Il metodo usato per la Siria: ”Distruggi tutto, nessuno deve sapere”

Il  7 aprile 2018 avviene il presunto presunto attacco chimico a Douma. Poche ore dopo la diffusione della notizia, tutti i leader occidentali – benchè non ci siano prove e benchè l’esercito abbia già vinto la guerra per Duma – accusano Bashar al Assad. Subito dopo (senza ritenere necessaria alcuna inchiesta sull’accaduto), gli Stati Uniti e gli alleati lanciano una rappresaglia missilistica ”per ounire Assad”.  Ora – da una serie di rivelazioni – emerge che le prove sostenute dall’OPCW sono state falsificate per non smentire la decisione tripartita di bombardare la Siria. Morale della favola: prima si prende una decisione poi si costruiscono le prove per sostenerla. Così è la normalità del mondo di oggi.

Ma vediamo alcuni stralci delle ultime rivelazioni – così come trattate da Patrick Henningsen (21st Century Wire) – che gettano un’ombra ancora più scura sull’intera vicenda:

@vietatoparlare

[su_divider]

Lo scandalo suscitato per la falsificazione da parte della leadership dell’ Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (sigla OPAC, o anche OPCW dall’inglese Organisation for the Prohibition of Chemical Weapons) continua a rivelare nuovi elementi. Come forse ricorderete la diffusione di un rapporto di un membro interno dell’OPCW  evidenziava che in realtà quello effettuato nel sobborgo di Duma (Damasco) fu un falso attacco chimico messo in scena nell’interesse degli Stati Uniti e della Gran Bretagna per giustificare gli attacchi aerei in Siria.

Ebbene, questa settimana è stato aggiunto altra benzina sul fuoco: Wikileaks sta pubblicando nuovi documenti che mostrano la falsificazione dei rapporti dell’OPCW.
Tra i documenti pubblicati, viene fornita un’indicazione diretta della distruzione del rapporto, che ha confutato le accuse degli Stati Uniti e della Gran Bretagna riguardo all’ “attacco chimico” di Assad.

The World of Post-Truth:  Falsificazioni OPCW e Bellingcat (quest’ultimo è un sito di giornalismo investigativo fondato nel 2014 dal blogger britannico Eliot Higgins, ex impiegato di una società finanziaria inglese. Oggi l’evoluzione di quel blog, cioè il sito Bellingcat, è diventato un punto di riferimento per giornalisti, analisti e governi di tutto il mondo). (…)

Venerdì sera, l’editore online WikiLeaks ha pubblicato l’ultima serie di documenti interni riguardanti la missione di accertamento dei fatti dell’OPCW e le indagini sul presunto “attacco chimico” alla Duma, in Siria, avvenuto nell’aprile 2018. Come nelle versioni precedenti, questi documenti sono molto pericolosi e indicano sia l’intervento degli Stati Uniti che l’occultamento istituzionale a livello esecutivo.

I lettori noteranno che la loro decisione di bombardare la Siria nel 2018, pochi giorni dopo il presunto incidente, si basava sulla fede incrollabile dei leader dei governi degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e della Francia e della loro rete di supporto dei media mainstream – nella loro autoproclamata narrativa ufficiale, una delle quali attribuiva immediatamente  la colpa al governo siriano per il presunto uso di “armi chimiche”.
Questa “reazione rapida” portò a un attacco aereo tripartito congiunto di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia contro Damasco. Gli scettici all’epoca dubitavano di come fossero state scoperte prove così rapidamente prima che al team OPCW  fosse permesso di indagare su ciò che era realmente accaduto. Adesso sappiamo come andarono effettivamente le cose.

Il riassunto di WikiLeaks di questa ultima serie di documenti la potete trovare a questo link: https://wikileaks.org/opcw-douma/
Oggi WikiLeaks pubblica altri documenti interni OPCW riguardanti le indagini sul presunto attacco chimico alla Duma nell’aprile 2018.

Uno dei documenti è lo scambio di e-mail dal 27 al 28 febbraio tra i membri della missione di accertamento schierata nella Duma e alti funzionari dell’OPCW. In questa corrispondenza, di  particolare interesse è un’e-mail di Sebastian Brachy, capo del gabinetto dell’OPCW, dove comanda di rimuovere il rapporto tecnico di Jan Henderson dal registro riservato dell’organizzazione:

“Rimuovere questo documento dal DRA [Document Registry Archive] … E rimuovere tutte le tracce, se presenti, della sua consegna / conservazione / qualsiasi cosa sia presente nel DRA.”

