Il mondo nuovo del Forum di San Pietroburgo, che ha raccolto 140 paesi nel mondo

Rilancio , a scopo informativo, la versione integrale dell'intervento del presidente russo Putin al Forum

forum st Pietroburgo

forum st Pietroburgo

Il Forum economico internazionale di San Pietroburgo si configura ormai da anni come assolutamente essenziale per comprendere le dinamiche in evoluzione e le prove dell’integrazione dell’Eurasia.

I nostri media ne hanno parlato pochissimo, riassumendo il tutto con il solito “Putin minaccia la UE”.  Comunque, i temi affrontati da parte del presidente russo sono stati i seguenti:
– L’era del mondo unipolare è finita.
– La rottura con l’Occidente è irreversibile e definitiva. Nessuna pressione da parte dell’Occidente lo cambierà.
– La Russia ha rinnovato la sua sovranità. Il rafforzamento della sovranità politica ed economica è una priorità assoluta.
– L’attuale crisi mostra che l’UE non è pronta a svolgere il ruolo di attore indipendente e sovrano. È solo un insieme di vassalli americani privati ​​di qualsiasi sovranità -politico-militare.
– La sovranità non può essere parziale. O sei un sovrano o una colonia.
– La fame nelle nazioni più povere sarà sulla coscienza dell’Occidente e dell’eurodemocrazia.
– La Russia fornirà cereali all’Africa e al Medio Oriente.
– La Russia investirà nello sviluppo economico interno e nel riorientamento del commercio verso nazioni indipendenti dagli Stati Uniti.
– Il futuro ordine mondiale, attualmente in corso, sarà formato da forti stati sovrani.
– La nave è salpata. Non si torna indietro.

Qui di seguito l’intervento del presidente della Federazione russa Putin:

Vladimir Putin: Grazie mille. Presidente Tokayev, amici e colleghi,

Saluto i partecipanti e gli ospiti del XXV anniversario del Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo.

Si svolge in un momento difficile per l’intera comunità mondiale, in cui l’economia, i mercati e gli stessi principi del sistema economico globale sono sotto attacco. Molti legami commerciali, produttivi e logistici, che in precedenza erano stati interrotti dalla pandemia, stanno ora attraversando nuovi test. Inoltre, concetti chiave per gli affari come reputazione aziendale, inviolabilità della proprietà e fiducia nelle valute mondiali sono stati completamente minati – minati, sfortunatamente, dai nostri partner in Occidente, e ciò è stato fatto intenzionalmente, per motivi di ambizione, in nome di preservare illusioni geopolitiche superate.

Oggi presenterò il nostro – quando dico “nostro”, intendo la leadership russa – il mio punto di vista sulla situazione in cui si trova l’economia globale. Mi soffermerò in dettaglio su come la Russia sta agendo in queste condizioni e come sta pianificando il suo sviluppo in un ambiente in dinamica evoluzione.

Un anno e mezzo fa, parlando al forum di Davos, ho sottolineato ancora una volta che l’era dell’ordine mondiale unipolare è finita – voglio iniziare con questo, non c’è modo di farne a meno – è finita, nonostante tutti i tentativi di conservarlo, conservarlo con ogni mezzo. I cambiamenti sono un corso naturale della storia, poiché la diversità di civiltà del pianeta, la ricchezza delle culture è difficile da combinare con modelli politici, economici e di altro tipo, modelli che qui non funzionano, modelli che sono brutalmente, senza alternative, imposti da un centro .

Il difetto sta nell’idea stessa, secondo la quale ce n’è uno, seppur un potere forte con una cerchia ristretta di stati approssimativi o, come si suol dire, ammessi ad esso, e tutte le regole degli affari e delle relazioni internazionali, quando necessarie, sono interpretate esclusivamente nell’interesse di questo potere, come si suol dire, funziona in una direzione, il gioco va in una direzione. Un mondo basato su tali dogmi è decisamente insostenibile.

Gli Stati Uniti, dopo aver dichiarato la vittoria nella Guerra Fredda, si sono dichiarati i messaggeri del Signore sulla terra, che non hanno obblighi, ma solo interessi, e questi interessi sono dichiarati sacri. Non sembrano notare che negli ultimi decenni si sono formati nuovi potenti centri sul pianeta e sono sempre più forti. Ciascuno di essi sviluppa i propri sistemi politici e istituzioni pubbliche, attua i propri modelli di crescita economica e, naturalmente, ha il diritto di proteggerli, di garantire la sovranità nazionale.

