I tentativi di creare un nuovo status quo in Siria con il pretesto di combattere il terrorismo sono inaccettabili (firmato Turchia)

L’Agenzia turca Anadolu, ha così illustrato i risultati dei negoziati di Sochi tra Russia, Turchia ed iran:

I tentativi di creare un nuovo status quo in Siria con il pretesto di combattere il terrorismo sono inaccettabili. Turchia, Iran e Russia sostengono la sovranità e l’integrità territoriale della Siria e sono pronti ad opporsi ai separatisti che minacciano la sicurezza nazionale dei paesi vicini. (…)

Il documento rileva che i leader di Turchia, Russia e Iran hanno discusso i processi che hanno avuto luogo in Siria dopo il terzo vertice trilaterale dei presidenti dei paesi garanti il ​​7 settembre 2018 a Teheran. Inoltre, sottolinea la disponibilità a rafforzare l’interazione trilaterale nella regione, nonché l’inammissibilità di violare i principi della sovranità, indipendenza, integrità e unità territoriale della Siria.

La dichiarazione pone altresì  l’attenzione sulla decisione degli Stati Uniti sul ritiro delle truppe dalla Siria. “Nel caso dell’attuazione della decisione sul ritiro delle truppe dal territorio siriano, questo passo contribuirà al rafforzamento della stabilità e della sicurezza in Siria alla luce dei suddetti principi”.

I leader dei tre paesi si sono opposti ai tentativi del gruppo Hyatt Tahrir Sham di espandere la zona di influenza nella zona di de-escalation di Idlib.

È stato deciso di attuare tutti gli accordi sulla Siria, compresi gli accordi raggiunti a Sochi.

I leader della Turchia, della Federazione Russa e dell’Iran hanno anche sottolineato la loro determinazione a combattere tutte le organizzazioni terroristiche, tra cui DEASH, al-Qaeda, il Fronte di Al-Nusra.

– Risoluzione politica del conflitto e Comitato costituzionale

I leader hanno riaffermato la convinzione che il conflitto siriano non può essere risolto con mezzi militari e la fine della crisi può essere raggiunta solo attraverso un processo politico con l’aiuto dei siriani, l’assistenza dell’ONU e in conformità con la risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

I leader dei tre paesi garanti, hanno anche riaffermato la loro determinazione ad accelerare la creazione della Commissione costituzionale nel quadro degli sforzi per una soluzione politica del conflitto in Siria. In questo contesto, i leader hanno anche sottolineato l’importanza di mantenere l’interazione e il coordinamento con le parti del conflitto siriano e il rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la Siria Geir O. Pedersen.

Esprimendo soddisfazione per il rilascio di prigionieri in Siria come parte degli sforzi del Gruppo di lavoro istituito per questo scopo, i leader hanno notato il contributo significativo del processo di Astana alla risoluzione del problema.

– Rafforzare le infrastrutture umanitarie e ritorno dei siriani

I leader di Turchia, Russia e Iran hanno invitato la comunità internazionale, principalmente le Nazioni Unite e le organizzazioni umanitarie, ad aumentare gli aiuti alla Siria attraverso la fornitura di assistenza umanitaria, riabilitazione delle infrastrutture, comprese reti idriche ed energetiche, scuole e ospedali.

I leader dei paesi garanti hanno sottolineato la necessità di creare le condizioni necessarie per il rientro sicuro e volontario dei profughi e degli sfollati siriani nelle loro case.
Allo stesso tempo, i leader hanno espresso la volontà di continuare ad impegnarsi con le parti interessate, tra cui l’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Inoltre, i presidenti dei tre paesi hanno concordato di organizzare il 12 ° round dei colloqui siriani ad Astana nell’aprile 2019.
È stato inoltre deciso che il prossimo vertice tripartito sulla Siria si terrà in Turchia.

La dichiarazione congiunta afferma inoltre che i leader di Turchia, Russia e Iran hanno discusso la cooperazione in vari campi e preso una decisione per rafforzare il commercio e la cooperazione economica.

I leader hanno condannato l’attacco terroristico nella provincia del Sistan-Baluchistan in Iran, e Putin ed Erdogan hanno espresso condoglianze al popolo iraniano e al governo per l’incidente.

fonte: agenzia Anadolu

Inoltre nella Conferenza stampa finale  di Putin, Erdogan e Rouhani in Sochi . un punto evidenziato è importantissimo: Erdogan è pronto a interrompere il sostegno ad Idlib a condizione che Manbij passi sotto il controllo dello stato siriano e non ci siano gruppi PKK sul territorio detenuto dall’esercito siriano

Erdogan: Vogliamo garantire l’integrità territoriale della Siria, ma prima di tutto è necessario che Manbij sia liberato dai terroristi, ma d’altra parte non dovremmo dare alcuna terra in Idlib ai terroristi , e quindi il popolo siriano deve essere il proprietario legale di questi territori.

Putin: il presidente Trump sta cercando di adempiere alle sue promesse elettorali, ma la situazione politica interna non gli consente sempre di farlo.
Tuttavia, presumiamo che le truppe americane saranno ritirate dalla Siria e, per garantire la sicurezza, l’unica decisione giusta sarà il trasferimento di questi territori al controllo delle forze armate siriane.

Erdogan: 3.600.000 rifugiati sono in Turchia, più di 300.000 rifugiati sono stati restituiti in Siria.
Vogliamo spostare il resto lì, ma dove vivranno? Nelle grotte o cosa? È necessario creare zone di sicurezza e avviare la costruzione di infrastrutture in modo che le persone possano abitualmente adattarsi.

Putin: Se parliamo di garantire la sicurezza della Turchia ai suoi confini meridionali, tratteremo questo con comprensione. Presumiamo che vi sia un accordo corrispondente tra la Turchia e la Repubblica araba siriana che stabilisce i principi della lotta comune contro il terrorismo. Questo può essere la base per il lavoro oggi.

I nostri servizi speciali e i dipartimenti militari sono in stretto contatto e interagiscono attivamente in quest’area. Sono certo che se agiremo così bene come abbiamo fatto finora, il successo sarà assicurato. Ma alla fine, crediamo, e il signor Presidente della Repubblica di Turchia lo conferma,alla fine, crediamo che l’integrità territoriale della Repubblica araba siriana sarà assicurata poiché la minaccia terroristica di cui parla il presidente della Turchia scompare .

Un bel passo avanti l’incontro di Sochi, la dichiarazione finale è importantissima: ciò dimostra che la contrapposizione non serve a nulla e che la via diplomatica a volte fa miracoli.

Ma è anche vero che l’albero si riconosce dai frutti. Li aspetteremo con grande speranza e senza pregiudizi. Per una nuova era di pace e prosperità.

@vietatoparlare

Facebook Comments