[su_panel shadow=”0px 5px 3px #eeeeee”]La principale conclusione di Henderson – che ha esaminato le sezioni della Duma e i due cilindri che sono stati scoperti nel luogo del presunto attacco -, è stata che molto probabilmente i cilindri sono stati collocati lì manualmente piuttosto che essere stati lanciati da un aereo o elicottero da una notevole altezza. Le  scoperte di Henderson sono state omesse dal rapporto finale ufficiale dell’OPCW sull’incidente della Duma.[/su_panel]

Un altro documento rilasciato oggi è il verbale dell’incontro del 6 giugno 2018, durante il quale quattro dipendenti dell’OPCW hanno discusso con “tre tossicologi / farmacologi clinici, un bioanalista e un tossicologo chimico” (tutti gli specialisti di armi chimiche, secondo il protocollo).
Lo scopo di questo incontro era duplice. Il primo obiettivo era:

“Richiedi una consulenza di esperti sul valore dell’esumazione delle presunte vittime del presunto attacco chimico alla Duma il 7 aprile 2018.” Secondo il protocollo, gli esperti dell’OPCW hanno affermato che condurre esumazioni fosse inutile. Il secondo punto era: “Ottenere la consulenza di esperti da tossicologi forensi in merito ai sintomi osservati e riportati delle presunte vittime”.

Più specificamente

“… I sintomi osservati nelle vittime corrispondevano agli effetti del cloro o di altri gas reattivi al cloro.”

La versione ufficiale però contrasta con i protocolli interni pubblicati oggi: “Per quanto riguarda la coerenza dei sintomi osservati e registrati delle presunte vittime con possibile esposizione a cloro gassoso o sostanze simili, gli esperti nelle loro dichiarazioni hanno concluso che non vi era alcuna connessione tra i sintomi e l’esposizione al cloro”,

I membri del team OPCW hanno scritto che la conclusione chiave dell’incontro infatti, è stata:

“Che i sintomi osservati fossero incompatibili con l’esposizione al cloro e che nessun altro prodotto chimico candidato candidato evidente fosse identificato che causasse i sintomi.”

Il terzo documento è una copia delle e-mail OPCW che vanno dal 20 al 28 agosto 2018, in cui si discute di un incontro con tossicologi.

Il quarto documento è uno scambio di e-mail dalla fine di luglio 2018, in cui si afferma che otto ispettori OPCW di stanza nella Duma durante una missione di accertamento dei fatti (tranne uno, un paramedico) dovrebbero essere esclusi dalle discussioni sul progetto.

***

Come tutte le omissioni precedenti (tutte le omissioni precedenti sono disponibili sulla pagina WikiLeaks di OPCW), quest’ultima rivelazione non è meno terribile e rivela un occultamento interno di prove che potrebbero interferire con le accuse “unificate” ufficiali del “regime di Assad” degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Francia e la successiva decisione di lanciare missili in Siria.

La pubblicazione dei documenti riservati omessi [per non contrastare con la conclusione desiderata]  mostra anche come il team di terra di OPCW CFM sarà in seguito escluso dalla preparazione del rapporto pubblico finale, un passo che va contro le procedure operative standard dell’organizzazione.

Durante il mio periodo all’UNSCOM, ho partecipato a oltre 30 missioni di ispezione in Iraq. L’intero team ha partecipato alla preparazione del rapporto finale. Per gli estranei era impensabile scrivere un rapporto sulle ispezione. Ciò che è successo è qualcosa di fondamentalmente sbagliato per l’OPCW.

https://twitter.com/RealScottRitter 

La reazione principale a quest’ultima falla è quasi la stessa delle precedenti: il silenzio completo dei media corporativi e statali in Occidente. Invece dei normali giornalisti che trattano nuovi fatti, vediamo che i normali professionisti dei media sono schierati unanimante per allontanare le opinioni sui social network – da qualsiasi conclusione che potrebbe minare la narrativa occidentale, nonché attaccano qualsiasi opinione dissenziente dai media e dalla comunità scientifica e, soprattutto: cercano di screditare gli informatori OPCW, nonché la fonte di questo ultimo lotto di documenti, WikiLeaks.

Il Bellingcat, sponsorizzato dai governi degli Stati Uniti, del Regno Unito e dei Paesi Bassi, partecipa a questa campagna coordinata per screditare gli informatori dell’OPCW. Non sorprende che il gruppo riceva costantemente premi e inserisca funzioni di PR nelle principali pubblicazioni. Proprio il mese scorso, un documentario su Bellingcat intitolato ”Truth in the World After Truth” ha vinto l’ Emmy Award di New York. Naturalmente, l’ironia del nome del film diventa più chiara non appena si inizia a guardare il lungo catalogo di incidenti in cui Bellingcat ha effettivamente fabbricato le sue “prove”.