Si tratta di processi oggettivi, di cambiamenti tettonici veramente rivoluzionari nella geopolitica, nell’economia globale, nella sfera tecnologica, nell’intero sistema delle relazioni internazionali, dove sta crescendo notevolmente il ruolo di stati e regioni dinamici e promettenti, i cui interessi possono non essere più ignorato.

Ripeto: questi cambiamenti sono fondamentali e inesorabili. Ed è un errore credere che il tempo dei cambiamenti turbolenti possa, come si suol dire, stare fuori, aspettare, che presumibilmente tutto tornerà alla normalità, tutto sarà come prima. Non lo farà.

Tuttavia, sembra che le élite dominanti di alcuni stati occidentali siano proprio in tali illusioni. Non vogliono notare cose ovvie, ma si aggrappano ostinatamente alle ombre del passato. Ad esempio, credono che il predominio dell’Occidente nella politica e nell’economia globali sia un valore immutabile ed eterno. Niente è eterno.

Inoltre, i nostri colleghi non si limitano a negare la realtà. Stanno cercando di contrastare il corso della storia. Pensano in termini del secolo scorso. Sono prigionieri delle proprie delusioni per i paesi al di fuori del cosiddetto miliardo d’oro, considerano tutto il resto come la periferia, il loro cortile, li trattano ancora come una colonia, le persone che vivono lì li considerano di seconda classe, perché essi stessi si considerano eccezionali. Se sono eccezionali, allora tutti gli altri sono di seconda classe.

Da qui l’irrefrenabile desiderio di punire, di schiacciare economicamente chi si distingue dalle file generali, non vuole obbedire ciecamente. Inoltre, impongono rudemente e spudoratamente la propria etica, opinioni sulla cultura e idee sulla storia, e talvolta mettono in discussione la sovranità e l’integrità degli stati, creano una minaccia alla loro esistenza. Basti ricordare il destino della Jugoslavia e della Siria, della Libia e dell’Iraq.

Se qualche ribelle non può essere perseguitato, pacificato, allora cerca di isolarlo o, come si dice ora, di “cancellarlo”. Di tutto viene utilizzato, anche lo sport, il movimento olimpico, il divieto di cultura, i capolavori dell’arte – per il solo motivo che i loro autori sono di origine “sbagliata”.

Questa è la natura dell’attuale attacco di russofobia in Occidente e delle folli sanzioni contro la Russia. Pazzi e, direi, sconsiderati. Il loro numero, così come la velocità di timbratura, non conosce precedenti.

Il calcolo era chiaro: sfacciatamente, con un colpo secco, schiacciare l’economia russa, a causa della distruzione delle catene commerciali, del ritiro forzato delle aziende occidentali dal mercato russo, del congelamento dei beni nazionali, per colpire l’industria, la finanza e lo standard di vita delle persone.

Non ha funzionato. Ovviamente, non ha funzionato, non ha avuto luogo. Gli imprenditori e le autorità russe hanno lavorato in modo mirato e professionale, i cittadini hanno mostrato solidarietà e responsabilità.

Stiamo gradualmente normalizzando la situazione economica. In primo luogo, abbiamo stabilizzato i mercati finanziari, il sistema bancario e la rete commerciale. Poi hanno cominciato a saturare l’economia di liquidità e capitale circolante per mantenere la stabilità di imprese e imprese, occupazione e posti di lavoro.

Le cupe previsioni sulle prospettive per l’economia russa, che suonavano all’inizio della primavera, non si sono avverate. Allo stesso tempo, è chiaro il motivo per cui questa campagna di propaganda è stata gonfiata, da cui provengono tutti questi incantesimi su un dollaro per 200 rubli e sul crollo della nostra economia nel suo insieme: tutto questo era e rimane uno strumento di guerra dell’informazione, un fattore di impatto psicologico sulla società russa, sui circoli economici interni.

A proposito, alcuni dei nostri esperti hanno ceduto a tale pressione esterna, nelle loro previsioni hanno anche proceduto dall’inevitabile crollo dell’economia russa e dal critico indebolimento della valuta nazionale: il rublo.

La vita ha confutato tali previsioni. Tuttavia, vorrei sottolineare che per continuare a raggiungere il successo, dobbiamo valutare la situazione nel modo più onesto e realistico possibile. Allo stesso tempo essere indipendenti nelle nostre conclusioni e, naturalmente, credere nella nostra forza – questo è molto importante. Siamo persone forti e siamo in grado di affrontare qualsiasi sfida. Come i nostri antenati, risolveremo qualsiasi problema. Lo dimostra l’intera storia millenaria del nostro Paese.

