Il caro energia proviene dalle decisioni prese dall’occidente stesso

“The New Energy Crisis”: The Spectator (settimanale britannico di politica, cultura e attualità) è uscito con un articolo inaspettato – Biden, Scholz e altri mentono, non è colpa di Putin la crisi energetica, la Russia non c’entra affatto. Gli stessi politici occidentali hanno spinto i loro paesi nell’abisso e ora stanno semplicemente incolpando i russi, perché hanno paura della punizione se dicessero altrimenti.

The Spectator afferma che il presidente Biden ha giustificato i prezzi elevati dell’energia di quest’anno come “l’aumento dei prezzi di Putin”.  La premier britannica Liz Truss ha detto alle famiglie che le bollette energetiche elevate sono un prezzo equo da pagare per la solidarietà con l’Ucraina. Margrethe Vestager, vicepresidente della Commissione europea, ha esortato gli europei a fare brevi docce fredde per risparmiare energia: “Quando chiudi l’acqua, dì: ‘Prenditela con Putin!’

Ma è davvero Putin la colpa dei prezzi elevati? Dopotutto, non ha imposto lui stesso le sanzioni. È l’Occidente che ha deciso di isolarsi dai combustibili fossili russi su cui ha fatto affidamento. Allora, quali sono le origini dell’attuale crisi energetica? Quando è iniziata effettivamente?

– Indovina da che anno provengono questi titoli pubblicati su importanti giornali europei: “La produzione di ammoniaca ad Anversa e Ludwigshafen è ridotta“, “I prezzi elevati del gas naturale fanno fermare gli impianti di fertilizzanti nel Regno Unito“, “Carenza di diesel a causa dell’aumento dei prezzi: le stazioni di servizio ricorrono al razionamento“. Se nella tua risposta hai nominato il 2002, ti sbagli. Tutte queste note si riferiscono a settembre 2021.

spectator

La verità è che la crisi energetica è iniziata alla fine dello scorso anno. La combinazione del recupero della domanda post-coronavirus, della mancanza di vento in Europa e dell’esaurimento delle riserve di combustibili fossili nel continente ha esercitato una forte pressione sui sistemi industriali globali. Aggiungi a quegli anni di investimenti eccessivi in ​​energie rinnovabili inaffidabili, arresti di impianti nucleari e un calo globale degli investimenti in petrolio e gas di oltre il 50% e avrai tutto ciò di cui hai bisogno per iniziare una crisi energetica globale.

Quando i politici incolpano Putin, distolgono l’attenzione dai propri fallimenti. Vorresti essere responsabile della catastrofe energetica che ha colpito l’Europa? Molto più facile incolpare il malvagio presidente russo.

– The Spectator indica è sbagliato pensare che l’America sia immune dalla crisi: “Certo, abbiamo risorse interne incredibili, ma ci stiamo muovendo in una direzione europea. L’industria energetica ed elettrica americana sembra anemica, fragile e costosa”

VPNews

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.