Il fallimento di Donald Trump nella politica iraniana

Pubblicità

Come uno tsunami, ondate di manifestanti iraniani hanno manifestato al di fuori dell’ex ambasciata Usa a Teheran, portando cartelli che criticano apertamente il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il re saudita Salman Al Saud e il principe ereditario Mohammad bin Salman. Le fotografie e le riprese di questa dimostrazione unanime di determinazione – e il rifiuto delle politiche aggressive dei nemici dell’Iran – sono state trasmesse dai media di tutto il mondo. Questa dimostrazione è stata solo uno di tanti eventi di questo tipo, che mostrano chiaramente il desiderio del popolo iraniano di seguire il percorso che hanno scelto e di resistere ai tentativi degli Stati Uniti di soffocare la loro nazione.

Per Donald Trump, in una chiara violazione del diritto internazionale, ha ritirato gli Stati Uniti dal cosiddetto accordo nucleare con l’Iran, firmato da molte delle principali nazioni del mondo, e in novembre ha imposto nuove, molto dure e illegali sanzioni su Teheran. La nuova versione dell’embargo contro i settori petrolifero e marittimo iraniano include restrizioni sulle operazioni finanziarie che sono al centro dell’esportazione dell’Iran del petrolio e del gas. Washington – come rappresentato dal leader statunitense Donald Trump – ha giurato che sarà “implacabile” nelle sue azioni contro l’Iran, e il Segretario di Stato Mike Pompeo ha fermamente affermato che gli Stati Uniti vogliono che l’Iran “faccia una svolta a 180 gradi” e abbandonare il suo “corso rivoluzionario attuale”.

Tuttavia molti politici, anche al più alto livello, hanno immediatamente espresso dubbi sul fatto che l’embargo avrebbe avuto molto effetto. In primo luogo, non appena l’amministrazione di Donald Trump annunciò le nuove sanzioni, emise un elenco di 8 paesi “esenti”, tra cui Cina, India, Corea del Sud, Giappone e Turchia, che sono tra i maggiori importatori di petrolio iraniano. Nel 2017 queste cinque nazioni insieme rappresentavano il 70% delle esportazioni iraniane di greggio e condensati. La Cina, una delle parti dell’accordo sul nucleare, rappresenta quasi il 25% del mercato di esportazione di petrolio dell’Iran.

In secondo luogo, l’Unione europea, insieme ad altri paesi che sono parti dell’accordo sul nucleare e non figurano nell’elenco “esenti”, ha annunciato che continuerà ad onorare i termini dell’accordo finchè Teheran farà lo stesso. L’UE ha anche promesso di risarcire le società europee che subiscono perdite a causa delle sanzioni statunitensi e sta cercando di istituire un “meccanismo speciale” per effettuare pagamenti all’Iran. Questo meccanismo opererà al di fuori del sistema di pagamento internazionale SWIFT e potrebbe consentire all’UE e all’Iran di effettuare e ricevere pagamenti in base a contratti, senza alcun coinvolgimento degli Stati Uniti.

Nonostante questi sforzi, non è chiaro quanto continueranno gli scambi tra l’UE e l’Iran. Sotto la pressione degli Stati Uniti, una serie di importanti aziende europee nei settori dell’energia, della navigazione e delle assicurazioni hanno già annunciato che stanno abbandonando i loro progetti congiunti con l’Iran. Ad esempio, la società danese AP Møller-Mærsk, uno dei maggiori operatori mondiali di navi portacontainer, che dispone anche di una grande divisione che fornisce esplorazione di petrolio e gas, perforazione e altri servizi correlati, ha annunciato che sta chiudendo tutte le sue attività in Iran . Come Soren Skou, l’amministratore delegato della compagnia ha detto: “Non puoi fare affari in Iran se hai anche affari negli Stati Uniti, e lo facciamo su larga scala”. E, il giorno prima della pubblicazione di questa dichiarazione,

Le politiche di Donald Trump verso i suoi alleati sono state sinteticamente riassunte dal quotidiano tedesco Die Zeit :

“L’Unione europea ha aspettato a lungo di reagire ai cambiamenti delle sanzioni e dei regimi commerciali degli Stati Uniti. I leader europei e i funzionari della UE hanno guardato con curiosità, aspettando di vedere fino a che punto Donald Trump andrà – e lui non ha intenzione di fermarsi. Ma è una cosa per Donald Trump per imporre sanzioni contro la Corea del Nord, l’Iran, la Cina e la Russia, ed è una cosa molto diversa quando quelle sanzioni statunitensi colpiscono le aziende europee. Ora è diventato di vitale importanza per l’UE rispondere alle politiche del Presidente degli Stati Uniti “.

