Il Forum economico mondiale (WEF) e ed il suo direttore Klaus Schwab vogliono per sempre il distanziamento umano.

Il Forum economico mondiale (WEF) e ed il suo direttore Klaus Schwab vogliono per sempre il distanziamento umano.

Il COVID-19 ha ribaltato tutti i soliti modi con cui abitualmente conduciamo il nostro lavoro e le modifiche non scompariranno con il virus. Abbiamo l’opportunità di usare questa crisi per essere creativi e fantasiosi nel ripensare il modo in cui lavoriamo, e per abbracciare e rafforzare le nostre connessioni umane gli uni con gli altri.

Nel suo libro del 2016, La quarta rivoluzione industriale, “ Klaus Schwab, un economista e fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, scrive che ” siamo all’inizio di una rivoluzione che sta cambiando radicalmente il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci relazioniamo gli uni con gli altri … “

All’epoca in cui scrisse il libro, non avrebbe potuto prevedere che l’arrivo di una pandemia globale avrebbe accelerato quella rivoluzione a velocità di ‘curvatura’. Come cantava John Lennon in Beautiful Boy, “La vita è ciò che ti accade mentre sei impegnato a fare altri progetti”.

I cambiamenti nel modo in cui lavoriamo quando ci adattiamo alle distanze sociali non saranno temporanei. La nostra “nuova normalità” sarà fondamentalmente diversa dopo che il virus si sarà ritirato nell’ombra. Il segmento della popolazione meglio posizionato per adattarsi a questo cambiamento epocale durante la notte  sono i cosiddetti nativi digitali, quei Millennial e membri della Gen-Z per i quali vivere, lavorare e pensare con una mentalità digital-first è come è sempre stata la vita… (…)
fonte:https://www.thespurgroup.com/blog/the-covid-19-revolu ..

Tutto questo può risultare strano ma altrettanto insoliti sono i passi sempre più allineati dell’informazione. Qui quella che scrive è la televisione CANADESE CBC.  Sempre a tema di distanziamento e isolamento umanoed in linea con la dottrina di Klaus Schwab, dice “Perché dovresti iniziare a indossare maschere migliori, anche all’aperto”

E così prosegue:

“La diffusione di varianti di coronavirus più contagiose in Canada tra livelli già elevati di COVID-19 rende un momento critico per pensare alle maschere che indossiamo.

Sia che ciò significhi trovare maschere di qualità migliore, raddoppiare le maschere o indossarle in ambienti a cui normalmente non penseremmo,

La diffusione di varianti di coronavirus più infettive in Canada richiede una rinnovata vigilanza, affermano gli esperti.

La diffusione di varianti di coronavirus più contagiose in Canada tra livelli già elevati di COVID-19 rende un momento critico per pensare alle maschere che indossiamo.

Sia che ciò significhi trovare maschere di qualità migliore, raddoppiare le maschere o indossarle in ambienti a cui normalmente non penseremmo, gli esperti dicono che è tempo di intensificare il nostro gioco.

Le varianti identificate per la prima volta in Sud Africa e nel Regno Unito si stanno diffondendo in Canada, in alcuni casi senza alcun legame noto con i viaggi, e hanno già portato a epidemie devastanti nelle case di cura a lungo termine”.

“Si stima che la variante scoperta nel Regno Unito, nota come B117 , sia almeno il 56% più trasmissibile e potenzialmente più mortale del ceppo di coronavirus originale. Ma anche se i numeri dei casi COVID-19 mostrano i primi segni di rallentamento in Canada, gli esperti dicono che sta diventando più importante che mai ridurre il più possibile il nostro rischio di esposizione per evitare che le varianti prendano piede. (…)” (Adam Miller · Notizie CBC ·Inserito: 28 gennaio 2021)

 

L’evidenza è che i media seguano loro traiettorie, mentre  l’ultimo studio “per mostrare la debolezza della posizione di pro-lockdown è apparso questo mese sull’European Journal of Clinical Investigation , scritto da Eran Bendavid, Christopher Oh, Jay Bhattacharya e John PA Ioannidis. Intitolato ” Valutazione degli effetti obbligatori della permanenza a casa e della chiusura dell’attività sulla diffusione di COVID-19, “. In tale studio gli autori confrontano” interventi non farmaceutici più restrittivi “(mrNPI) e” interventi non farmaceutici meno restrittivi “(lrNPI). Il risultato è che le misure di blocco più restrittive indicavano risultati peggiori . (vedi mises.org)
Lo studio avvalora altre prove crescenti che indicano che i blocchi non producono gli effetti desiderati. “Il solo risultato è che le persone vulnerabili che soffrivano di depressione, cancro non trattato e altre condizioni pericolose per la vita sono state costrette a soffrire semplicemente senza aiuto senza una ragione giustificabile. Questo è stato fatto per adattarsi a una narrativa politica, ma era basato su una serie di cattive ipotesi, scienza a metà e arroganza dei politici”. 


Inoltre, ci sono importanti studi clinici che dicono dell’inutilità della mascherina all’aperto (se non per i malati), ma l’informazione incurante , va intrepida dove ha deciso. Mi domando se  con tutte queste cose meravigliose in programma da realizzare, se permetteranno alla pandemia di sparire. I cambiamenti che si stanno mettendo in conto sono drastici ed il problema è convincere che tutto questo sia naturale.

@vietatoparlare

Exit mobile version