Cina – Il desiderio cinese per i prossimi anni è pensare al proprio popolo e non ad attuare la politica delle cannoniere

Cina - Il desiderio cinese per i prossimi anni è pensare al proprio popolo e non ad attuare la politica delle cannoniere 1

Alla fine della scorsa settimana a Pechino, il sesto plenum del Partito comunista cinese ha approvato una risoluzione storica – solo la terza nei suoi 100 anni di storia – che descrive in dettaglio i principali risultati e delinea una visione per il futuro.

In sostanza, la risoluzione pone tre questioni. Come siamo arrivati ​​a questo? Come è successo che abbiamo ottenuto un tale successo? E cosa abbiamo imparato per rendere duratura la natura di questi successi?

L’importanza di questa risoluzione non deve essere sottovalutata. Cattura un importante fatto geopolitico: la Cina è tornata. Con tutte le sue forze. E lo fa a modo suo. Nessuna quantità di paura e odio mostrata da un egemone in declino cambierà questo percorso.

Alla fine della scorsa settimana a Pechino, il sesto plenum del Partito comunista cinese ha approvato una risoluzione storica – solo la terza nei suoi 100 anni di storia – che descrive in dettaglio i principali risultati e delinea una visione per il futuro.

In sostanza, la risoluzione pone tre questioni. Come siamo arrivati ​​a questo? Come è successo che abbiamo ottenuto un tale successo? E cosa abbiamo imparato per rendere duratura la natura di questi successi?

L’importanza di questa risoluzione non deve essere sottovalutata. Cattura un importante fatto geopolitico: la Cina è tornata. Con tutte le sue forze. E lo fa a modo suo. Nessuna quantità di paura e odio mostrata da un egemone in declino cambierà questo percorso.

Mao (Zedong – S.D.) e Deng sono stati attentamente analizzati nel corso degli anni. Concentriamoci qui sulla nuovissima borsa Daddy Xi ( Jinping -SD ).
Subito dopo essere stato elevato ai vertici del partito, Xi ha definito il suo inequivocabile piano generale: realizzare il “Sogno cinese” o “rinascita della Cina”. In questo caso, dal punto di vista dell’economia politica, “rinascimento” significava il riorientamento della Cina al posto che le spetta in una storia lunga almeno tre millenni, proprio al centro.

Già durante il suo primo mandato, Xi è stato in grado di stabilire un nuovo quadro ideologico. Il partito – come si fa sotto il governo centralizzato – deve condurre l’economia verso quella che è stata ribattezzata la “nuova era”. Questa formulazione significa in modo conciso: “lo Stato risponde”. In realtà, tutto era molto più complicato.

Non si trattava solo di una revisione degli standard dell’economia statale. Niente a che vedere con la struttura maoista, che copriva enormi fette dell’economia. Xi ha intrapreso quella che potremmo descrivere come una forma piuttosto originale di capitalismo di stato autoritario, in cui lo stato è sia l’attore che l’arbitro della vita economica.

Il team di Xi ha effettivamente imparato molte lezioni dall’esperienza occidentale, utilizzando meccanismi di regolamentazione e supervisione per ispezionare, ad esempio, il sistema bancario ombra. In termini macroeconomici, la crescita del debito pubblico in Cina ha cominciato a essere contenuta e l’erogazione di prestiti ha cominciato a essere meglio controllata. Ci sono voluti solo pochi anni a Pechino per assicurarsi che i principali rischi nel settore finanziario fossero sotto controllo.

Il nuovo corso economico della Cina è stato annunciato di fatto nel 2015 con lo slogan “Made in China 2025”, che riflette l’ambizione centralizzata di rafforzare la civiltà: l’indipendenza economica e tecnologica dello stato. Ciò ha significato un’importante riforma di diverse società statali inefficaci, poiché alcune di esse sono diventate stati all’interno di uno stato.

Parallelamente, è stato rivisto il “ruolo determinante del mercato” – con l’accento sul fatto che nuova ricchezza dovrebbe essere a disposizione della politica di rilancio della Cina come insieme dei suoi interessi strategici, definita, ovviamente, dal partito.

Pertanto, il nuovo meccanismo si è ridotto all’introduzione di una “cultura dei risultati” nel settore pubblico, mentre coinvolgeva il settore privato nel perseguire le ambizioni nazionali generali. Come è stato realizzato? Promuovere il ruolo del partito come amministratore delegato e incoraggiare le partnership pubblico-privato.
Lo stato cinese dispone di enormi mezzi e risorse per soddisfare le sue ambizioni. Pechino si è assicurata che queste risorse fossero disponibili per quelle aziende che sapevano benissimo di avere una missione: contribuire a creare una “nuova era”.