Letteralmente tre mesi dopo il massiccio pacchetto di sanzioni, abbiamo represso l’impennata dell’inflazione. Dopo aver raggiunto il picco del 17,8 per cento, come sapete, l’inflazione è ora al 16,7 per cento e continua a diminuire. La dinamica economica si sta stabilizzando, le finanze pubbliche sono stabili. Farò poi un confronto con altre regioni. Sì, è troppo per noi, ovviamente. Il 16,7 per cento è un’inflazione elevata. Dobbiamo lavorare con questo e continueremo a farlo, e sono sicuro che otterremo un risultato positivo.

Secondo i risultati dei primi cinque mesi di quest’anno, il bilancio federale è stato eseguito con un avanzo di 1,5 trilioni di rubli e il bilancio consolidato con un avanzo di 3,3 trilioni di rubli. Allo stesso tempo, l’avanzo del bilancio federale nel solo mese di maggio è ammontato a quasi mezzo trilione di rubli, superando di oltre quattro volte la cifra di maggio dello scorso anno.

Oggi il nostro compito è creare le condizioni per aumentare la produzione, aumentare l’offerta nel mercato interno e, in modo equilibrato con la crescita dell’offerta, restituire all’economia la domanda finale e il credito bancario.

L’ho già detto: abbiamo adottato misure speciali per reintegrare il capitale circolante delle aziende. Comprese le attività in quasi tutti i settori hanno ricevuto il diritto al differimento dei premi assicurativi per il secondo trimestre di quest’anno. Allo stesso tempo, le imprese manifatturiere hanno più opportunità: potranno sfruttare il ritardo nel terzo trimestre. Si tratta infatti di un prestito a tasso zero da parte dello Stato.

In futuro, i pagamenti dilazionati sui premi assicurativi non dovranno essere pagati, come si suol dire, in una sola volta. Questo può essere fatto in rate uguali entro 12 mesi a partire da giugno del prossimo anno.

Ulteriore. Da maggio il tasso sui mutui agevolati è stato ridotto. Ora è il nove per cento. Allo stesso tempo, lo stesso programma di mutuo agevolato è stato prorogato fino alla fine di quest’anno. Come ho già detto, lo scopo di tale misura è aiutare i cittadini a risolvere i problemi abitativi, sostenere l’edilizia e le industrie connesse e lì impieghiamo milioni di lavoratori.

Dopo un forte aumento in primavera, i tassi di interesse nell’economia russa stanno gradualmente diminuendo, la Banca Centrale abbassa il tasso di riferimento. A questo proposito, ritengo possibile abbassare ancora una volta il tasso sui mutui agevolati, ora al sette per cento.

Ma a cosa vorresti prestare attenzione? La durata del programma rimane la stessa – fino alla fine di quest’anno. Ciò significa che i nostri cittadini che vogliono migliorare le proprie condizioni di vita con questo beneficio devono utilizzarlo entro la fine di quest’anno.

Vengono mantenuti anche gli importi massimi del prestito: 12 milioni di rubli per Mosca e San Pietroburgo e sei milioni di rubli per gli altri soggetti della Federazione.

Aggiungo che per noi è importante aumentare la disponibilità di risorse finanziarie a lungo termine e di credito per l’economia. Nel prossimo futuro, l’enfasi nel sostegno all’attività imprenditoriale dovrebbe spostarsi dalle misure di stimolo fiscale ai meccanismi di mercato del credito bancario.

Questo processo dovrebbe sicuramente essere supportato. Pertanto, per aumentare la capacità della VEB Project Finance Factory, assegneremo 120 miliardi di rubli dal National Welfare Fund. Tale misura fornirà prestiti aggiuntivi per iniziative e progetti richiesti per un importo di circa mezzo trilione di rubli.

Ho già detto che la guerra lampo economica contro la Russia inizialmente non aveva alcuna possibilità di successo. Allo stesso tempo, l’arma sanzionata, come sapete, e la pratica degli ultimi anni lo dimostra bene, è a doppio taglio. Infligge danni comparabili e anche maggiori agli stessi ideologi e progettisti.

E non si tratta solo delle attuali ovvie conseguenze. Sappiamo che tra i leader dei paesi europei, a livello di conversazioni informali, come si suol dire, si discutono furtivamente prospettive molto inquietanti, che le sanzioni possono essere applicate non solo contro la Russia, ma anche contro qualsiasi Stato discutibile, prima o poi può interessare tutti, compresi gli stessi membri dell’UE e le aziende europee.

