Il ministero degli Esteri russo ha presentato il progetto di trattato con gli Stati Uniti e la NATO sulle garanzie di sicurezza

Il ministero degli Esteri russo ha presentato il progetto di trattato con gli Stati Uniti e la NATO sulle garanzie di sicurezza 1

NATO foto wikipedia

Il ministero degli Esteri ha pubblicato progetti di trattati da sottoscrivere con gli Stati Uniti e la NATO sulle garanzie di sicurezza sulla scia dell’ultimo incontro Biden/Putin:

MOSCA, 17 dicembre – RIA Novosti. Il ministero degli Esteri russo ha pubblicato sul proprio sito ufficiale le bozze di trattati tra Russia, NATO e Stati Uniti sulle garanzie di sicurezza.

Le principali disposizioni del primo documento:

– escludere un’ulteriore espansione della NATO e l’adesione dell’Ucraina all’alleanza;
– non dispiegare ulteriori militari e armi al di fuori dei paesi in cui si trovavano nel maggio 1997 (prima dell’adesione dei paesi dell’Europa orientale all’alleanza) – tranne in casi eccezionali con il consenso della Russia e dei membri della NATO;
– abbandonare qualsiasi attività militare della NATO in Ucraina, Europa orientale, Transcaucasia, Asia centrale;
– non schierare missili a medio e corto raggio dove possono colpire il territorio dell’altra parte;
– non condurre esercitazioni e altre azioni con più di una brigata nella zona di confine concordata, scambiare regolarmente informazioni sulle esercitazioni militari;
– confermare che le parti non si considerano opposte, consolidare l’accordo per risolvere pacificamente tutte le controversie e astenersi dall’uso della forza;
– impegnarsi a non creare condizioni che possano essere percepite come una minaccia dall’altra parte;
– creare hotline per i contatti di emergenza.

Il documento è redatto in russo, inglese e francese, i cui testi fanno ugualmente fede. L’accordo entrerà in vigore dalla data di trasferimento delle notifiche di consenso da più della metà degli Stati firmatari al depositario.

Si precisa inoltre che ogni partecipante può recedere dal contratto dandone comunicazione al depositario. In questo caso, il contratto si risolverà su base individuale dopo 30 giorni.

Le principali disposizioni del secondo documento:

– non dispiegare armi e forze in aree in cui sarà percepito dall’altra parte come una minaccia alla sicurezza nazionale;
– astenersi dal far volare bombardieri pesanti nucleari e comunque non al di fuori dei propri cieli, da punti dove possono colpire bersagli sul territorio dell’altra parte;
– astenersi dal dislocare navi da guerra in aree al di fuori delle acque nazionali, da dove possono colpire obiettivi sul territorio dell’altra parte;
– non dispiegare missili a medio e corto raggio all’estero e in aree da cui possono colpire bersagli sul territorio dell’altra parte;
– astenersi dal dispiegare armi nucleari all’estero e restituire quelle già dispiegate, nonché eliminare le infrastrutture per dispiegare armi nucleari al di fuori del proprio territorio;
– non condurre esercitazioni militari che prevedano lo sviluppo di scenari che contemplino l’uso di armi nucleari e non preparare paesi militari non nucleari all’uso di armi nucleari;
– Gli Stati Uniti si impegnano a escludere un’ulteriore espansione della NATO verso est ea rifiutare di ammettere paesi post-sovietici all’alleanza;
– Gli Stati Uniti si impegnano a non creare basi militari nei paesi post-sovietici, a non utilizzare le loro infrastrutture militari e a non sviluppare con loro una cooperazione militare.

L’accordo è redatto in russo e inglese ed entra in vigore dalla data di ricezione di una notifica scritta che le parti hanno completato le necessarie procedure nazionali.

