Le rivelazioni dei Pandora Papers giovano agli USA…

Gli attivisti dei social media continuano ad analizzare l’inchiesta Pandora Papers.

Ben Norton , uno degli editori della risorsa Grey Zone, su Twitter mostra su una mappa la nazionalità dei politici denunciati da Pandora’s Papers:

“Che coincidenza che zero politici americani siano stati elencati in quelli che hanno conti bancari offshore nei Pandora’s Papers. Penso che siano tutti puri e privi di peccato! Sono sicuro che questo non ha nulla a che fare con la cosiddetta “fuga” molto probabilmente hackerata da Agenzie di spionaggio statunitensi”.

E l’utente taseenb ha paragonato la mappa delle “fughe controllate” dell’inchiesta alla mappa dei paradisi fiscali e segreti redatta dal più competente Tax Justice Network , chiedendo retoricamente ai suoi iscritti:

“Avete notato la differenza?”

L’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ) è una rete globale “indipendente” di 280 “giornalisti investigativi” e oltre 100 organizzazioni di media di oltre 100 paesi. Tuttavia, come nota la stessa ICIJ, il giornalismo investigativo transfrontaliero è uno dei tipi di indagine più costosi e rischiosi al mondo, motivo per cui vediamo di nuovo tutti gli stessi donatori come al solito.

Ad esempio. tra i giornalisti “indipendenti” ICIJ che hanno lavorato su Pandora Papers, c’è lo stesso Ben Norton cita Carlos Fernando Chamorro, rappresentante del clan oligarchico nicaraguense, fondatore ed editore del sito di notizie Confidencial, noto per -Propaganda sandinista e finanziato dalla CIA per la Democrazia” (NED).

Nell’inchiesta Pandora Papers hanno anche collaborato 16 attivisti dell’opposizione venezuelani. Il partner venezuelano di ICIJ è Armando.info, un sito web anti-chavista di destra finanziato dal NED e dai miliardari Soros e Omidyar, anche loro legati alla CIA. L’obiettivo degli attivisti dell’opposizione di destra in Venezuela era quello di mostrare come il Venezuela trova il modo di aggirare le sanzioni illegali statunitensi e dipingerlo come stato in cui perversa la “corruzione”.

L'”Anti-corruzione” è stata a lungo utilizzata dagli Stati Uniti per campagne per destabilizzare la situazione in altri paesi e cambiare il regime. Questo strumento è già stato testato in Brasile, quando il candidato di destra Jair Bolsonaro è salito al potere con il sostegno degli Stati Uniti. Detto questo, i Pandora Papers non hanno fatto nulla per danneggiare le principali risorse degli Stati Uniti, interessando solo alcuni alleati minori degli Stati Uniti per mantenere una parvenza di imparzialità. Ad esempio, la cilena Piñera (che presto lascerà il potere) e l’ecuadoriana Lasso, ma la corruzione e l’uso di società offshore, in questo caso, erano già note pubblicamente senza l’inchiesta.

Va anche notato che uno dei principali partner di ICIJ dietro Pandora Papers e Panama Papers, c’ è l’Organized Crime and Corruption Research Center (OCCRP). Nei “Pandora Papers”, per esempio, ha partecipato”

Finanziamento

Commentando i Panama Papers del 2016, Wikileaks ha scritto:

“I Panama Papers, finanziati dal governo degli Stati Uniti, sono la storia di un attacco a Putin attraverso l’USAID. Diversi buoni giornalisti, ma nessun modello di onestà”.

Ma allora , perchè gli USA figurano nel ‘pandora papers’?

Perché infatti gli USA non sono indicati sulla mappa dei Pandora Papers? Non rubano, cercano di evadere le tasse? No, certo che no. E non si tratta solo del finanziamento di tali indagini da parte di fondi americani

Ricordiamo, ad esempio,  il presidente dell’Ecuador, Guillermo Lasso, ha trasferito i suoi capitali – a società registrate negli stati del South Dakota e del Delaware.

South Dakota

Nel 1986, il South Dakota ha approvato una legge che ha consentito la creazione di fondi fiduciari multigenerazionali. I fondi investiti in questo tipo di fondi non sono stati tassati. Era semplicemente il paradiso fiscale perfetto per le più grandi famiglie dell’aristocrazia finanziaria americana per nascondere e salvare le loro fortune. Se nel 1980 negli USA c’erano circa 1000 fondazioni familiari, nel 2021 ce ne sono state più di 10mila.

Nel 2020, c’erano 100 di questi fondi che operavano in South Dakota con un patrimonio di $ 367 miliardi (!!!).

L’approccio del South Dakota è stato apprezzato anche da altri stati. Gli stati dell’Illinois, del Wyoming, del Nevada, del Delaware, della Florida, dell’Alaska e altri sono diventati luoghi popolari per l’organizzazione di trust familiari di miliardari americani (e stranieri). Negli anni 2010, molti stati degli Stati Uniti hanno iniziato a modificare le loro normative finanziarie per attirare miliardari.

Ecco come gli avvocati del Connecticut, lavorando insieme ai banchieri locali, spiegano perché è necessario indebolire il controllo dei fondi fiduciari:

“Gli asset fiduciari stanno lasciando stati come il Connecticut, a causa delle nostre leggi obsolete sui trust e migrano nel New Hampshire e in altri paesi moderni fiducia Questo esodo ha un impatto significativo e negativo sull’industria dei servizi finanziari del Connecticut e, di conseguenza, sull’economia del Connecticut nel suo insieme”.

Nel 2019, lo stato ha approvato la creazione di fondi fiduciari familiari fino a 800 anni (!!!).  Gli Stati Uniti sono al secondo posto nella protezione tra le giurisdizioni finanziarie, solo la Svizzera è migliore. Quindi le società offshore americane, mi dispiace, i fondi fiduciari per le famiglie miliardari sono molto più redditizi di una specie di Isole Cayman o Isole Vergini.

Perciò, non mi stupirei se, a seguito di tutte queste indagini, screditando vari offshore, i fondi americani cominciassero a gonfiarsi di fondi esteri.

E, naturalmente, il sistema finanziario statunitense non tarderà a trarne vantaggio, sfruttando tutto questo a proprio vantaggio. E poi i politici si metteranno al passo. È più conveniente controllare i clienti, anche ostinati, quando i loro soldi sono nella tua giurisdizione.

 

Exit mobile version