If NATO Wants Peace and Stability it Should Stay Home

If NATO Wants Peace and Stability it Should Stay Home 4

[ad_1]

20 Maggio 2017 ( Ulson Gunnar – NEO ) – Un curioso editoriale apparso in The National Interest, scritto da Hans Binnendijk e David Gompert, compagni di alto livello a contratto presso la RAND Corporation. Intitolato, ” il ruolo della NATO in post-Califfato Stability Operations “, si tenta di fare un caso per il coinvolgimento della NATO in tutto il mondo dalla Libia alla Siria e Iraq nel promuovere la stabilità, sulla scia di uno Stato Islamico ancora-a-essere sconfitto.

 

Gli autori propongono che la NATO intervenire per colmare quello che definisce un imminente “vuoto lasciato come il califfato crolla,” voce off alternative tra cui “il caos o l’Iran, sostenuta dalla Russia, riempiendo il vuoto, con grande danno per Stati Uniti e alleati interessi in entrambi i caso.”  L’editoriale non spiega perché l’Iran, vicina Siria e l’Iraq, è meno qualificato per influenzare la regione rispetto agli Stati Uniti che esiste letteralmente oceani di distanza e quote nulla in termini di storia, cultura, lingua o interessi condivisi in stabilità e la pace.

L’editoriale sarebbe letteralmente rivendicare:

La NATO è l’unica organizzazione di sicurezza con le competenze e l’ampiezza di assumere questo compito. La coalizione di Stato anti-islamico a guida Usa di 68 partner è mal attrezzato per impegnarsi in questo compito complesso. Un’organizzazione più coesa come la NATO dovrebbe portare, ma in un modo che consentirà di continuare la partecipazione araba. Una versione creativa della International Security Assistance Force (ISAF) della coalizione a guida NATO potrebbe fornire la risposta.

È stata una scelta interessante dagli autori per mostrare uno dei fallimenti continui più stupende e della NATO in Afghanistan, con menzione della ISAF, una forza che non solo non è riuscito a portare stabilità alla nazione dell’Asia centrale in oltre un decennio e mezzo di occupazione , ma ha presieduto la nascita dello Stato islamico là dove in precedenza non aveva alcuna presenza.

La realtà di ciò che la NATO è contro ciò che l’Interesse Nazionale editoriale tenta di farlo passare come, assomiglia più di un passo di vendita per un prodotto scadente di un vero e proprio tentativo di analisi geopolitica o di problem solving. Ma la verità va più in profondità ancora.

La NATO è un Wrecking Ball globale, non è possibile creare stabilità 

L’editoriale si concentra principalmente sulla proponendo ruoli della NATO per un post-islamica Stato Libia, Iraq e Siria.

La Libia è forse il più tragico dei tre, con la NATO hanno usato la forza militare diretto nel 2011 per rovesciare il governo del leader libico Muammar Gaddafi a sostegno della estremisti noti spacciate al momento sia da portavoce della NATO ed i media americani-europei come ” ribelli moderato “.

La ricaduta prevedibile da questa campagna militare, è stato il crollo della Libia come stato-nazione relativamente stabile e unificato in fazioni in lotta. L’instabilità è diventato terreno fertile per l’estremismo, con molti dei gruppi sostenuti dalla NATO evolvendo in quello che ora è lo “Stato islamico”.

L’Interesse Nazionale editoriale fa anche menzione di “partecipazione araba”. Va ricordato che le fazioni più estreme che combattono in Libia non sono stati solo aiutati da un intervento militare diretto della NATO, ma erano armati e finanziato da dittature del Golfo Persico come pure, tra il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti.

Un modello simile di seminare instabilità ha dispiegato in Siria, che porta a non scongiurare l’ascesa dello Stato Islamico.

E l’instabilità in Iraq è una conseguenza diretta e duratura dell’invasione militare degli Stati Uniti e l’occupazione del 2003.

Se non altro, questo espone la NATO ei suoi membri come, palla demolitrice collettiva globale. Proprio come una palla di demolizione non può essere usato per costruire un edificio su un terreno abbandonato, la NATO non può essere usato per costruire le condizioni per la stabilità in tutto il Medio Oriente e Nord Africa (MENA).


Davvero Fermare lo Stato Islamico Mezzi davvero Fermare il supporto per esso 

In definitiva, ciò che l’editoriale chiede è l’occupazione permanente delle tre nazioni da parte delle forze della Nato che vanno da forze speciali in Libia per l’occupazione formale della Raqqa in Siria e Mosul in Iraq.

È interessante notare che l’op-ed suggerisce che la forza di occupazione della NATO in Siria non deve essere utilizzato solo per combattere lo Stato islamico, ma per scoraggiare anche “spinte militari siriane”, riferendosi alle forze armate del governo reale e solo legittimo in Siria.

