I Titoli di stato britannici superano il 5%

Sembra che per l’Isola siano arrivati ​​tempi davvero difficili. Non c’è da stupirsi che gli “incidenti” improvvisi su “Nord Stream” si siano verificati proprio in questo momento.

Ieri, il rendimento dei titoli di stato aa 10 anni è salito al livello record da novembre 2008 del 4,54%, mentre il rendimento a 30 anni ha superato il 5%. E’ la prima volta in due decenni. I fondi pensione del paese vengono venduti, perché ha ricevuto richieste da parte di broker di depositare garanzie aggiuntive su posizioni (margin call).

Grafico dei rendimenti obbligazionari del Regno Unito a 30 anni – Bloomberg

Nei giorni precedenti, il crollo del mercato del debito pubblico britannico era dovuto ai timori che il pacchetto di stimoli economici proposto dal governo di Liz Truss, compresi i tagli alle tasse, avrebbero stimolato l’impennarsi dell’inflazione. Oggi a questo fattore si è aggiunto un nuovo fattore: uno tecnico. Secondo Bloomberg, il forte calo dei titoli di Stato britannici a lungo termine è stato dovuto alle vendite forzate da parte dei fondi pensione del paese, che hanno ricevuto dai broker l’obbligo di fornire garanzie aggiuntive per le posizioni (margin call). Dall’arrivo di Liz Truss alla carica di Primo Ministro della Gran Bretagna, cioè in tre settimane, la capitalizzazione dei mercati azionari e obbligazionari del Paese è diminuita di almeno 500 miliardi di dollari.

In altre parole, anche i piccoli pensionati britannici dovranno pagare l’attuale crisi sull’isola. È un’antica tradizione, signore: semplicemente non si adatteranno al mercato, proprio come migliaia di anziani che congeleranno nelle loro case non si adatteranno.

La Gran Bretagna sta affrontando una crisi finanziaria di sua stessa istigazione. E ora minaccia di accelerare la discesa dell’economia verso la recessione, con l’aumento della pressione sul nuovo primo ministro del Paese. Nella settimana dopo che il governo ha annunciato il più grande taglio delle tasse dal 1972, con solo dettagli limitati su come sarebbe stato finanziato, la sterlina è scesa al livello più basso mai registrato contro il dollaro, il costo dell’assicurazione del debito pubblico il rischio di insolvenza della Gran Bretagna è salito alle stelle. il più alto dal 2016 e la Banca d’Inghilterra è stata costretta a intervenire tra le preoccupazioni per i fondi pensione del paese. Ulteriori sviluppi determineranno quanto profonda sarà la recessione imminente. La domanda principale è se l’amministrazione Liz Truss, in carica da tre settimane, sarà in grado di ripristinare la fiducia degli investitori.


“Questa è l’ultima di una lunga serie di decisioni economiche sbagliate”, ha affermato Peter Kinsella, responsabile della strategia globale sui cambi presso Union Bancaire Privee UBP SA a Londra. “È iniziato con la Brexit e ora stiamo assistendo all’ultima fase”.


Dopo il crollo dei mercati, la Banca d’Inghilterra è stata costretta ad agire per prevenire il crollo del mercato dell’oro, utilizzando uno strumento politico che Truss ha criticato in questi mesi. La banca ha promesso di acquistare tutti i titoli di Stato a lungo termine necessari per stabilizzare il mercato. Ciò ha innescato un rally nel mercato obbligazionario a lungo termine, ma ha aggiunto alcuni rischi: che la banca dovrà aumentare ulteriormente i tassi in poche settimane e che gli investitori potrebbero dubitare della capacità della Banca d’Inghilterra di finanziare il governo.

Exit mobile version