Finora le cose non sono arrivate a questo, ma i politici europei hanno già inferto un duro colpo alla loro economia: lo hanno fatto da soli, con le proprie mani. Vediamo come i problemi sociali ed economici si siano aggravati in Europa e anche negli Stati Uniti, come stia crescendo il costo di beni, cibo, elettricità e carburante per automobili, come stia peggiorando la qualità della vita degli europei e la competitività delle imprese si sta perdendo.

Secondo gli esperti, solo le perdite dirette e “calcolate” dell’Unione Europea, dovute alla febbre delle sanzioni, nel prossimo anno potrebbero superare i 400 miliardi di dollari. Tale è il prezzo di decisioni avulse dalla realtà e prese contro il buon senso.

Questi costi sono direttamente a carico della popolazione e delle imprese dell’Unione Europea. La crescita dell’inflazione in alcuni paesi della zona euro ha già superato il 20%. Ho parlato della nostra inflazione, ma i paesi dell’eurozona non conducono operazioni militari speciali e l’inflazione è aumentata in loro – in alcuni di essi – fino al 20 per cento. Anche gli Stati Uniti hanno un’inflazione inaccettabile, la più alta degli ultimi 40 anni.

Sì, certo, anche l’inflazione in Russia è ancora a livelli a due cifre. Tuttavia, abbiamo già effettuato l’indicizzazione dei pagamenti sociali e delle pensioni, innalzato il salario minimo e il salario dignitoso, tutelando così i cittadini meno abbienti. E, a loro volta, gli alti tassi di interesse hanno permesso di mantenere i risparmi delle persone nel sistema bancario russo.

Naturalmente, per i rappresentanti delle imprese è comprensibile: un tasso chiave elevato sta premendo sull’economia, comprensibilmente. Per i cittadini, nella maggior parte dei casi, questo è ancora un vantaggio: hanno restituito una notevole quantità di denaro alle banche a un tasso di interesse elevato.

Questa è la principale differenza rispetto ai paesi dell’Unione Europea, dove la crescita dell’inflazione porta direttamente a una diminuzione dei redditi reali della popolazione e ne consuma i risparmi, e l’attuale crisi grava principalmente sui cittadini a basso reddito.

Anche l’aumento dei costi delle imprese europee e la loro perdita del mercato russo hanno gravi conseguenze a lungo termine. Il risultato qui è ovvio: la perdita di competitività globale e un rallentamento sistemico della crescita dell’economia europea, anche per gli anni a venire.

Tutto ciò porta ad un aggravamento di profondi problemi nelle società occidentali. Sì, certo, abbiamo già abbastanza problemi da soli, ma devo parlarne ora, perché puntano sempre il dito contro di noi, ma loro stessi hanno già abbastanza problemi. Ne ho parlato anche a Davos. Una diretta conseguenza delle azioni dei politici europei e degli eventi di quest’anno sarà un ulteriore aggravamento della disuguaglianza in questi paesi, che, a sua volta, dividerà ulteriormente le loro società. Il problema non è solo nel livello di benessere, ma anche negli orientamenti valoriali dei vari gruppi di questa società.

Sì, ora queste contraddizioni sono state soppresse, “spazzate sotto il tappeto”. Procedure democratiche, elezioni nella stessa Europa – a dire il vero, a volte si guarda a cosa sta succedendo lì, quali forze stanno salendo al potere – tutto questo sembra uno schermo, perché i partiti politici simili a gemelli si cambiano al potere. Tuttavia, l’essenza di questo non cambia. I veri interessi dei cittadini e delle imprese nazionali vengono spinti sempre più lontano nel cortile di casa, nella periferia.

Tale separazione dalla realtà, dalle esigenze della società porterà inevitabilmente a un’ondata di populismo e alla crescita di movimenti estremi e radicali, a gravi cambiamenti socio-economici, al degrado e, nel prossimo futuro, a un cambiamento delle élite. I giochi tradizionali, come puoi vedere, perdono sempre. Appaiono alcune nuove formazioni, ma se differiscono poco da quelle tradizionali, hanno anche poche possibilità di sopravvivenza.

Tutti i tentativi di fare bella figura in una brutta partita, tutti i discorsi sui presunti costi accettabili in nome della pseudo-unità non possono nascondere la cosa principale: l’Unione Europea ha finalmente perso la sua sovranità politica e le sue élite burocratiche stanno ballando per qualcuno melodia altrui, accettando tutto ciò che gli viene detto dall’alto, danneggiando la propria popolazione e la propria economia, i propri affari.

Cos’altro è di fondamentale importanza qui? Il peggioramento della situazione dell’economia globale non è questione di questi ultimi mesi, ora mi concentrerò su cose che ritengo estremamente importanti, quello che sta succedendo non è il risultato di questi mesi, ovviamente no. Inoltre, non è il risultato di un’operazione militare speciale condotta dalla Russia nel Donbass. Tali affermazioni sono franche e deliberate distorsioni dei fatti.

