Il documentario “La verità sulla Fratellanza Musulmana” (inglese)

Pubblicità

Documentario
di John Rossomando
IPT News – The Investigative Project of terrorism – 8 luglio 2019

Un nuovo breve documentario del cineasta Ami Horowitz offre uno scorcio interiore di ciò che i membri della Fratellanza Musulmana pensano davvero. Horowitz si è recato a Beirut, Istanbul, Il Cairo e in California per parlare con attivisti e membri della Fratellanza Musulmana nelle strade egiziane.

Horowitz si aspettava che i membri della della Fratellanza Musulmana fossero cauti, dal momento che l’organizzazione è generalmente segreta. Ma ha detto al Progetto Investigativo sul Terrorismo (IPT) che erano sinceri. I membri dei Fratelli Musulmani generalmente non ammettono di appartenere al gruppo, anche in Medio Oriente.

“Quello che ho trovato quando mi sono seduto con loro, e ne ho parlato con decine di loro, è che sono molto aperti su quali sono i loro piani e cosa vogliono fare”, ha detto Horowitz.

Agli appartenenti della Confraternita piace dire che fanno parte di organizzazioni diverse da un paese all’altro. Tuttavia, Horowitz ha scoperto che molti di loro si conoscevano e avevano obiettivi simili nonostante provenissero da diversi paesi. L’obiettivo finale della Fratellanza è uno stato islamico globale.

Pubblicità

“Erano tutti provenienti da diverse parti del mondo e si conoscevano tutti”, ha detto Horowitz all’IPT. “Sono andati tutti a certe riunioni a cui hanno assistito tutti … ho scoperto che quando grattate la superficie e vi trovate dietro il rivestimento, la connessione tra loro è meno oscura”.

Horowitz ha realizzato video e film negli ultimi 12 anni. Questo film è stato finanziato privatamente ed è disponibile per la visualizzazione a titolo gratuito.

Alcune delle informazioni più sorprendenti che ha ottenuto provenivano da un membro della Confraternita che viveva nel sud della California. Un tribunale egiziano ha condannato a morte Nidal Mohamed Sakr per aver presumibilmente ucciso un agente di polizia, ma è riuscito a fuggire negli Stati Uniti nel 2014.

In un video del 2012 ha detto che è nato in una famiglia di Fratelli Musulmani. Sua madre ha partecipato a colloqui in Egitto con il fondatore dellaFratellanza Musulmana Hasan al-Banna. Si è unito formalmente alla Fratellanza nei primi anni ’70 in Giordania. Ciò lo ha messo in contatto con il defunto mentore di Osama bin Laden, Abdullah Azzam, che secondo Sakr lo ha reclutato in una cellula jihadista che ha combattuto contro Israele. Sakr ora vive a Huntington Beach, in California, vicino a Los Angeles. Ha chiesto l’esecuzione del presidente Trump in un tweet di ottobre 2017 .

Horowitz ha detto di non sapere se il servizi segreti abbiano contattato Sakr riguardo alle sue affermazioni.

Pubblicità

Nel film di Horowitz, Sakr ha spiegato che le operazioni della Fratellanza dipendono dal paese di origine di un attivista. Negli Stati Uniti, i membri della Fratellanza Musulmana lavorano all’interno del sistema.

Sakr ha definito i gruppi sulla sinistra politica i suoi “sostenitori e … difensori negli ambienti politici”. (…)

Le dichiarazioni di Sakr hanno lasciato Horowitz credendo che Sakr sia negli Stati Uniti per abbattere gli Stati Uniti, ha detto all’IPT.

Il sostegno della sinistra per i Fratelli musulmani ha particolarmente affascinato Horowitz. Lo attribuisce al concetto di intersezionalità della sinistra, secondo il quale tutti i gruppi apparentemente oppressi sono collegati e hanno bisogno di lavorare insieme.

Pubblicità

“A prima vista, penseresti che i Fratelli Musulmani e la Sinistra sarebbero nemici giurati con valori antitetici l’uno contro l’altro, e in larga misura questo è vero”, ha detto Horowitz. “… Ma il valore che la sinistra ha di più caro è questa nozione di intersezionalità.

“Pertanto, la Sinistra considera generalmente l’Islam come una classe oppressa perché la guarda attraverso un punto di vista centrato sull’Occidente, e quindi, sente di dover sollevare l’Islam, incluso l’Islam radicale”.

La dominazione musulmana degli Stati Uniti è vista dai Fratelli Musulmani come il suo “Santo Graal”, ha detto Horowitz nel suo documentario.

“Non penso ci sia alcuna morale in America, se tu dici e non pratichi non c’è morale”, ha detto il capo della Fratellanza turco Ashraf Abdel Ghaffar a Horowitz. “L’Islam è la soluzione ovunque, perché? Perché c’è una morale in piedi”.

Pubblicità

Gruppi come il Council on American Islamic Relations (CAIR), la Islamic Society of North America (ISNA), la Muslim American Society (MAS) e l’Muslim Student Association (MAS), che hanno tutti palesato le radici dei Fratelli Musulmani, negano di avere una connessione con il movimento più ampio. Horowitz nota che molti dei fondatori della Confraternita di queste organizzazioni rimangono attivi con loro.

“Se la Fratellanza Musulmana fosse un’organizzazione veramente legittima, non ho idea del perché gruppi come il CAIR e così via negherebbero di avere legami con i Fratelli Musulmani quando hanno chiaramente legami con i Fratelli Musulmani”, ha detto Horowitz. “Se la Fratellanza Musulmana fosse un’organizzazione che dovrebbe essere lodata come modello di tolleranza nel mondo islamico, allora perché queste organizzazioni statunitensi non sarebbero felici e orgogliose di essere associate ai Fratelli Musulmani?”

Il film di Horowitz può essere visto qui .

fonte: https://www.investigativeproject.org/7979/documentary-details-muslim-brotherhood-effort-to#.XSNWI4XQaIQ.twitter

JOIN THE DISCUSSION