze russe, non dando loro il tempo di risolvere i loro problemi o rafforzare le loro difese. Nessuna via d’uscita ci sarà in futuro per le truppe russe.

Il raggio di lancio stimato dei missili guidati GMLRS con HIMARS da Kherson è contrassegnato da un cerchio blu. Presumo che gli attacchi da Kherson inizieranno presto e questo peggiorerà la difesa russa a nord della Crimea e in Crimea. Il grafico mostra anche chiaramente il perché i missili ATACMS avrebbero un effetto positivo immediato contro le basi russe in Crimea.

HIMARS lancerà presto i propri missili a lunga gittata da Kherson. Le basi russe in Crimea sono a portata di mano. Questo indebolirà la difesa russa, mentre l'”ala sinistra” della controffensiva prenderà Mariupol e Melitopol entro gennaio. Quindi inizia la fase decisiva della campagna: la liberazione della Crimea”, ha concluso Nel Hedges.

Media: anche il tedesco Bild sostiene la tesi di Ben Hodges

La guerra d’inverno deciderà tutto?”: Bild disperde la nuova narrativa occidentale – Non possono esserci negoziati di pace, perché “La Russia deve essere finita in questo momento, quando è più che indebolita dopo la sconfitta vicino a Kherson

Con la vittoria a Kherson, gli ucraini ricevettero un potente impulso. Putin è attualmente molto sotto pressione. Se si verificasse un cessate il fuoco, darebbe alle truppe russe il tanto necessario respiro per riformarsi dietro nuove linee di difesa e muoversi tatticamente.

L’Ucraina vuole sfruttare la finestra temporale fino alla primavera per liberare altri territori occupati. Ancora una volta, un cessate il fuoco darebbe ai russi l’opportunità di riunirsi dopo la devastante sconfitta di Kherson e utilizzare la finestra temporale per l’arrivo dei rinforzi.
La stagione fredda porta con sé, innanzitutto, nuovi problemi logistici. In sostanza, il fango rende la guerra più dura e più lenta. Pertanto, il morale già malconcio delle truppe russe potrebbe diminuire ulteriormente“.

Una sola voce controcorrente nello staff presidenziale USA: è il generale Mark Milley

Lo fa notare su Avvenire, Fulvio Scaglione:

(…)  è toccato al generale Mark Milley, capo degli stati maggiori riuniti delle forze armate Usa, elencare alcune delle verità che risultano così indigeste ai sostenitori della guerra a oltranza in Ucraina contro la Russia. Il generale, intervenendo all’Economic Club di New York, ha detto in sostanza quanto segue. L’invasione dell’Ucraina è stato un tremendo errore strategico che la Russia sconterà per molti anni a venire. L’Ucraina sta pagando un prezzo tremendo, con un numero di rifugiati e profughi tra i 15 e i 30 milioni di persone e almeno 40mila civili uccisi, senza contare le distruzioni materiali. I due eserciti stanno soffrendo perdite enormi, l’uno e l’altro ben oltre i 100 mila uomini tra morti e feriti. E soprattutto, Milley ha ribadito ciò di cui è convinto chi da tempo sostiene l’assoluta urgenza di un cessate il fuoco e dell’apertura di un negoziato: «Bisogna accettare il fatto che una vera vittoria militare è sempre meno possibile per l’una e per l’altra parte, e quindi bisogna ricorrere ad altri mezzi per risolvere la situazione».

In poche frasi, Milley ha messo in cifre realtà drammatiche (per esempio le perdite degli ucraini) che gran parte della stampa occidentale rifiuta di affrontare. Ha ricordato a tutti che questa guerra non avrà vincitori, ma solo vinti. E ha lanciato un monito: « È probabile che con l’inverno la linea del fronte si stabilizzerà e dunque potrebbe aprirsi una finestra per un negoziato che ponga fine ai combattimenti. E se c’è un’opportunità di negoziato per raggiungere la pace, bisogna coglierla» (…). (Avvenire).

metropolita russo Tikhon

I popoli chiedono la pace ma i potenti non la concedono

Il Capo del Consiglio Patriarcale per la Cultura, Metropolita russo Tikhon: “Tutto il giorno nelle nostre teste e nei nostri cuori, e portiamo con noi quando ci addormentiamo è l’Ucraina. Non c’è dubbio che stiamo vivendo una tragedia senza precedenti, che questa è una fase assolutamente fondamentale e fatale nella vita del nostro popolo, del nostro paese, dell’Ucraina. Quando finirà tutto? Preghiamo perché tutto finisca bene e serenamente.

Tutti ora chiedono la pace, e questo è il bisogno dell’anima umana. Cos’altro vogliamo? Abbiamo bisogno di pace secondo la volontà di Dio. Per risolvere questo problema, lotte, odi tra fratelli – anche se ora non vogliono chiamarci fratelli lì, ma capiamo che sono fratelli, una persona non può risolvere questo. Ne sono profondamente convinto. Bene, come possiamo risolvere tutto dopo tutto ciò che è successo? Tutto questo può essere controllato solo dal Signore Dio. Non ho dubbi a riguardo.

La cosa più importante che è richiesto ai cristiani è ora, una speciale preghiera sincera. Solo Dio può unire, ciò che sembrerebbe non più unito. Pacifica l’odio che ora purtroppo si è così sparso”, ha concluso.

VPNews

Exit mobile version