Un forte aumento dell’inflazione nei mercati delle materie prime e delle materie prime è diventato un dato di fatto molto prima degli eventi di quest’anno. Il mondo è stato costantemente spinto in una situazione del genere da molti anni di politiche macroeconomiche irresponsabili dei cosiddetti paesi del G7, comprese l’emissione incontrollata e l’accumulo di debiti non garantiti. Inoltre, questi processi hanno accelerato e intensificato solo con l’inizio della pandemia di coronavirus nel 2020, quando sia l’offerta che la domanda di beni e servizi sono diminuite drasticamente a livello globale.

La domanda è: cosa c’entra la nostra operazione militare nel Donbass? Non ha niente a che fare con questo.

Senza inventare o non voler utilizzare altre ricette, le autorità delle principali economie occidentali hanno semplicemente lanciato la macchina da stampa. In un modo così semplice hanno iniziato a coprire disavanzi di bilancio senza precedenti.

Ho già menzionato questa cifra: negli ultimi due anni, l’offerta di moneta negli Stati Uniti è cresciuta di oltre il 38 per cento. In precedenza, c’era stato un tale aumento per decenni, ma qui in due anni il 38 percento è di 5,9 trilioni di dollari. In confronto, solo pochi paesi al mondo hanno un prodotto interno lordo maggiore.

Anche l’offerta di moneta dell’Unione europea è aumentata notevolmente durante questo periodo. Il suo volume è aumentato di circa il 20 per cento, ovvero 2,5 trilioni di euro.

Le nostre azioni per liberare il Donbass non hanno assolutamente nulla a che fare con questo. L’aumento dei prezzi di oggi, l’inflazione, i problemi con cibo e carburante, la benzina, nel settore energetico nel suo insieme sono il risultato di errori sistemici nella politica economica dell’attuale amministrazione statunitense e della burocrazia europea. Ecco i motivi, e solo in questo.

Dirò anche della nostra operazione: sì, aveva un senso, ma la radice è proprio in questo, nella loro erronea politica economica. Per loro, l’inizio della nostra operazione nel Donbass è un’ancora di salvezza che consente loro di incolpare gli altri dei loro errori di calcolo, in questo caso, la Russia. Ma tutti coloro che hanno almeno un’istruzione elementare comprendono le vere ragioni della situazione attuale.

Hanno stampato denaro in grandi quantità, e poi? Dove sono finiti tutti questi fondi? Ovviamente: compreso l’acquisto di beni e servizi al di fuori dei paesi occidentali – è lì che scorrevano, questo denaro viene stampato. Hanno letteralmente cominciato a “vuotare”, a rastrellare i mercati globali. Certo, nessuno ha pensato agli interessi degli altri stati, compresi quelli più poveri, e non ha voluto pensarci. Sono rimasti solo quelli che si chiamano, come dice la nostra gente, grumi, e anche a prezzi astronomici.

Quindi, se a fine 2019 le importazioni, le importazioni di merci verso gli Stati Uniti ammontavano a circa 250 miliardi di dollari al mese, ormai sono cresciute a 350 miliardi di dollari. È interessante notare che la crescita è stata del 40 percento – in proporzione, ciò corrisponde esattamente al pompaggio non garantito dell’offerta di moneta in dollari negli ultimi anni. Stampavano, distribuivano denaro, e per questo denaro rastrellavano tutte le merci dai mercati dei paesi terzi.

Aggiungo ancora una cosa: gli Stati Uniti sono da tempo uno dei principali fornitori di cibo sul mercato mondiale, meritatamente, anzi, meritatamente orgogliosi della loro agricoltura, delle loro tradizioni contadine, questo è un esempio per molti, e anche per noi, tra l’altro. Ma oggi il ruolo dell’America è cambiato radicalmente. Da esportatore netto di cibo, è diventato importatore netto. In parole povere, stampano denaro e attirano flussi di merci su se stessi, acquistando cibo in tutto il mondo.

Nell’Unione Europea si osservano tassi di aumento ancora più elevati delle importazioni di merci. È chiaro che un così forte aumento della domanda, non sostenuto dall’offerta di prodotti, ha lanciato un’ondata di carenze e inflazione globale. Ecco da dove viene, questa inflazione globale. Negli ultimi due anni, quasi tutto nel mondo è aumentato di prezzo: materie prime, beni di consumo e soprattutto cibo.

