Il diritto internazionale e le pretese USA sul petrolio che appartiene alla Siria

SputnikNews, 26 ottobre 2019

 

Al ministero della Difesa russo hanno commentato le dichiarazioni del numero uno del Pentagono sul mantenimento di un contingente militare americano in Siria orientale con l’obiettivo presunto di “impedire l’accesso dell’Isis ai giacimenti petroliferi”.
L’intervento del portavoce ufficiale del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov:
La dichiarazione del segretario della Difesa americano Mark Esper sulla necessità di mantenere una presenza militare americana in Siria orientale “per proteggere i giacimenti petroliferi” dai “terroristi dell’Isis*” non dovrebbe stupire.
Assolutamente tutti i giacimenti di idrocarburi e di altre risorse minerarie situate sul territorio siriano non appartengono ai terroristi dell’Isis, ancor meno ai “difensori degli americani contro i terroristi dell’Isis”, ma esclusivamente allo Stato siriano.
Né nel diritto internazionale, né nella stessa legislazione americana, da nessuna parte, non può essere legittimo il compito per le truppe americane di proteggere e difendere i giacimenti di idrocarburi siriani dalla stessa Siria e dalla sua popolazione.
La situazione nella Repubblica Araba di Siria
© FOTO : MINISTERO DELLA DIFESA RUSSO
La situazione nella Repubblica Araba di Siria
Pertanto, quello che Washington sta facendo ora, si tratta di un sequestro e del controllo militarizzato dei giacimenti petroliferi nella Siria orientale, è semplicemente un’azione di brigantaggio internazionale di Stato.

La vera ragione di questa illegale attività americana in Siria è lontana dai proclamati ideali di Washington di libertà e dai suoi slogan contro il terrorismo.

Impianto estrattivo petrolifero Daman, la provincia Deir-ez-Zor, il 23 agosto del 2019
© FOTO : MINISTERO DELLA DIFESA RUSSO
Impianto estrattivo petrolifero Daman, la provincia Deir-ez-Zor, il 23 agosto del 2019
Secondo le immagini presentate dell’intelligence spaziale del ministero della Difesa russo, il petrolio siriano prima e dopo la sconfitta dei terroristi dell’Isis, a Zaevfrati, sotto la scorta sicura dell’esercito americano, è stato attivamente estratto e inviato in massa tramite autocisterne per la raffinazione fuori dalla Siria.
Le posizioni delle autocisterne, la provincia di al-Hasaka, il 5 settembre del 2019
© FOTO : MINISTERO DELLA DIFESA RUSSO
Le posizioni delle autocisterne, la provincia di al-Hasaka, il 5 settembre del 2019
Contemporaneamente Washington aveva annunciato ufficialmente sanzioni per la fornitura di prodotti petroliferi alla Siria, che si applicano non solo contro le società americane, ma anche contro soggetti ed aziende straniere.
Le posizioni delle autocisterne, la provincia Deir-ez-Zor, l'8 settembre del 2019
© FOTO : MINISTERO DELLA DIFESA
Le posizioni delle autocisterne, la provincia Deir-ez-Zor, l’8 settembre del 2019
Sotto la protezione dei militari americani e degli uomini delle compagnie militari private, le autocisterne provenienti dai giacimenti petroliferi della Siria orientale si occupavano del contrabbando di petrolio in altri Stati. In caso di attacco contro un convoglio simile, le forze speciali e l’aviazione militare statunitense venivano immediatamente attivate in sua difesa.
Le posizioni delle autocisterne, la provincia Deir-ez-Zor, l'8 settembre del 2019
© FOTO : MINISTERO DELLA DIFESA RUSSO
Le posizioni delle autocisterne, la provincia Deir-ez-Zor, l’8 settembre del 2019
A proposito, la stessa produzione di petrolio viene realizzata utilizzando attrezzature fornite dalle principali società occidentali aggirando tutte le sanzioni americane.
Il contratto di esportazione di petrolio viene attuato dalla società controllata dagli americani Sadcab, creata sotto la cosiddetta “Amministrazione Autonoma orientale della Siria.” Le entrate derivanti dal contrabbando di petrolio siriano attraverso le società di intermediazione finiscono sui conti delle compagnie militari private e dei servizi segreti statunitensi.
Dato che il costo di un barile di petrolio siriano di contrabbando è di 38 $, le entrate mensili di questa “impresa privata” delle forze speciali statunitensi superano i 30 milioni di dollari.
Per un flusso finanziario così continuo, fuori controllo e senza la tassazione americana, la leadership del Pentagono e di Langley sarà pronta a proteggere e difendere i giacimenti petroliferi in Siria dalle mitiche “cellule nascoste dell’Isis” per sempre.
(*Il gruppo terroristico dello Stato Islamico è vietato in Russia e molti altri paesi)
[ad_2]

Source link