I talebani si occuperanno dei terroristi uiguri e dell’ISIS

talebani

talebani

La scorsa settimana, i talebani hanno allontanato i militanti uiguri dal confine con la Cina e hanno incontrato i rappresentanti degli Stati Uniti a Doha.

Dove sono finiti gli uiguri?

La scorsa settimana, i media hanno riferito che i talebani (proibiti in Russia) hanno cacciato i militanti uiguri dall’ETIM (Movimento islamico del Turkestan orientale) dal confine con la Cina. Gli addetti ai lavori non escludono che questa azione, contribuendo alla creazione di una zona cuscinetto sicura lungo il confine, sia una delle condizioni principali per la cooperazione della Cina con i talebani.

E se nei prossimi giorni Pechino uscirà con reciproci passi di “buona volontà”, questa sarà una conferma indiretta dell’esistenza di un simile accordo.

Pechino vede l’ETIM come “la sfida più urgente e realistica alla sua sicurezza” e rompere i legami tra i talebani e i militanti uiguri è la principale richiesta della Cina. Ancor prima di salire al potere, i talebani, sperando nella futura lealtà del Celeste Impero, promisero che non avrebbero permesso a nessuna forza straniera di utilizzare il territorio dell’Afghanistan per condurre attività dirette contro paesi terzi, anche contro la RPC. Il ministero degli Esteri cinese ha ricordato queste promesse due giorni dopo l’ascesa al potere dei talebani. Il 17 agosto, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha dichiarato: “Il nuovo regime [talebano] deve prendere le distanze dalle forze terroristiche, combattere il Movimento islamico del Turkestan orientale e opporsi ad esso e ad altre organizzazioni terroristiche. L’ETIM rappresenta una minaccia diretta per la Cina e combatterla è un obbligo internazionale”.

Sembra che gli obblighi inizino ad essere adempiuti. I militanti ETIM, secondo un rapporto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 2020 presenti nell’ordine di diverse centinaia in Afghanistan, erano di stanza nella provincia di Badakhshan, vicino al confine con la Cina. Fonti RFE/RL affermano che i militanti sono stati trasferiti in altre aree, tra cui la provincia di Nangarhar – dove, tra l’altro, negli ultimi settimane era attivo l’ISIS (Stato Islamico) e è proprio qui che i talebani hanno annunciato un’operazione antiterrorismo la scorsa settimana.

Esiste una versione secondo cui i militanti uiguri potrebbero essere consegnati alle autorità cinesi, ma questa non è stata ancora confermata ufficialmente. Alcuni analisti ricordano che durante il loro primo regno, i talebani hanno spostato i militanti uiguri dal confine in altre parti dell’Afghanistan per non irritare la Cina, ma non li hanno consegnati a Pechino.

Queste azioni potrebbero influenzare il destino degli uiguri afgani: secondo alcuni rapporti, ci sono più di 2.000 persone e sono afgani di seconda generazione: i loro genitori hanno lasciato la Cina molti anni fa. Molti uiguri afgani temono di poter essere deportati in Cina, ma gli osservatori non vedono finora alcun segno di tale scenario.

Meeting a Doha

L’evento principale della politica estera dei talebani della scorsa settimana può essere considerato l’incontro a Doha della delegazione guidata dal Il ministro degli Esteri Maulawi Amir Khan Muttaki, con i rappresentanti degli Stati Uniti. I talebani dovrebbero incontrare anche la delegazione Ue.

Non ci sono dettagli sui colloqui con gli americani, ma questo è il primo incontro ufficiale da quando i talebani sono saliti al potere. Fonti dell’amministrazione Usa sottolineano che l’incontro non è un fatto di riconoscimento del governo talebano e non funziona per legittimarlo: è solo una continuazione della “pragmatica interazione con i talebani che stiamo conducendo su questioni di vitale interesse nazionale. ” Il portavoce ufficiale dell’Emirato islamico dell’Afghanistan  Zabiullah Mujahid, invece, ha annunciato che l’Emirato islamico e gli Stati Uniti stanno discutendo a Doha la possibilità di un riconoscimento internazionale del regime talebano.