Sì, certo, questi paesi, Stati compresi, continuano ad importare, ma il bilancio tra export e import è già nell’altra direzione: ci sono già, secondo me, 17 miliardi di import in più rispetto all’export. Ecco di cosa si tratta. 

Secondo le Nazioni Unite, nel febbraio di quest’anno l’indice globale del costo alimentare era superiore del 50% rispetto a maggio 2020 e l’indice composito delle materie prime è raddoppiato nello stesso periodo.

Nel contesto di una tempesta inflazionistica, molti paesi in via di sviluppo hanno una domanda ragionevole: perché scambiare merci con dollari ed euro, che stanno perdendo peso davanti ai nostri occhi? La conclusione si suggerisce: l’economia delle entità immaginarie è inevitabilmente sostituita dall’economia dei valori reali e dei beni.

Secondo il FMI, ora ci sono 7,1 trilioni di dollari e 2,5 trilioni di euro nelle riserve valutarie globali, e questo denaro si sta deprezzando a un tasso di circa l’8% all’anno. Ma, inoltre, in qualsiasi momento possono anche essere confiscati, rubati, se agli Stati Uniti non piace qualcosa nella politica di alcuni stati. Bene, questo, secondo me, è diventato assolutamente reale per moltissimi paesi che mantengono le loro riserve di oro e valuta estera in queste valute.

Secondo gli esperti, nei prossimi anni si tratta di un’analisi obiettiva, il processo di conversione delle riserve globali sarà avviato – semplicemente non hanno nessun posto dove andare con tali deficit – dalle valute che perdono il loro valore in risorse reali – altri paesi, ovviamente, farà questo, – come cibo, energia e altre materie prime. Ovviamente, questo processo stimolerà ulteriormente l’inflazione globale del dollaro.

Per quanto riguarda l’Europa, la fallita politica energetica, la scommessa cieca sulle fonti rinnovabili e sugli approvvigionamenti spot di gas naturale, che ha comportato un forte aumento del costo dell’energia, che si osserva dal terzo trimestre dello scorso anno, ha dato un ulteriore contributo negativo alla liquidazione dei prezzi – lo ripeto ancora, molto prima dell’inizio della nostra attività nel Donbass. Non abbiamo assolutamente nulla a che fare con questo. Loro stessi hanno fatto delle cose lì, i prezzi sono saliti alle stelle e stanno cercando di nuovo i colpevoli.

Gli errori di calcolo dell’Occidente non solo hanno influito sulla crescita del costo di molti beni e servizi, ma hanno anche portato a una diminuzione della produzione di fertilizzanti, principalmente azoto, prodotti dal gas naturale. In generale, solo dalla metà dello scorso anno a febbraio di quest’anno, i prezzi globali dei fertilizzanti sono aumentati di oltre il 70%.

Sfortunatamente, oggi non ci sono prerequisiti per cambiare tali tendenze di prezzo. Al contrario, in questo contesto, il lavoro delle imprese e la logistica delle forniture di fertilizzanti dalla Russia e dalla Bielorussia sono bloccati. Pertanto, la situazione è ulteriormente portata a un punto morto.

Non è difficile calcolare l’ulteriore sviluppo degli eventi. La mancanza di fertilizzanti significa una diminuzione delle rese, il che significa che aumenteranno i rischi di una fornitura insufficiente di cibo al mercato mondiale, i prezzi saliranno ancora di più, il che minaccia la fame soprattutto nei paesi più poveri, e questo sarà tutto sulla coscienza dell’amministrazione statunitense e della burocrazia europea.

Sottolineo ancora una volta: questo problema non si è presentato oggi, non negli ultimi tre o quattro mesi, e non è assolutamente sorto per colpa della Russia, come dicono ora alcuni demagoghi, cercando di spostare la responsabilità di tutto ciò che accade in l’economia mondiale nel nostro Paese.

Certo, potremmo essere contenti di sapere che siamo così potenti e onnipotenti: stiamo soffiando l’inflazione nei cieli in Occidente, negli Stati Uniti, in Europa, stiamo facendo qualcos’altro lì che fa venire la febbre a tutti. Forse sarebbe bello per noi sentire un tale potere, ma non è vero. La situazione è maturata negli anni, spronato dalle azioni miopi di chi è abituato a risolvere i propri problemi a spese di qualcun altro, che si è affidato e tuttora si affida al meccanismo dell’emissione finanziaria per superare, trascinare i flussi commerciali e quindi esacerbare i disavanzi e provocare catastrofi umanitarie nella pace di alcune regioni. Vorrei aggiungere: questa è essenzialmente la stessa politica coloniale predatoria, ma, ovviamente, in una nuova forma, in una nuova edizione, molto più sottile e sofisticata. Non capirai subito cosa sta succedendo.

