Il modo di pensare malato dell’Unione Europea (alias NATO) sulla Serbia

Pubblicità

Il 10 maggio, nella città serba di Niš, in occasione del Giorno della Vittoria sul fascismo nella seconda guerra mondiale, si è tenuta una parata militare denominata “Difesa della libertà”. In tale occasione più di 4.000 militari e personale del Ministero degli Interni serbo, veicoli corazzati da combattimento e aerei hanno preso parte alla manifestazione. Nella circostanza dell’evento tra gli altri asset è sfilato il carro armato russo T-72B3 e sono stati mostrati due elicotteri Mi-35M.
Alla parata hanno partecipato il presidente serbo Alexander Vucic, che presiede la presidenza della Bosnia ed Erzegovina, Milorad Dodik, e il capo della Republika Srpska, Zelka Tsviyanovich.

Sulla parata, ho letto per caso l’articolo del giornale tedesco ‘Die Welle’ che lancia farneticanti accuse alla Serbia perché – ad avviso del giornale che si fa portavoce dell’Unione Europea –  sarebbe ‘troppo sbilanciato verso la parte russa’. Ciò costituirebbe un problema perché l’Europa è contro la Russia. Inoltre la parata avrebbe evidenziato ”il culto della personalità” del presidente serbo. Se ciò non bastasse, tanto per oltrepassasse di misura la ridicolaggine, Die Welle accusa  la Serbia di continuare ad accusare l’Europa di averla attaccata per tre mesi con una campagna di bombardamenti basandosi su false accuse di genocidio in Kosovo.

Dell’articolo – che rispecchia la mentalità corrente e ricorrente –  propongo di seguito alcuni passaggi più significativi. Naturalmente ciò aiuta a rendersi conto di cosa ci troviamo di fronte, anche  in occasione delle imminenti elezioni in Europa.

DA DIE WELLE :

My Europe: Serbia’s military parade between the East and the West

Il governo serbo ha voluto tenere una parata militare che commemora –  vent’anni dopo – gli attacchi aerei della NATO contro il paese. Sotto pressione [da parte della UE], Belgrado ha spostato l’evento nel Giorno della Vittoria della Seconda Guerra Mondiale.

L’Europa occidentale celebra la vittoria contro la Germania nazista l’8 maggio e l’Europa dell’Est segna l’evento un giorno dopo. Ciò è dovuto alla differenza di fuso orario tra Berlino, dove è stata firmata la resa, e Mosca. Tuttavia, quest’anno la Serbia ha segnato il giorno della vittoria il 10 maggio tenendo una parata militare nella città meridionale di Nis. Lo slogan era “Difesa della libertà”.

(…)

La sfilata doveva dare l’impressione che fosse ispirata dall’antifascismo e dai valori europei. Tuttavia, ha giocato come dimostrazione di potere, sfruttato per costruire il culto della personalità del presidente e comandante in capo Vucic. La sua presenza era più importante del rispetto della storia.

presidente serbo Vucic

Attacchi aerei della NATO contro la Serbia

Sul passato più recente della Serbia permane ancora come una nuvola nera sopra di esso, anche con il paese che sta negoziando la sua ascesa verso l’UE. Inizialmente, la grande parata militare era prevista per il 24 marzo, ovvero il 20 ° anniversario della NATO in cui sono stati attacchi aerei contro Serbia e Montenegro (…).

L’Occidente tollera ancora [che la Serbia ] passeggi sul filo del rasoio con Belgrado che è diviso tra l’amore per la Russia di Vladimir Putin e l’alleanza pragmatica con l’UE, maBruxelles e Washington hanno avvertito che segnare l’evento con una parata militare sarebbe troppo [disdicevole], anche per la Serbia. Lo spettacolo potrebbe essere interpretato come uno sciabolare  o almeno una provocazione contro la NATO. Inoltre, l’alleanza non vuole essere ricordata nei suoi motivi altamente discutibili e altrettanto dubbi dei risultati dell’attacco alla Serbia.

Vucic ha piegato e legato la parata come la commemorazione del giorno della vittoria. Bene, ok, l’ha legato al giorno dopo il Giorno della Vittoria.

Ma la [vera ] ragione per avere la parata è il ventesimo anniversario dei raid aerei della NATO, il quotidiano pro-governativo Vecernje Novosti lo ha ricordato [chiaramente].