Link degli atti pubblicati nel sito del Ministero degli Esteri russo:

Qui bozza di documenti russi per garantire garanzie di sicurezza giuridica da parte di Stati Uniti e NATO

QUI ACCORDO TRA LA FEDERAZIONE RUSSA E GLI STATI UNITI D’AMERICA SULLE GARANZIE DI SICUREZZA

17/12/2021 13:30

La Federazione Russa e gli Stati Uniti d’America, di seguito denominati ‘le Parti’,

guidati dai principi contenuti nella Carta delle Nazioni Unite, nella Dichiarazione sui principi di diritto internazionale concernenti le relazioni amichevoli e la cooperazione tra gli Stati in conformità con la Carta delle Nazioni Unite del 1970, l’Atto finale di Helsinki del 1975 della Conferenza sulla sicurezza e la cooperazione in Europa e a Manila la Dichiarazione del 1982 sulla risoluzione pacifica delle controversie internazionali, la Carta per la sicurezza europea del 1999, l’Atto istitutivo del 1997 sulle relazioni reciproche, la cooperazione e la sicurezza tra la Russia e l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico;

Ricordando l’inammissibilità nelle loro reciproche relazioni – nonché in generale nelle relazioni internazionali – dell’uso della forza o della minaccia della forza in qualsiasi altro modo incompatibile con le finalità ei principi della Carta delle Nazioni Unite;

si impegnano a sostenere il ruolo del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che ha la responsabilità primaria del mantenimento della pace e della sicurezza internazionali;

si riconosce la necessità di unire gli sforzi per rispondere efficacemente alle sfide e alle minacce contemporanee alla sicurezza in un mondo globalizzato e interdipendente;

ci si obbliga alla stretta osservanza del principio di non ingerenza negli affari interni, compreso il rifiuto di sostenere organizzazioni, gruppi e individui che propugnano un cambio di governo incostituzionale, nonché qualsiasi azione volta a modificare il sistema politico o sociale di uno dei contraenti feste;

questo nel senso di migliorare l’esistente o creare ulteriori meccanismi di interazione efficaci e prontamente avviati per risolvere problemi e disaccordi emergenti attraverso un dialogo costruttivo basato sul rispetto reciproco e il riconoscimento degli interessi e delle preoccupazioni reciproche in materia di sicurezza, nonché per sviluppare una risposta adeguata alle sfide e minacce nel campo della sicurezza;

ci si sforzerà di evitare qualsiasi scontro militare e conflitto armato tra le Parti e rendendosi conto che uno scontro militare diretto tra di esse può portare all’uso di armi nucleari, che avrebbe conseguenze di vasta portata;

si riafferma che non ci possono essere vincitori in una guerra nucleare e che non dovrebbe mai essere scatenata, inoltre si riconosce la necessità di compiere ogni sforzo per prevenire il pericolo di una tale guerra tra Stati nucleari;

si riafferma i propri obblighi ai sensi dell’Accordo sulle misure per ridurre il rischio di una guerra nucleare tra l’Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche e gli Stati Uniti d’America del 30 settembre 1971, l’Accordo tra il governo dell’Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche e il governo degli Stati Uniti d’America sulla prevenzione degli incidenti in alto mare e nello spazio aereo sovrastante del 25 maggio 1972, l’Accordo tra l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche e gli Stati Uniti d’America sull’istituzione di centri di riduzione del rischio nucleare di 15 settembre 1987,e l’Accordo tra l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche e gli Stati Uniti d’America per la prevenzione delle attività militari pericolose del 12 giugno 1989;

Le parti hanno convenuto quanto segue:

Articolo 1. Le parti interagiscono sulla base dei principi di indivisibile ed eguale sicurezza, fatta salva la reciproca sicurezza, e per tali finalità:

ci si impegna a non intraprendere azioni e non svolgere attività che incidono sulla sicurezza dell’altra Parte, non parteciparvi e non supportarla;

ci si impegna a non attuare misure di sicurezza adottate da ciascuna Parte individualmente o nell’ambito di un’organizzazione internazionale, un’alleanza militare o una coalizione che pregiudicherebbero gli interessi di sicurezza fondamentali dell’altra Parte.

Articolo 2. Le Parti si adoperano per garantire che qualsiasi organizzazione internazionale, alleanza militare o coalizione a cui partecipa almeno una delle Parti, rispetti i principi contenuti nella Carta delle Nazioni Unite.

Articolo 3. Le Parti non utilizzeranno il territorio di altri Stati allo scopo di preparare o eseguire un attacco armato contro l’altra Parte, o altre azioni che ledano gli interessi fondamentali di sicurezza dell’altra Parte.

Articolo 4. Gli Stati Uniti d’America si impegnano a escludere un’ulteriore espansione verso est dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico ea rifiutare di accettare nell’alleanza gli stati che prima facevano parte dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche.

Gli Stati Uniti d’America non stabiliranno basi militari sul territorio di stati che erano precedentemente membri dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche e non sono membri dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, non utilizzeranno le loro infrastrutture per alcuna attività militare o svilupperanno una cooperazione militare bilaterale con loro.

