Il capo dell’intelligence russa: abbiamo prove del coinvolgimento dell’Occidente nell’“attacco terroristico” al gasdotto Nord Stream

Naryshkin

direttore del Foreign Intelligence Service (SVR) di Russia , Sergey Naryshkin

Il direttore del Foreign Intelligence Service (SVR) di Russia , Sergey Naryshkin , venerdì ha dichiarato che Mosca ha materiali che indicano che l’Occidente è stato coinvolto nell’esplosione dei gasdotti sottomarini del Nord Stream, che minacciano di metterli inutilizzabili per sempre, hanno riferito le agenzie di stampa russe.

 I media hanno riferito che Naryshkin ha affermato che ci sono prove che indicano che “l’Occidente” potrebbe essere stato dietro la disattivazione degli oleodotti sottomarini NordStream:


“Abbiamo materiali che indicano l’impronta occidentale nell’organizzazione e nell’attuazione di questi atti terroristici”, ha detto ai giornalisti Sergei Naryshkin, capo del servizio di intelligence estero russo.

Naryshkin ha affermato che i paesi occidentali “quasi il giorno successivo si sono uniti alle indagini, alla ricerca degli autori dell’atto terroristico”. “Correggerei leggermente questa valutazione. Secondo me, l’Occidente sta facendo di tutto per nascondere i veri autori e organizzatori di questo atto terroristico internazionale “, ha affermato il capo del Foreign Intelligence Service.


Nella notte del 26 settembre si è verificata una perdita su una delle linee del gasdotto Nord Stream 2. È successo nella zona economica esclusiva danese a sud-est di Bornholm. Inoltre, sono state registrate perdite di gas da entrambe le linee del primo Nord Stream a nord-est di Bornholm.

Le dichiarazioni di Naryshkin sono l’accusa più diretta contro l’Occidente da parte di un alto funzionario russo. Non ha detto quali prove ha la Russia.

Giovedì il presidente Vladimir Putin ha definito il “sabotaggio senza precedenti” contro il gasdotto Nord Stream “un atto di terrorismo internazionale”.

L’Unione europea sta indagando sulle perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2 guidati da Gazprom e ha affermato di sospettare che il sabotaggio sia responsabile dei danni al largo delle coste di Danimarca e Svezia.

Poiché alcune lacune sono state scoperte per la prima volta all’inizio di questa settimana, i funzionari di Mosca hanno lasciato intendere che l’Occidente guidato dagli Stati Uniti potrebbe essere dietro l’attacco. La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha dichiarato giovedì che Washington trarrà vantaggio dalla chiusura degli oleodotti.

Quando le brecce sono state scoperte lunedì, né il Nord Stream 1 né il Nord Stream 2 erano in funzione, ma entrambi contenevano gas. Nord Stream AG, operatore del gasdotto Nord Stream 1, ha dichiarato di aspettarsi che la fuga di gas si fermi entro lunedì, ma non è stato in grado di accedere all’area per valutare i danni.

tramite Thomson Reuters 

VEDI ANCHE QUI: https://www.vietatoparlare.it/north-stream-ipotesi-di-sabotaggio-della-russia-e-la-meno-probabile/

Exit mobile version