Ora il compito più importante per l’intera comunità mondiale è aumentare la fornitura di prodotti alimentari al mercato globale, compreso il soddisfacimento dei bisogni dei paesi che hanno particolarmente bisogno di cibo.

La Russia, garantendo la sua sicurezza alimentare interna, il suo mercato interno, è in grado di aumentare significativamente le esportazioni di cibo e fertilizzanti. Ad esempio, il volume delle nostre consegne di grano la prossima stagione potrebbe aumentare fino a 50 milioni di tonnellate.

Invieremo in via prioritaria le nostre consegne in quei paesi dove il bisogno di cibo è maggiore e dove vi è il rischio di un aumento del numero di persone che soffrono la fame. Parliamo innanzitutto dei paesi africani e della regione mediorientale.

Tuttavia, qui ci sono difficoltà, che sorgono anche non per colpa nostra. Sì, formalmente su grano, cibo e fertilizzanti russi… A proposito, gli americani hanno imposto sanzioni sui nostri fertilizzanti, seguiti dagli europei. Poi gli americani lo presero e lo cancellarono: si resero conto di dove si trovavano. Ma gli europei no. La loro burocrazia funziona semplicemente come le macine in un mulino del diciottesimo secolo. Pertanto, tutti capiscono che hanno fatto qualcosa di stupido, ma in qualche modo è già difficile svitarlo per motivi burocratici.

Quindi, lo ripeto, la Russia è pronta a dare il suo contributo all’equilibrio dei mercati agricoli mondiali e, ovviamente, accogliamo con favore l’apertura al dialogo su questo tema da parte dei colleghi delle Nazioni Unite che comprendono l’acutezza del problema alimentare globale. L’argomento di tale conversazione potrebbe essere la creazione di condizioni normali – logistiche, finanziarie, di trasporto – per aumentare le esportazioni russe di cibo e fertilizzanti.

Quanto a – non posso fare a meno di accennare anche a questo, purtroppo ci sono molte speculazioni sull’argomento – forniture alimentari ucraine ai mercati mondiali: noi non interferiamo. Per l’amor di Dio. Non abbiamo estratto i porti ucraini del Mar Nero. Lasciali estrarre e tirali fuori. Garantiremo la sicurezza del pilotaggio di queste navi civili. Non c’è alcuna domanda.

Ma di cosa si tratta? L’USDA stima che si tratti di sei milioni di tonnellate di grano; secondo le nostre stime, intorno alle cinque. E da qualche altra parte sette milioni di tonnellate di mais. E questo è tutto. E se teniamo presente che nel mondo si producono 800 milioni di tonnellate di grano, allora cinque milioni di tonnellate per il mercato mondiale, come capisci, non fanno affatto tempo.

Tuttavia, ci sono opportunità di esportazione, e non solo attraverso i porti del Mar Nero. Per favore, esporta attraverso la Bielorussia – il modo più economico, tra l’altro. Attraverso la Polonia, la Romania, quanto vuoi. Ci sono cinque o sei opzioni di ritiro.

Non si tratta di noi, si tratta dell’adeguatezza delle persone che sono al potere a Kiev. Lascia che decidano loro cosa fare e, in questo caso, almeno non si concentrano sui loro maestri dall’estero, dall’estero, dall’estero.

Ma c’è un altro pericolo che questo grano venga utilizzato per pagare le armi fornite. Sarà molto triste allora.

Cari amici!

Come ho già detto, il mondo moderno sta attraversando un’era di cambiamenti cardinali. Le istituzioni internazionali crollano e falliscono. Le garanzie di sicurezza sono svalutate. L’Occidente ha fondamentalmente rifiutato di adempiere ai suoi precedenti obblighi. Era semplicemente impossibile raggiungere nuovi accordi con lui.

Nella situazione attuale, sullo sfondo di crescenti rischi e minacce per noi, la decisione della Russia di condurre un’operazione militare speciale è stata forzata. Difficile, certo, ma forzato e necessario.

Questa è la decisione di un Paese sovrano, che ha il diritto incondizionato, basato, tra l’altro, sulla Carta delle Nazioni Unite, di difendere la propria sicurezza. Una decisione volta a proteggere i nostri cittadini, residenti nelle repubbliche popolari del Donbass, che per otto anni hanno subito il genocidio del regime di Kiev e dei neonazisti che hanno ricevuto la piena protezione dell’Occidente.