Quest’ultimo punto espone pienamente ciò che la NATO è veramente interessato a, e ciò che questo passo di vendite è davvero la pubblicità. La NATO non è in MENA per sconfiggere lo Stato islamico, è semplicemente utilizzando lo stato islamico come pretesto per proiettare l’egemonia occidentale in tutta la regione.

Il punto di chiusura afferma:

Questa strategia della NATO non può, e non deve essere prevista per, risolvere la guerra civile siriana, portare armonia etnica e settaria in Iraq, o di creare uno stato libica efficace. Che cosa potrebbe fare è creare condizioni di stabilità in cui le soluzioni della durata di almeno hanno la possibilità. Può farlo solo se gli Stati Uniti sono pronti a invocare la NATO ad unirsi a riempire il vuoto post-ISIS e per gli alleati europei per rispondere a quella chiamata.

Di certo, la presenza della NATO in Siria, Iraq o la Libia non porterà alcun tipo di stabilità. La NATO ha dimostrato la sua assoluta incapacità di raggiungere questo obiettivo in sua occupazione 16 anni dell’Afghanistan. Rivendicazione occupazione NATO “creare le condizioni di stabilità in cui soluzioni durature almeno avere una chance” è solo modo per garantire non importa quanto il caos che si è creato in tutto MENA della NATO, si terrà un interesse nel risultato, se non altro per perché ha letteralmente preso e occupa il territorio all’interno della regione del dopoguerra.

E ‘interessante il fatto che lo Stato Islamico è salito sulla scia di guidata dagli Stati Uniti, la violenza NATO-backed che si estende dal Nord Africa all’Asia centrale e solo ha cominciato a soffrire battute d’arresto su intervento russo e iraniano diretta maggiore e più.

Il bombardamento di Stato islamico e Jabhat Al Nusra linee logistiche provenienti dai confini della NATO-membro della Turchia da aerei da guerra russi, per esempio, inevitabilmente ha portato ad enormi guadagni da parte dell’esercito araba siriana, tra cui l’eventuale liberazione di Aleppo, il contenimento di Idlib e una ritrattazione significativo del territorio dello Stato islamico-detenuti in Siria orientale.

Il torrente di rifornimenti di alimentazione Stato islamico e altri fronti di estremisti militanza che scorre dalla Turchia è il risultato ammesso di Golfo Persico di sponsorizzazione, che a sua volta, agisce come intermediario per Stati Uniti e il sostegno della NATO per quello che la Defense Intelligence Agency degli Stati Uniti ha chiamato nel 2012 (. pdf)  un “principato salafita”.

Lo scopo specifico di questo “principato salafita”, certamente sostenuto da dittature del Golfo Persico, Turchia e cosa gli Stati Uniti DIA si riferisce come  “l’Occidente”, è stato quello di “isolare il regime siriano.”   Chiaramente poi, erano NATO veramente interessati a sconfiggere lo Stato Islamico e disfare il danno che ha fatto, sarebbe iniziare con il ritiro e proprio supporto dei suoi alleati dell’organizzazione terroristica, in primo luogo.

In breve, se la NATO vuole veramente creare stabilità attraverso MENA, si deve semplicemente smettere intenzionalmente semina instabilità.

Naturalmente, un blocco militare unilaterale intenzionalmente semina il caos in tutta un’intera regione del pianeta sta facendo così per uno scopo ben preciso. E ‘lo stesso scopo tutti gli egemoni nel corso della storia umana hanno cercato di dividere e distruggere le regioni che non può vincere a titolo definitivo. Un concorrente distrutto non può essere così favorevole come una conquista, controllata e concorrente sfruttati, ma è certamente preferibile ad un concorrente libera e indipendente che contribuisce ad un maggior ordine mondiale multipolare. NATO, da conficcarsi nel caos che si è creato, come è dimostrato in Afghanistan, assicura solo ulteriore caos.

All’interno di questo caos, la NATO può assicurare se i suoi membri non possono trarre beneficio dalla regione, nessun altro lo farà. Una chiamata come quello descritto in The National Interest per la NATO per portare “stabilità” nella regione MENA si trova in netto contrasto con la realtà che ovunque la NATO va, il caos non solo segue, rimane a tempo indeterminato fino a quando la Nato lascia.

La cosa migliore che la NATO può fare per la stabilità in tutta MENA è quello di lasciare.

Ulson Gunnar, un analista geopolitico sede a New York e scrittore in particolare per la rivista online “ Nuovo Outlook orientale ”.

[ad_2]

Fonte

Exit mobile version