Sotto il patronato della Russia

La parata militare a Nis è stata anche una spettacolare dimostrazione degli sforzi compiuti dalle autorità serbe per colmare il divario politico e storico tra le alleanze di Belgrado con la Russia e l’Occidente. Da un lato, il presidente Vucic ha dichiarato di aderire all’UE come priorità della politica estera della Serbia, dall’altro, gli armamenti centrali della parata militare a Nis sono stati i caccia Mig-29 di fabbricazione russa, elicotteri militari MI-35 di fabbricazione russa , Carri armati T-72 di fabbricazione russa. Alcuni di loro sono stati comprati dalla Serbia, altri sono regali di Mosca.

Inoltre, tutti i media controllati dal governo hanno sviluppato un atteggiamento anti-occidentale per diversi anni e commemorano “l’aggressione della NATO” e “crimini di guerra della NATO” [ e in questo senso la parata ] è stata l’occasione perfetta per farlo.

Dal punto di vista di Belgrado, la NATO ha bombardato la Serbia solo per portare via il Kosovo, la culla della Serbia e il cuore della sua identità nazionale. La Serbia afferma che non riconoscerà mai l’indipendenza del Kosovo e lavorerà per bloccare la sua accettazione in tutti i modi nel contesto delle organizzazioni internazionali, con il sostegno della Russia.

Dimostrazione di potere e culto della personalità

La parata militare serba del 10 maggio, che ha visto la partecipazione di circa 4.000 soldati e poliziotti insieme a 400 carri armati, veicoli e 40 jet militari, è stata fondamentalmente una dimostrazione di potere volta a glorificare il leader serbo Aleksandar Vucic. Ha ben poco a che fare con i valori dell’antifascismo che costituiscono la base dell’UE.

Inoltre, se la parata avesse [veramente]  lo scopo di mostrare l’efficienza della moderna armata serba costruita sull’hardware russo, questo messaggio è illogico. Secondo la costituzione della Serbia, i militari devono proteggere l’integrità territoriale della Serbia. Vedendo come il Kosovo – per quanto riguarda la Serbia – sia una provincia temporaneamente occupata da “terroristi albanesi”, l’esercito avrebbe bisogno di schierarsi in Kosovo. E vedendo come ciò non accadrà, allora perché la Serbia si arma con le armi russe? Le sue forze sono in attesa di tempi migliori? Beh, ci sono un sacco di manie di grandezza in Serbia, ma anche negare la realtà ha i suoi limiti.

Lo scopo della parata militare a Nis era quello di esaltare l’uomo che si era piazzato al di sopra del parlamento e al di sopra del governo – Aleksandar Vucic. Il popolo viene presentato con un’immagine di una Serbia forte e rispettata a livello internazionale, che sta recuperando la potenza militare da qualche parte tra Oriente e Occidente. Sono presentati con un’immagine della loro grandezza – insieme con la speranza di una vita migliore.

( https://www.dw.com/en/my-europe-serbias-military-parade-between-the-east-and-the-west/a-48692961)

L’articolo insomma è da piangere. Ma questo è il livello dei giornali europei schierati direttamente con i rispettivi governi. Guai che le persone comuni possano parlare liberamente di tutto ciò che vivono tutti i giorni. Questo compito viene delegato per decreto legge solo ai giornalisti ed agli ‘esperti’. Questo è il risultato. Un articolo così andrebbe bocciato anche come compito in classe in una scuola obbligatoria di base .

Al fondo si nota con chiarezza che la Serbia nella sua memoria storica può mettere il giorno della memoria della vittoria sul fascismo ma mai e poi mai potrà mettere in conto il giorno dell’aggressione della NATO, questa volta però avvenuta non per desideri espansionistici – si capisce – ma per difendere i ”diritti umani” dei Kosovari. Eppure è negli annali di storia che sulla campagna della Nato contro la Serbia si era deciso in anticipo la ‘road map’ dal falso ‘casus belli’ fino all’indipendenza. Altra pagina da non ricordare per le istituzioni europee sarebbe anche dell’incriminazione del presidente serbo Milosevic ( se pensiamo alle campagne occidentali in Siria ed quella saudita in Yemen, si possono fare i dovuti paragoni) e l’epilogo dell’avvelenamento mentre era detenuto dalla Corte Penale internazionale.

Che dire? Almeno il fascismo è stato più coerente! Credo che sia giusto allora che la Serbia ricordi tutti gli aggressori, specialmente i più subdoli e ipocriti. E rivendichi un ‘orgoglio nazionale’, che spero ovviamente che sia ben concepito e si affidi a valori seri ma non certamente a quelli dell’Unione Europea e della NATO.

patrizio ricci by @vietato parlare

 


















































Source link

Pubblicità