I media USA preferiscono il confronto ostile che non la cooperazione tra Russia e USA

Il Washington Post è un giornale rumorosamente anti-russo che ogni giorno per posta elettronica produce per gli abbonati (di cui io sono uno) il  Daily 202  (“Power Post – Intelligence for Leaders”) che copre la politica americana, un po ‘di roba internazionale e un sezione intitolata “C’è un orso nei boschi” che mira a denigrare, sminuire e in genere insultare la Russia.

Il Post è intento a convincere i cittadini degli Stati Uniti e del mondo in generale che nulla di buono viene mai fatto da con il governo della Russia, e il bersaglio preferito è il Presidente Putin. Un tipico  editoriale  era intitolato “Trump è appena entrato in collusione con la Russia. Openly “e trattati selvaggiamente con la riunione Trump-Putin a Helsinki l’anno scorso. Gran parte del mondo crede che tali discussioni tra i leader delle nazioni siano migliori della retorica ostile, e la maggior parte delle persone ragionevoli sono soddisfatte e persino sollevate quando si tengono incontri. Preferiscono il dialogo amichevole allo scontro velenoso.

Ma il post ha concluso il suo commento sull’assemblea affermando che “il signor Trump, infatti, era apertamente colluso con il leader criminale di una potenza ostile”.

Questa è la ‘potenza ostile’ che ha collaborato per vent’anni con gli Stati Uniti nella gestione della Stazione Spaziale Internazionale.

Al Post non piacciono  le notizie  come “[l’agenzia spaziale russa] direttore di Roscosmos Dmitry Rogozin e Bill Gerstenmaier, capo delle esplorazioni e operazioni umane della NASA, hanno detto dopo una conferenza che segna il 20 ° anniversario della Stazione Spaziale Internazionale che le loro agenzie hanno in programma di collaborare allo sviluppo di un avamposto in orbita lunare. La Russia sta lavorando su un pesante razzo di lancio e su una nuova navicella spaziale per integrare progetti americani destinati a una futura missione lunare, ha detto Rogozin. ‘Ci fidiamo assolutamente l’un l’altro, e il vento politico non ci ha toccato’. Gerstenmaier ha parlato in natura, osservando quella collaborazione  nell’esplorazione spaziale potrebbe essere un esempio per il mondo esterno. È stata una benedizione che i nostri governi abbiano entrambi visto la saggezza di ciò che stiamo facendo ed entrambi i nostri governi hanno evitato di imporre sanzioni a noi o di farci prendere dalle cose politiche “.

È molto gratificante che gli Stati Uniti e la Russia possano collaborare così strettamente su un impegno così importante. Come  notato dalla CNN , “dal ritiro dello space shuttle nel 2011 gli Stati Uniti sono dipesi da Roscosmos per trasportare gli astronauti nella stazione spaziale”. In altre parole, la stazione spaziale non potrebbe esistere senza la collaborazione senza corde della Russia.

Ma la maggior parte dei media occidentali minimizza, ignora o deplora tali esempi di armonia e amicizia. Il Daily Telegraph del Regno Unito  , ad esempio, è del tutto negativo e, a malincuore  , lo  scorso dicembre ha riferito che il più recente “lancio della nave MS-11 è stato un test da vicino per l’industria spaziale russa, che ha subito diversi fallimenti di alto profilo negli ultimi anni ma rimane l’unico modo affidabile per consegnare l’equipaggio alla stazione orbitante. “Ci fu un incidente nel corso di un precedente lancio ma, con il rammarico di molti in Occidente, le procedure di emergenza della Russia erano impeccabili e non c’era perdita di vite umane .

Nonostante questo esempio di cooperazione bilaterale di eccezionale successo, un incontro programmato per febbraio tra i professionisti spaziali di Russia e Stati Uniti è stato cancellato  “dopo aver aumentato le pressioni da Capitol Hill.” Il direttore generale di Roscosmos Dmitry Rogozin aveva ospitato il suo omologo della NASA, Jim Bridenstine , nell’ottobre dell’anno scorso, quindi la sua visita di febbraio doveva essere una combinazione di praticità e cortesia – ma questo non è il modo in cui il Senato americano vede o fa le cose.