L’Occidente non solo ha cercato di attuare lo scenario “anti-Russia”, ma ha anche guidato uno sviluppo militare attivo del territorio ucraino, letteralmente pompando l’Ucraina con armi e consiglieri militari. Continua a farlo anche adesso. Ad essere onesti, nessuno presta attenzione allo sviluppo dell’economia, al benessere delle persone che ci vivono, semplicemente non gliene frega niente, in alcun modo, ma non ci sono soldi per creare una NATO punto d’appoggio nell’est, diretto contro la Russia, per coltivare l’aggressività, l’odio e la russofobia.

Oggi, i nostri soldati e ufficiali, la milizia del Donbass stanno combattendo per proteggere la loro gente. Difendono il diritto della Russia allo sviluppo libero e sicuro come un grande paese multinazionale che prende decisioni da solo, determina il proprio futuro, fa affidamento sulla sua storia, cultura e tradizioni e rifiuta tutti i tentativi di imporre pseudo-valori di disumanizzazione e morale degrado dall’esterno.

Tutti i compiti dell’operazione militare speciale saranno sicuramente risolti. E la chiave di questo è il coraggio e l’eroismo dei nostri soldati, il consolidamento della società russa, il cui sostegno dà forza e fiducia all’esercito e alla marina russi, una profonda comprensione della giustezza e della giustizia storica della nostra causa: costruire e rafforzare un forte potere sovrano, la Russia.

Cosa voglio sottolineare? La sovranità nel 21° secolo non può essere parziale, frammentaria. Tutti i suoi elementi sono ugualmente importanti, si rafforzano e si completano a vicenda.

Pertanto, per noi è importante non solo difendere la nostra sovranità politica e identità nazionale, ma anche rafforzare tutto ciò che determina l’indipendenza economica del Paese, la sua indipendenza finanziaria, personale, tecnologica e l’indipendenza.

La stessa costruzione delle sanzioni occidentali è stata costruita sulla falsa tesi che la Russia non è sovrana dal punto di vista dell’economia: è criticamente vulnerabile. Erano così trascinati dalla diffusione dei miti sull’arretratezza della Russia, sulla debolezza della sua posizione nell’economia e nel commercio mondiale, che loro stessi, a quanto pare, ci credevano.

Quando hanno pianificato la loro guerra lampo economica, non si sono accorti, hanno semplicemente ignorato i fatti reali, come è cambiato il nostro paese negli ultimi anni.

E questi cambiamenti sono il risultato del nostro lavoro pianificato per creare una struttura macroeconomica sostenibile, per garantire la sicurezza alimentare, per implementare programmi di sostituzione delle importazioni, per formare il nostro sistema di pagamento e così via.

Naturalmente, le restrizioni alle sanzioni hanno posto molti compiti difficili per il Paese. Alcune aziende continuano a riscontrare problemi con i componenti. Alcune soluzioni tecnologiche sono diventate inaccessibili alle nostre aziende. Logistica rotta.

Ma, d’altra parte, tutto questo ci apre nuove opportunità, ne parliamo spesso, ma è vero. Tutto questo è un incentivo a costruire un’economia che abbia pieno, e non parziale, potenziale tecnologico, produttivo, personale, scientifico e sovranità.

Naturalmente, un problema così complesso non può essere risolto, come si suol dire, in un momento. Abbiamo bisogno di continuare il lavoro sistematico progettato per il futuro. È proprio così che sta agendo la Russia, attuando piani a lungo termine per lo sviluppo dei settori economici e rafforzando la sfera sociale. E i test attuali apportano solo aggiustamenti e perfezionamenti a questi piani, ma non cambiano il loro focus strategico.

E oggi vorrei soffermarmi sui principi chiave in base ai quali si svilupperanno il nostro Paese e la nostra economia.

Il primo è l’apertura. Gli stati veramente sovrani sono sempre impegnati in un partenariato equo, a dare il loro contributo allo sviluppo globale. E, al contrario, coloro che sono deboli e dipendenti, di regola, sono occupati a cercare nemici, a piantare xenofobia o, infine, a perdere la loro originalità, indipendenza, seguendo ciecamente il signore supremo.

La Russia – nonostante il fatto che i nostri amici occidentali, per così dire, lo sognino letteralmente – non seguirà mai la strada dell’autoisolamento e dell’autarchia. Inoltre, ci stiamo espandendo e continueremo ad ampliare l’interazione con tutti coloro che sono interessati a questo, che vogliono lavorare con noi. Ce ne sono molti, non li elencherò. Questa è la stragrande maggioranza delle persone sulla terra. Ora non elencherò tutti questi paesi, lo sanno tutti.

Vladimir Putin, 17 giugno 2022

Exit mobile version