In terzo luogo, il mercato stesso sta lavorando contro le sanzioni statunitensi. La caduta del volume di petrolio che l’Iran non sarà in grado di vendere sarà compensata dall’aumento dei prezzi del petrolio, e l’Iran difficilmente vedrà un forte calo delle sue entrate dalle esportazioni di petrolio. A febbraio il prezzo spot del petrolio Brent è rimasto nella regione di $ 60 al barile. Raggiunse gli 80 dollari al barile dopo che gli Stati Uniti si ritirarono dall’accordo nucleare e poi in ottobre salì a 86 dollari al barile in risposta al calo della produzione petrolifera dal Venezuela. Donald Trump ha fatto molti sforzi per persuadere i suoi alleati in Medio Oriente ad aumentare la loro produzione, ma anche allora, a partire da novembre, i prezzi erano solo scesi al livello di $ 70 al barile. Dal momento che il bilancio del governo iraniano si basa su un prezzo di $ 55 al barile, Teheran potrebbe ancora ricevere un reddito maggiore del previsto.

È diventato chiaro che la politica di Donald Trump era destinata a fallire dopo la recente riunione OPEC +. Il giorno prima dell’incontro, Donald Trump ha twittato: “Speriamo che l’OPEC manterrà i flussi di petrolio così com’è, non limitato. Il mondo non vuole vedere, o ha bisogno, prezzi petroliferi più alti! “Ma, nonostante la pressione di Donald Trump, che chiedeva di mantenere bassi i prezzi, i principali paesi esportatori di petrolio, inclusa la Russia, hanno accettato di tagliare la produzione di petrolio in la prima metà del 2019 di 1,2 milioni di barili al giorno. “Ridurremo 1,2 milioni di bpd in totale”, ha annunciato Thamer Abbas al-Ghadhban, ministro iracheno del petrolio. Ha aggiunto che questo rappresenta poco più dell’1% della produzione mondiale di petrolio, secondo l’agenzia di stampa France Press.

Pubblicità

I membri dell’OPEC + sperano che questa misura manterrà i prezzi del petrolio ad un livello elevato. I paesi dell’OPEC ridurranno la loro produzione combinata di 800.000 barili al giorno, mentre i paesi non OPEC ridurranno la loro produzione di 400 000 barili al giorno. Suhail Mohamed Faraj Al Mazrouei, ministro dell’Energia e dell’Industria degli Emirati Arabi Uniti e attuale presidente dell’OPEC ha dichiarato in una conferenza stampa che il gruppo OPEC + ha accettato di esentare l’Iran da qualsiasi taglio di produzione.

La risposta di Hassan Rouhani, presidente dell’Iran, alle politiche di Donald Trump e alle nuove sanzioni è stata piuttosto contenuta: ha detto che queste misure aggressive mirate all’Iran e al popolo iraniano non hanno avuto alcun effetto sull’economia dell’Iran, perché non erano nulla di nuovo -Washington li aveva già, in effetti, reimposti in precedenza.

Se guardiamo alle azioni più recenti degli Stati Uniti e alla condotta di Donald Trump in relazione all’Iran e all’intera regione del Medio Oriente, allora una cosa diventa chiara. Per quasi 30 anni, dall’operazione Desert Storm, gli Stati Uniti sono stati coinvolti in un esperimento sociale in corso e senza successo: un tentativo di portare la democrazia in Medio Oriente al fine di creare una “stabilità” a lungo termine. Ma i goffi interventi militari americani, pur crescendo di dimensioni, non sono riusciti a cambiare nulla. In realtà, gli interventi statunitensi hanno destabilizzato la regione. Tuttavia, Washington continua ad aggrapparsi al suo status di egemone globale, a esercitare pressioni, imporre limiti e tenere a bada ogni paese che cerca di resistergli. Anche se ciò significa provocare un conflitto. Inoltre, gli Stati Uniti si rifiutano di rispettare le regole internazionali, ha dichiarato che si ritirerà dal trattato INF ed è pronto a ritirarsi dal nuovo START e dal NAFTA e, in generale, sta cercando di riscrivere tutte le regole internazionali per adattarsi. Il mondo ha visto tutto questo in passato ed è sopravvissuto a tutto. E anche il ruolo degli Stati Uniti come poliziotto globale finirà.

Viktor Mikhin, membro corrispondente di RANS, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook “.

 

 

[ad_2]

Source link