Il credo del nuovo mondo che verrà…

Avevo accennato al Met Gala, l’evento per super-ricchi organizzato come gala di beneficienza (biglietto di ingresso $ 35.000 per un biglietto, $ 200.000 + per un tavolo) a New York.
Pensare che mi era sembrato estroversa ed ipocrita Alexandria Ocasio-Cortez (nota come AOC) perchè indossava un abito con la scritta “Tax the Rich” (vedi qui).

Beh, naturalmente non avevo visto alcuni altri convitati che, del resto, rappresentano l’orientamento odierno delle élite mondiali, ovvero dei più ricchi, quindi dei governi.

Siccome i riflettori dei media si sono accesi tutti per la AOC, non mi ero accorto di questa bizzarria di massa che coincide in fondo con le tendenze attuali.

Le immagini sono state proposte da un blog italiano che le ha riprese dal magazine Vigilant Citizen.

Interessante e condivisibile l’osservazione di un utente che commenta: “Non conosco nemmeno il 90% di queste “stelle”. Tutti gli eventi sul tappeto rosso e gli spettacoli di premiazione hanno perso prestigio e glamour quando iniziano a invitare “influencer” e “celebrità” insta. Non più il classico glamour della vecchia Hollywood pieno di celebrità di serie A. Ora sono solo un mucchio di D-listers senza talento a cui nessuno importa la cui unica capacità è quella di fare selfie. “

Questo non è strano, in quando il messaggio è chiaro. Tutti possono essere protagonisti ed essere persone di successo abbracciando queste tendenze vincenti che Netflix, Starzplay e qualunque asset pubblicistico diffonde come il punto di riferimento per l’umanità libera.

In linea, Vigilant Citizen così commenta: “Non lasciarti ingannare. La maggior parte delle persone che hanno sfilato al MET Gala non hanno alcun vero potere. Sono burattini la cui popolarità viene sfruttata da chi sta dietro le quinte per spingere i propri programmi… per poi essere scartati. Ecco uno sguardo ai costumi indossati al MET Gala 2021″.

E  prosegue: “Spettacolo di burattini Il tema di quest’anno era “In America: An Anthology of Fashion” e presentava le opere di stilisti americani. Mentre, in generale, gli abiti erano un po’ sottotono rispetto agli anni precedenti, la follia dell’élite era comunque in piena mostra”.

Queste le foto che propone, in effetti, molto eloquenti. La didascalia è di Vigilant Citizen.

La notte prima del Gala, Billie Eilish era ai VMA ed era praticamente la “regina della notte”. Il giorno dopo, a 19 anni, è diventata la più giovane co-presidente del MET Gala. È stata chiaramente “scelta” dall’industria. Per l’occasione ha indossato un completo e una parrucca ispirati a Marilyn Monroe. Come visto negli articoli precedenti, Monroe è l’archetipo del perfetto schiavo dell’industria.


Prima del Gala, Kim Kardashian andava in giro indossando una inquietante maschera di lattice.


Al gala, era ancora vestita di nero con il viso completamente coperto. Cosa ha a che fare con il tema dell’”America”? Niente. Questa è una continuazione del rituale occulto iniziato con le esibizioni di Donda di Kanye.


La madre di Kim andava in giro con una palla attaccata ad una catena, un dispositivo contenitivo applicato ai prigionieri. Un’altra allusione alla schiavitù dei suoi figli.


Evan Mock aveva un look del tipo: “Sono uno schiavo che viene abusato quotidianamente da pervertiti d’élite”.


Frank Ocean se ne andava in giro con un “bambino robot”. Inquietante


Hunter Schafer è una donna transgender nota per aver recitato nella serie altamente inquietante rivolta ai giovani, Euphoria. Qui, la Schafer ha optato per il look “Sono posseduta da un demone”.


Nella borsetta di Megan Rapinoe la parola “Dio” viene sostituita dalla parola “gay”. Dio non è il benvenuto in questi eventi.


Alexandria Ocasio Cortez è stata una delle tante figure politiche che si sono mescolate all’élite occulta. Indossava un vestito che diceva “Tassa i ricchi” … a un evento in cui era assolutamente vietato l’ingresso ai non ricchi.


Lil Uzi Vert (pronunciato Lil Lucifer), è uno dei tanti artisti hip-hop che combinano immagini sataniche con l’agenda di sfocatura del genere. Qui, il rapper sembra un cadavere recentemente dissotterrato.


Pete Davidson andava in giro con l’aria di una mamma che organizza una festa Tupperware.


Il pilota di F1 Lewis Hamilton indossava una gonna in rete di pizzo trasparente. Amano vedere gli atleti in abiti femminili. Nell’ultima edizione del MET, la star della NFL Odell Beckham Jr ha dichiarato alla rivista GQ di essersi rifiutato di indossare una gonna per l’evento. Ma alla fine ha ceduto, dimostrando che non si tratta solo di “uomini che esprimono se stessi”, c’e’ molta coercizione.


Ogni anno, alcuni artisti sono semplicemente lì per essere umiliati. Kid Kudi indossa quella che sembra una tenda da doccia come gonna. Il suo trucco gli dà un aspetto da “occhi da panda”, che sembra essere un sintomo medico di qualcuno che ha subito un trauma enorme.


L’attore Troye Sivan indossava un abito nero che metteva in risalto la scollatura.


Jordan Roth è un produttore teatrale. Nel 2016, ha lavorato con il mostro di Hollywood Harvey Weinstein per produrre lo spettacolo di raccolta fondi Broadway per Hillary. Indossa un vestito a tema farfalla.


L’unico motivo per cui Elliot Page (formalmente Ellen Page) è presente a questo evento è che l’élite ama l’agenda di confusione del genere


Il messaggio sul “gilet” di Cara Delevigne riassume la mentalità dietro questo gala. Il pegging riguarda una donna che penetra un uomo usando un giocattolo. In altre parole, un completo capovolgimento di ciò che è normale e naturale.

Ci si potrebbe sorridere, se non che questi sono i tempi proposti anche dalla von der Leyen, la più alta carica europea, nel suo discorso programmatico dello stato dell’Unione Europea.
In realtà si tratta di contenuti molto seri, le cui basi saranno studiate sui libri scolastici e divulgate come nuovo paradigma del vivere, finché questa sarà la nuova normalità stabilita per legge.

@vietatoparlare

Exit mobile version