Va notato che sin dall’inizio della storia del presunto attacco chimico a  Duma (e, come in tutti gli altri incidenti “chimici” in Siria), Bellingcat ha difeso vigorosamente la versione ufficiale del governo occidentale sugli eventi utilizzati per lanciare un attacco missilistico sulla Siria nell’aprile del 208. Non c’è nulla di sorprendente qui. Dopo tutto, perché un gatto dovrebbe mordere la mano che lo nutre?

Non devi andare lontano, uno dei principali agenti dei media di Bellingcat, Nick Waters https://twitter.com/N_Waters89, è andato su Twitter per cercare di screditare lo staff OPCW interpretando l’ingegnere FFM e autore del primo rapporto trapelato, Ian Henderson, come un “outsider” e poi il rivelatore di OPCW “Alex” come bugiardo.

Si noti che il rapporto tecnico trapelato inizialmente, pubblicato all’inizio di quest’anno, è stato fornito dall’informatore al gruppo di lavoro su Siria, Media e Propaganda (WGSPM), che ha quindi pubblicato il rapporto  presentato insieme a analisi e commenti dettagliati.

Waters, pur continuando a tentare di screditare gli informatori dell’OPCW, questa volta sta cercando di screditare WikiLeaks, sostenendo che pubblicare informatori su Internet sta “modellando l’agenda”, distraendo i suoi seguaci dai fatti delle rivelazioni trapelate. (vedi Waters Twitter https://twitter.com/N_Waters89)

Il fatto che Bellingcat sia un leader nell’applicazione della narrativa è importante dato che quasi tutti i corrispondenti dei media occidentali in Medio Oriente seguono e promuovono Bellingcat come una semplice fonte universale per qualsiasi “prova” o punto di vista necessario per colmare le lacune, qualsiasi storia relativa ai presunti crimini del regime di Assad o della Federazione Russa.

In effetti, è così che funziona questa camera d’eco, e allo stesso tempo ci sono pochissimi pensieri critici riguardo l’area di una singola narrativa occidentale. Tuttavia, nonostante tutte le nuove prove schiaccianti dell’OPCW, che dovrebbero almeno sollevare ragionevoli dubbi sulla conclusione prestabilita dell’alleanza occidentale in merito al dubbio “attacco chimico della Duma”, la stampa occidentale e la leadership politica sono completamente silenziose.

Niente di tutto ciò fa ben sperare per l’OPCW, i media mainstream o quei governi che, piaccia o no, sono ora attivamente coinvolti nel nascondere quello che può essere chiamato solo un crimine di guerra. La scrittrice Sheila Coombs ha commentato questo per https://21stcenturywire.com/:

Il fatto che sia stato ignorato, e il fatto che Jan Henderson, l’autore del rapporto tecnico nascosto ma trapelato, sia stato rimosso dal sito Web OPCW, indica la corruzione ai massimi livelli di questa ex straordinaria organizzazione delle Nazioni Unite.
Il primo direttore generale dell’OPCW, Jose Bustani, nominato alla sua creazione nel 1997, afferma che ora spera che l’organizzazione “possa rinascere per ritornare l’organismo indipendente e non discriminatorio che era”.

Mentre questa storia continua ad evolversi (e si evolverà ancora), i numerosi servitori dell’establishment e la polizia di Internet che sono ossessionati dalla difesa del più santo Occidente – anche più di quanto non faccia il dominio ufficiale – , non hanno altra opzione [che mentire] per salvare la narrativa ufficiale anziché rivelare un grande crimine. Forse sarebbe troppo dire finalmente cosa sta succedendo.
Invece, con una pala in mano, hanno deciso di scavare una fossa più profonda e, alla fine, screditano completamente se stessi come giornalisti e esperti esperti, dai quali si definiscono costantemente.

Come notato in precedenza, in un futuro prevedibile, qualsiasi questione che sarà in qualche modo correlata all’OPCW non può essere collegata ad alcuna “obiettività” e “imparzialità” di questa organizzazione, che ha deliberatamente e deliberatamente falsificato le conclusioni a servizio di Washington. Infatti, dopo essersi inserito nella sanguinosa meretrice del falso “attacco chimico”, l’attuale leadership dell’OPCW ha sicuramente distrutto ogni fiducia in questa organizzazione.

Fonti:
https://21stcenturywire.com/2019/12/28/post-truth-world-a-clear-opcw-cover-up-shielded-by-msm-and-bellingcat/ – originale in inglese
https://colonelcassad.livejournal.com/5525576.html.

Exit mobile version