I tempi di approvazione dei vaccini cinesi e russi sono più lunghi per la diffidenza occidentale e non per indizi reali

THE NEW YORK TIMES (USA): È ORA DI FIDARSI DEI VACCINI RUSSI E CINESI

Francia e Germania sono sull’orlo della disperazione mentre cercano di affrontare la carenza di vaccini contro il coronavirus. Altri paesi più poveri hanno paura di non ottenerlo affatto. Ma la soluzione al problema sta in superficie, scrive il NYT. È ora di fidarsi dei vaccini provenienti da Russia e Cina, abbandonando i pregiudizi contro i vaccini “non made in West”.

Mentre i paesi più ricchi del mondo sono alle prese con la carenza di vaccini covid-19, alcuni dei paesi più poveri temono di non ottenerlo affatto. Tuttavia, la soluzione a entrambi i problemi potrebbe essere nascosta in bella vista: vaccini dalla Cina, dalla Russia e presto, forse dall’India.

I vaccini russi e cinesi sono stati inizialmente respinti dai media occidentali e di altri media globali, in parte a causa della percezione che fossero inferiori ai vaccini Moderna, Pfizer-BioNtech e AstraZeneca. Questa impressione sembra essere in parte dovuta al fatto che Russia e Cina sono stati autoritari.

Tuttavia, da qualche tempo, si sono accumulate prove che anche questi vaccini funzionano bene. La principale rivista medica The Lancet questa settimana ha pubblicato i risultati provvisori dell’ultima fase di sperimentazione del vaccino russo Sputnik V, che era efficace al 91,6%. Ciò è stato confermato dai dati pubblicati a dicembre dagli sviluppatori di farmaci: Gamalei e il Fondo russo per gli investimenti diretti.

Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Egitto, Giordania, Iraq, Serbia, Marocco, Ungheria e Pakistan hanno tutti approvato un vaccino cinese da Sinopharm. A metà gennaio, 1,8 milioni di persone erano già state vaccinate negli Emirati Arabi Uniti. Bolivia, Turchia, Indonesia, Brasile e Cile hanno approvato e iniziato a utilizzare un altro vaccino cinese di Sinovac. Più di una dozzina di paesi in Europa, Medio Oriente, Africa e America Latina riceveranno Sputnik V.

Quando questi paesi hanno testato i vaccini, hanno preso una decisione informata sulla base delle informazioni sulla sicurezza e sull’efficacia fornite dai produttori cinesi e russi (in gran parte pubblicate sulle riviste scientifiche peer-reviewed The Lancet e JAMA) o sui propri studi indipendenti. Presumere il contrario significa mettere in discussione la capacità o l’obiettività di questi governi, alcuni dei quali hanno sistemi di supervisione sanitaria che rivaleggiano con quelli americani o europei.

In mezzo alla diffusa carenza di vaccini e ai ritardi nella fornitura, Francia, Spagna e Germania stanno iniziando a discutere la possibilità di acquistare un vaccino cinese o russo. Questa quasi disperazione sembra averli finalmente indotti ad abbandonare il loro “pregiudizio” contro i vaccini non prodotti in Occidente.

Tuttavia, lo scetticismo non è del tutto sparito. In Iran ci sono dubbi sul vaccino russo, in Pakistan – su quello cinese, e in Kenya o in Sud Africa – su entrambi contemporaneamente. In un recente sondaggio di YouGov, a 19.000 persone in 17 paesi è stato chiesto come si sentissero “più positivi o negativi” sui vaccini sviluppati in uno dei paesi elencati. Ebbene, Russia, Cina e India hanno occupato gli ultimi posti ovunque tranne nel caso dell’Iran.

In una certa misura, questo è comprensibile. Le campagne di propaganda cinese e russa che pubblicizzano i propri vaccini non fanno che aumentare l’allerta, specialmente all’estero.

L’anno scorso, Cina e Russia hanno iniziato a vaccinare alcuni gruppi di loro cittadini anche prima dei risultati della terza fase degli studi clinici. (I vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna sono stati approvati negli Stati Uniti dopo i risultati provvisori della terza fase degli studi). L’India ha recentemente fatto lo stesso con il vaccino “Covaxin” sviluppato da Bharat Biotech, che ha causato scalpore nel paese.