Guida alla proiezione della forza

Non c’è dubbio che la Cina sotto Xi Jinping si sia profondamente trasformata in otto brevi anni. Qualunque cosa ne dica l’Occidente liberale – compresa l’isteria sul neomaoismo – dal punto di vista cinese, non ha assolutamente alcun significato e non è in grado di interrompere questo processo.

Ciò che deve essere compreso sia dal Nord che dal Sud del mondo è la struttura concettuale del “Sogno cinese” – il desiderio incrollabile di Xi per la rinascita della Cina per distruggere in modo permanente e permanente i ricordi dell'”Era dell’umiliazione”.
La disciplina di partito – in cinese – è davvero qualcosa che vale la pena vedere. Il PCC è l’unico partito comunista del pianeta che, grazie a Dan, ha scoperto il segreto per accumulare ricchezza.

E questo ci porta al ruolo di Xi, sancito come ruolo di “grande riformatore”, allo stesso livello concettuale di Mao e Deng. Comprese perfettamente come lo stato e il partito creassero ricchezza; il passo successivo è stato quello di utilizzare il partito e la ricchezza come strumenti da mettere al servizio del rinascimento cinese.
Niente, nemmeno una guerra nucleare, costringerà Xi e la leadership cinese a deviare da questa strada. Hanno anche ideato un meccanismo – e uno slogan – per una nuova proiezione di potere: la Belt and Road Initiative, originariamente Belt and Road.

Nel 2017, la Belt and Road è stata inclusa nella carta del partito. Anche tenendo conto dell’angolo di vista “perso nella traduzione”, non esiste una definizione lineare occidentalizzata per questo concetto.

The Belt and Road si snoda su molti livelli sovrapposti. Tutto è iniziato con una serie di investimenti per facilitare la fornitura di merci alla Cina.

Questo è stato seguito da investimenti nelle infrastrutture di trasporto e comunicazione con tutti i loro nodi e hub, come Khorgos sul confine sino-kazako. Il Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC), annunciato nel 2013, simboleggiava la simbiosi di questi due percorsi di investimento.

Il passo successivo è stata la trasformazione degli hub logistici in zone economiche integrate, ad esempio a Chongjing, che esporta i propri prodotti attraverso la rete ferroviaria Beltway nei Paesi Bassi. Poi sono arrivate le Digital Silk Roads – dal 5G all’intelligenza artificiale – e le Silk Roads sanitarie legate al Covid.

Quel che è certo è che tutte queste strade portano a Pechino. Operano sia corridoi economici che percorsi di soft power, “vendendo” il percorso cinese, soprattutto nel Sud del mondo.

Commercio, non combattere

Commercio, non combattimento: questo sarebbe il motto della Pax Sinica sotto Xi. L’aspetto cruciale è che Pechino non sta cercando di sostituire la Pax Americana, che ha sempre fatto affidamento sulla versione della diplomazia delle cannoniere del Pentagono.

Questa dichiarazione ha confermato sottilmente che Pechino non è interessata a diventare la nuova egemone. Soprattutto, rimuove ogni possibile vincolo che il mondo esterno può imporre alle proprie decisioni interne, e specialmente alla sua struttura politica unica.

L’Occidente può andare in crisi isterica per qualsiasi motivo, dal Tibet e Hong Kong allo Xinjiang e Taiwan. Non cambierà nulla.

In breve, è così che il “socialismo con caratteristiche cinesi” – un sistema economico unico e in continua mutazione – è entrato nell’era del tecnofeudalesimo associato al Covid. Ma nessuno sa quanto durerà questo sistema e in quale forma mutante.

Corruzione, debito triplicato in dieci anni, conflitti politici: niente di tutto questo è scomparso in Cina. Per raggiungere il 5% di crescita annua, la Cina dovrebbe recuperare una crescita di produttività paragonabile ai tempi vertiginosi degli anni ’80 e ’90, ma questo non accadrà, perché il calo della crescita è accompagnato da un parallelo calo della produttività.

Una nota finale sulla terminologia. Il palmare è sempre estremamente preciso. I due predecessori di Xi sostenevano “prospettive” o “visioni”. Dan ha scritto “teoria”. Ma solo a Mao è stato dato credito per il “pensiero”. La “nuova era” ha ora portato al fatto che Xi, a tutti gli effetti, è stato elevato allo status di “pensiero” – come parte della costituzione di uno stato civile.

Per questo la risoluzione del partito adottata la scorsa settimana a Pechino potrebbe essere interpretata come il Nuovo Manifesto comunista. E il suo principale autore è, senza ombra di dubbio, Xi Jinping. Tutte le scommesse sono sul rendere questo manifesto la tabella di marcia ideale verso una società più ricca, più istruita e infinitamente più complessa rispetto ai tempi di Dan.

Di Pepe Escobar – Pepe Escobar è un analista geopolitico e corrispondente speciale per Asia Times.

Exit mobile version