La delegazione americana comprendeva rappresentanti del Dipartimento di Stato, dell’USAID e dell’intelligence. È interessante notare che l’inviato speciale del presidente degli Stati Uniti per l’Afghanistan Zalmay Khalilzad, un partecipante indispensabile e quasi il principale nei precedenti negoziati con i talebani, non è andato a Doha. Molto probabilmente, Washington concorda sul fatto che Khalilzad sia responsabile del fallimento della politica americana in Afghanistan. È stato riferito che l’obiettivo di Washington era ottenere garanzie dai talebani che avrebbero permesso ai cittadini statunitensi, così come agli afgani che hanno collaborato con le forze armate statunitensi, di lasciare il paese in sicurezza. Nell’agenda c’era anche il destino dell’americano Mark Frerichs, rapito nel febbraio 2020: il sito del Dipartimento di Stato afferma che al momento del rapimento, Frerichs viveva a Kabul ed era impegnato in progetti di costruzione. Il Dipartimento di Stato promette una ricompensa fino a $ 5 milioni per informazioni,

Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha affermato con parsimonia che “la delegazione statunitense si è concentrata sulla sicurezza, sul terrorismo e sul passaggio sicuro per i cittadini statunitensi, altri cittadini stranieri e i nostri partner afghani, nonché sui diritti umani, compresa la partecipazione significativa di donne e ragazze in tutti i aspetti della società afghana. Le discussioni sono state franche e professionali. La delegazione statunitense ha ribadito che i talebani saranno giudicati dalle loro azioni, non solo dalle loro parole”.

Il portavoce dei talebani ha riferito questo incontro in modo diverso. Amir Khan Muttaki ha precisato che in Qatar si è discusso di aiuti umanitari, piena attuazione dell’accordo di Doha ed “è stato enfatizzato il rispetto dello spazio aereo dell’Afghanistan”. Questo argomento è stato confermato da “Afghanistan.Ru” e dagli addetti ai lavori: il tema dell’inviolabilità dello spazio aereo è emerso dopo che il Pentagono ha affermato di non aver bisogno del consenso dei talebani per bombardare le posizioni dell’Isis in Afghanistan. Questa affermazione ha preoccupato Kabul, e all’incontro in Qatar si è deciso di fare chiarezza sulla questione.

Si noti che l’altro giorno, il rappresentante dei talebani Suhail Shahin ha affermato che l’Emirato islamico non coopererà con gli Stati Uniti nella lotta contro l’ISIS, i talebani se la caveranno senza un aiuto esterno. E domenica 10 ottobre, il portavoce dei talebani e vice ministro della Cultura e dell’Informazione Zabiullah Mujahid ha assicurato che l’ISIS è “un mal di testa, non una seria minaccia”, che presto sarà fermato. Forse in questa dichiarazione è criptato un altro risultato dell’incontro di Doha: i talebani sono riusciti a difendere l’inviolabilità del loro spazio aereo, dietro garanzia della soppressione dell’ISIS.

Secondo il canale televisivo Al-Jazeera, in un incontro a Doha, i talebani hanno chiesto agli Stati Uniti di sbloccare i beni dello Stato afghani detenuti nei conti bancari americani – e forse le delegazioni hanno in parte concordato qualcosa, dal momento che un accordo è fondamentale per chi è ancora in attesa di  evacuazione dall’ Afghanistan.

Addetti ai lavori hanno anche riferito che a Doha sono stati discussi quali saranno i prossimi incontri regionali con la partecipazione dei talebani. Tra questi forse sarà incluso  il “formato Mosca”, che, secondo l’inviato speciale del presidente russo per l’Afghanistan, Zamir Kabulov, si svolgerà il 20 ottobre. Ricordiamo che il “formato Mosca” è un meccanismo di consultazione che esiste dal 2017, a cui partecipano rappresentanti di Russia, Afghanistan, Cina, Pakistan, Iran e India.

La Cina ha già confermato di aver ricevuto l’invito ed “è in contatto con la Federazione Russa e tutte le parti sulla questione dello svolgimento dell’incontro”. Russia e Iran hanno anche “sincronizzato gli orologi” sull’Afghanistan: il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha avuto colloqui con il suo omologo iraniano Hossein Amir Abdollahiyan, a seguito dei quali Mosca e Teheran hanno invitato i talebani “a una lotta senza compromessi contro i gruppi terroristici, nonché contro il traffico illegale di droga e armi.” …

Anche il tema della formazione di un governo inclusivo è compreso nell’agenda: il ministro degli esteri russo Lavrov, commentando un’intervista al ministro iraniano, ha osservato che entrambi i Paesi vedono che è cruciale per il benessere degli afghani “la stabilizzazione politica interna, e che l’equilibrio di tutti gruppi etno-confessionali e politici, il principio di inclusività nella formazione delle strutture di potere , siano garantiti”.. (…)

Fonte: Afghanistan

 

Exit mobile version