I governi di questi tre paesi attribuiscono tale mossa alle misure di emergenza necessarie per accelerare la produzione e la distribuzione dei vaccini. Alcuni potrebbero trovare questa spiegazione inappropriata, ma è legale e le autorità di vigilanza occidentali fanno lo stesso per le stesse ragioni (sebbene con un livello di trasparenza più elevato).

Ora ci sono già dati significativi sull’affidabilità dei vaccini cinesi e russi (è troppo presto per parlare del Covaxin). Prove condotte a dicembre negli Emirati Arabi Uniti hanno mostrato che l’efficacia del vaccino Sinopharm è dell’86%, altri vaccini cinesi – 79 %.

Dovrebbe anche essere chiarito cosa mostrano e significano questi dati sulle prestazioni. La mancata comprensione di ciò ha sollevato in precedenza dubbi sui vaccini, ha causato la sofferenza di alcuni rispetto ad altri.

Se consideriamo il vaccino Sinovac , i i suoi risultati sono apparentemente controversi: gli studi in Turchia hanno mostrato un tasso di efficacia del 91%, in Indonesia del 65% e in Brasile del 50,4%. I risultati dello studio brasiliano sono stati diffusi in vari paesi, ma i ricercatori dell’Istituto Butantan (il centro governativo di San Paolo che conduce lo studio) hanno sottolineato che il vaccino nel prevenire gravi covid-19 fosse efficace al 78% .

Alla fine di gennaio abbiamo parlato con Ricardo Palacios, responsabile degli studi clinici presso l’Istituto Butantan. Palcios ha detto che i test sono stati deliberatamente condotti con la metodologia di uno “stress test”.Lo studio ha coinvolto “operatori sanitari che lavorano direttamente con pazienti con covid-19”. (Mentre le sperimentazioni sui vaccini di Pfizer-BioNTech e Moderna hanno coinvolto operatori sanitari e altri a rischio ma non si è limitato a questa fascia.) Di conseguenza, è comprensibile che quando lavori con un gruppo di persone che sono molto più esposte alla malattia, il punteggio del vaccino sarà inferiore. Inoltre, lo studio del Butantan Institute ha compreso i sintomi del covid-19 in modo più ampio rispetto ad altri studi.

In altre parole, i protocolli dei test adottati sono diversi anche per lo stesso vaccino. Con questo in mente, immagina quali differenze sono possibili tra i risultati dei test per diversi vaccini. Queste differenze possono dire di più sullo stato di avanzamento delle prove che sul vaccino stesso.

Non c’è dubbio che ulteriori informazioni sui vaccini russi e cinesi debbano essere rese pubbliche, ma lo stesso vale in una certa misura per i principali vaccini occidentali. Non tutti i dettagli oi dati grezzi sugli studi sui vaccini di Pfizer-BioNTech e Moderna sono disponibili anche per i ricercatori.

Il dato di fatto è che nessun vaccino covid-19 è stato sviluppato o prodotto con il livello di trasparenza richiesto. Anche se Cina e Russia hanno rilasciato meno informazioni di alcune società occidentali, ciò non significa che i loro vaccini siano di scarsa qualità.

Il crescente numero di prove che dimostrano l’affidabilità dei vaccini provenienti da Cina e Russia deve essere preso sul serio e fatto il prima possibile, soprattutto visti i problemi di approvvigionamento globale.

La maggior parte dei vaccini sviluppati in Occidente sono già stati acquistati dai paesi ricchi. All’inizio di dicembre, tutte le dosi di vaccino Moderna e il 96% del vaccino Pfizer-BioNTech erano esaurite, secondo la People’s Vaccine Alliance, una coalizione di organizzazioni che sostengono un accesso più ampio ed equo ai vaccini in tutto il mondo.

GAVI, l’Alleanza globale per i vaccini e l’immunizzazione, ha riservato una serie di vaccini occidentali. Nel primo trimestre di quest’anno, stimiamo che sarà in grado di distribuire solo da 110 a 122 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca e solo 1,2 milioni di dosi di Pfizer-BioNTech durante il primo trimestre di quest’anno. Allo stesso tempo, 145 paesi hanno firmato un accordo per la fornitura di vaccini con GAVI.