Articolo 5. Le Parti si astengono dal dispiegare le proprie forze armate e armi, anche nell’ambito di organizzazioni internazionali, alleanze o coalizioni militari, in aree in cui tale dispiegamento sarebbe percepito dall’altra Parte come una minaccia alla propria sicurezza nazionale, ad eccezione di tale dispiegamento nei territori nazionali delle Parti.

Le parti si astengono dal pilotare bombardieri pesanti equipaggiati per armi nucleari o non nucleari e dal trovare navi da guerra di superficie di tutte le classi, anche all’interno di alleanze, coalizioni e organizzazioni, in aree, rispettivamente, al di fuori dello spazio aereo nazionale e al di fuori delle acque territoriali nazionali, da dove possono impegnare obiettivi nel territorio dell’altra Parte.

Le parti mantengono il dialogo e interagiscono per migliorare i meccanismi per prevenire pericolose attività militari in mare aperto e nello spazio aereo sopra di esso, compreso l’accordo sulla distanza massima di rendez-vous tra navi da guerra e aerei.

Articolo 6. Le Parti si impegnano a non dispiegare missili terrestri a medio e corto raggio al di fuori del proprio territorio nazionale, nonché in quelle aree del proprio territorio nazionale da cui tali armi sono in grado di colpire obiettivi sul territorio nazionale dell’altra Parte.

Articolo 7. Le Parti escludono il dispiegamento di armi nucleari al di fuori del territorio nazionale e restituiscono tali armi già dispiegate al di fuori del territorio nazionale al momento dell’entrata in vigore del presente Trattato nel territorio nazionale. Le parti elimineranno tutte le infrastrutture esistenti per il dispiegamento di armi nucleari al di fuori del territorio nazionale.

Le Parti non addestreranno personale militare e civile di paesi non dotati di armi nucleari all’uso di tali armi. Le parti non conducono esercitazioni e addestramento di forze polivalenti, compreso lo sviluppo di scenari con l’uso di armi nucleari.

Articolo 8. Il presente Accordo entra in vigore dalla data di ricezione dell’ultima notifica scritta dell’attuazione delle necessarie procedure nazionali da parte delle Parti.

Fatto in duplice esemplare, ciascuno in lingua russa e inglese, entrambi i testi facenti ugualmente fede.

Per la Federazione Russa

Per gli Stati Uniti d’America

aggiunte:

Le proposte di sicurezza della Russia dovrebbero essere considerate nel loro insieme, questo non è un menu in cui tutti possono scegliere un elemento

Vice Ministro degli Esteri Ryabkov

“C’è una situazione con la nostra proposta di vecchia data, che è stata avanzata dal presidente Putin (e ora siamo tornati su di lui nei nostri progetti) sul reciproco rifiuto di schierare armi da attacco a medio e corto raggio. “, ha detto Ryabkov venerdì.in un briefing

Ryabkov  ha notato che la Russia ha offerto e non rimuove dal tavolo gli schemi su come iniziare a muoversi lungo questa strada in Europa, sebbene siano formulati in una forma più esplicativa nelle bozze di accordi.

“Lo stesso vale per l’Asia. La direzione in cui, credo, vale la pena richiamare il contesto e avvertire che l’apparizione dei corrispondenti mezzi americani dall’est, sotto qualunque slogan venga effettuata, per qualsiasi motivo, porterà a un cambiamento della nostra posizione nell’ambito della suddetta moratoria “, ha aggiunto il viceministro degli Esteri della Federazione Russa.

E un’altra aggiunta:

La Cina difenderà la sicurezza mondiale sulla base del consenso di Putin e Xi Jinping

PECHINO, 17 dicembre. / TASS /. Le autorità cinesi difenderanno risolutamente la sicurezza globale sulla base dell’intesa raggiunta dal presidente russo Vladimir Putin e dal presidente cinese Xi Jinping. Lo ha detto venerdì il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin.

“Continueremo ad agire in conformità con il consenso raggiunto dai leader della RPC e della Russia <…> e daremo un contributo attivo al mantenimento costante della sicurezza regionale e globale complessiva”, ha affermato in un briefing, rispondendo una domanda TASS sulle prospettive di cooperazione della Cina con RF e altri paesi dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva.

Exit mobile version