Il senatore Bob Menendez del Foreign Relations Committee ha  dichiarato  che “accogliere Rogozin negli Stati Uniti e fornirgli una piattaforma per parlare è un affronto al nostro regime di sanzioni e minerà ulteriormente la limitata credibilità dell’amministrazione Trump sulla politica russa”, e la senatrice Jeanne Shaheen del panel del Senato che finanzia la NASA ha detto che l’incontro programmato “mina gli obiettivi centrali della sicurezza nazionale degli Stati Uniti” e “indebolisce la posizione globale degli Stati Uniti dimostrando la facilità con cui i funzionari russi possono aggirare le sanzioni transatlantiche”.

Le pressioni del Senato sulla NASA fanno parte della campagna di attacchi petulanti e dispettosi contro la Russia che mostrano come Washington sia intenzionata alla distruzione anche dei più piccoli sforzi per avvicinare Stati Uniti e Russia.

Il che ci riporta al  Washington Post,  che si è distinto solo un po ‘confuso durante una delle sue spedizioni anti-Russia quando ha colto con entusiasmo un pezzo difettoso  sul New York Times .

Tutto è iniziato quando il Times ha rivelato senza fiato che durante la campagna elettorale del 2016, il manager della campagna di Trump, Paul Manafort “e il suo associato russo Konstantin V. Kilimnik, hanno discusso un piano per la pace in Ucraina.” Questo vile anti-America, pro-Russia l’attività non poteva essere tollerata dai media mainstream statunitensi che riferivano che una delle minacciose macchinazioni del signor Manafort comportava la  condivisione di  “dati di sondaggi politici con un socio in affari legato all’intelligence russa”.

(Per inciso, è difficile credere che la notifica dei dati elettorali politici sia in qualche modo un rischio per la sicurezza nazionale, molti di noi sanno che i risultati dei sondaggi possono essere resi pubblici senza condizioni di rilascio.

Il Times  continuò, in una versione del rapporto che è stata cancellata, che Manafort voleva che i dati fossero trasmessi a “Oleg V Deripaska, un oligarca russo vicino al Cremlino”, e nel suo “202” il  Washington Post  andò in città questo personaggio apparentemente sinistro. Iniziò affermando che “diversi esperti hanno detto che la connessione di Deripaska rende questa notizia un enorme affare” e ha citato Steven Hall, ex capo delle operazioni della Russia presso la CIA, come  tweet  “Ricorda, le informazioni di sondaggio che Manafort ha passato a Kilimnik erano dirette a Deripaska , che è vicino a Putin … I margini che i russi avevano bisogno di cambiare negli stati chiave durante le elezioni del 2016 [erano] piuttosto piccoli. Ora sappiamo come erano in grado di essere così precisi: Paul Manafort stava fornendo dati di sondaggio alla Russia. “Shock! Orrore!

Un altro esperto scosso da tali rivelazioni è stato il  post  columnist Max Boot, un anziano membro del Council on Foreign Relations, che ha  dichiarato  “Questa è una prova potenzialmente molto significativa di collusione … Perché Manafort dovrebbe condividere i sondaggi con i russi a meno che non fosse di aiuto hanno preso di mira la loro campagna di social media pro-Trump? ”

Seguì oltre 400 parole che raccontavano come il vile Deripaska fosse all’altezza delle sue cospirazioni, anche se una nota di avvertimento era stata pronunciata dall’ex ambasciatore in Russia Mike McFaul che come un bravo diplomatico ha iniettato la frase “se provato” nel suo  tweet  prima di accettare “questo è serio.”

Sì, era serio. Ma non così grave come l’ammissione di basso profilo minimizzata dal Washington Post  che le sue accuse di chiacchiere non erano “provate”. The  Post ha osservato che “il New York Times ha  corretto  una storia che abbiamo incluso nel  202 di ieri :” Una versione precedente di questo articolo ha identificato erroneamente le persone a cui Paul Manafort voleva che un associato russo inviasse dati di polling. Il signor Manafort voleva che i dati inviati a due oligarchi ucraini, Serhiy Lyovochkin e Rinat Akhmetov, non a Oleg V Deripaska, un oligarca russo vicino al Cremlino ‘. ”

Questo per quanto riguarda il Washington Post ‘s  Bear in the Woods , ma una triste indicatore di come determinato sono alcuni dei media americani per aiutare a distruggere qualsiasi movimento verso riavvicinamento con la Russia. Fortunatamente, nonostante i loro sforzi malevoli e gli sprezzanti imbrogli del Senato, la cooperazione della Stazione Spaziale Internazionale continuerà, il che dimostra, grazie al cielo, che ci sono ancora degli adulti nei boschi.

Collegamento sorgente