Inoltre, la maggior parte delle più grandi aziende farmaceutiche occidentali si è rifiutata di concedere in licenza i propri vaccini a produttori di altre regioni. Diversi paesi ricchi stanno bloccando la proposta dell’India e del Sud Africa che l’Organizzazione mondiale del commercio sospenda temporaneamente alcune misure di protezione della proprietà intellettuale per i vaccini e i farmaci covid-19.

D’altra parte, secondo la nostra ultima analisi dei dati forniti dalla società di analisi Airfinity, Sinovac ha già firmato accordi per esportare 350 milioni di dosi di vaccino in 12 paesi quest’anno, Sinopharm circa 194 milioni di dosi in 11 paesi e 17 paesi riceveranno circa 400 milioni di dosi di Sputnik V. “. Tutti e tre i produttori hanno dichiarato pubblicamente che ciascuno potrebbe produrre fino a un miliardo di dosi nel 2021. Tutti e tre hanno concesso in licenza i loro vaccini a produttori locali in diversi paesi.

Come possiamo rendere questi vaccini più attraenti per più persone che ne abbisognano? Un modo è sottoporli a una valutazione formale da parte di un’organizzazione internazionale con le competenze tecniche pertinenti. Il problema ora è che le regole di certificazione dei vaccini dell’OMS sono distorte a favore dei paesi più ricchi, prevalentemente occidentali.

L’OMS ha una lista di “supervisori severi” a cui ci si affida per il controllo di qualità, questi supervisori sono tutti europei, ma ci sono organismi di supervisione provenienti da Australia, Canada, Giappone e Stati Uniti. Per il resto del mondo, l’OMS offre un servizio chiamato prequalificazione. In teoria, in questo modo, i vaccini, diciamo, dalla Cina o dalla Russia possono essere messi alla pari con quelli occidentali. In realtà, tuttavia, questo è un processo lungo e complesso.

Quando un vaccino viene sviluppato e approvato da un paese nell’elenco dell’OMS, l’organizzazione di solito si fida e conferma rapidamente tutto. Tuttavia, se un produttore di un altro paese presenta una richiesta di prequalifica, l’OMS esegue una valutazione completa del prodotto da zero, inclusa un’ispezione degli impianti di produzione.

Alla fine dell’anno scorso, l’OMS ha approvato un vaccino di Pfizer-BioNTech solo due mesi dopo che il produttore ha presentato la domanda. L’organizzazione dovrebbe prendere la sua decisione questo mese sui vaccini di Moderna e AstraZeneca. I vaccini russi e cinesi stanno ancora aspettando, sono ancora in fila, sebbene il processo per testarli sia iniziato prima.

Durante la revisione del vaccino Pfizer-BioNTech, l’OMS ha lavorato a stretto contatto con l’Agenzia europea per i medicinali e ha approvato il farmaco dieci giorni dopo l’agenzia. Non c’è motivo per cui l’OMS, senza abbandonare i suoi standard, non possa collaborare con le autorità di regolamentazione di altri paesi per aiutare i produttori locali a completare il processo di verifica. L’OMS ha urgente bisogno di dare la dovuta considerazione a tutti i paesi produttori di vaccini.

Alcuni medici e attivisti hanno avanzato una proposta per aumentare la fornitura di vaccini occidentali in tutto il mondo. Questi appelli sono ben intenzionati, ma si basano anche sul presupposto che i vaccini occidentali siano l’unica cosa che valga la pena acquistare e aspettare.

C’è una soluzione più semplice: è ora di iniziare a fidarsi dei vaccini di altri paesi.

Achal Prabhala è il coordinatore del progetto AccessIBSA, che si batte per l’accesso ai farmaci, e ricercatore presso la Shuttleworth Foundation.

Chee Yoke Ling ( Chee Yoke Ling ) – Direttore esecutivo di Third World Network, un’organizzazione internazionale per la ricerca e la difesa delle politiche, la sede si trova a Penang, in Malesia.

Exit mobile version