Nature: I linfociti T attaccano il genoma virale e ne impediscono la replicazione

Nature: I linfociti T attaccano il genoma virale e ne impediscono la replicazione 1

La risposta protettiva delle cellule T a SARS-CoV-2 prende di mira le proteine ​​non strutturali del virus

Uno studio molto interessante è stato pubblicato su Nature nella sezione Accelerated Article Preview ( https://www.nature.com/articles/s41586-021-04186-8 ).

In breve, la sua essenza è che la risposta protettiva delle cellule T al SARS-CoV-2, che è in grado di “sopprimere l’attacco nell’embrione”, non è diretta alla proteina S, e non ad altre proteine ​​strutturali del virus ( N, M, E ), ma sulle sue proteine ​​non strutturali.

Per chi non lo sapesse o lo avesse dimenticato, “strutturali” sono le proteine ​​da cui viene assemblata la particella virale (virione), e “non strutturali” quelle codificate nel genoma virale, necessarie per la riproduzione del virus, ma non fanno parte delle particelle virali.

La cosa più interessante è che gli obiettivi di una tale risposta T-cellulare sono tre proteine non strutturali del virus: NSP7, NSP12, NSP13 ( N su S tructural P rotein).

Fanno parte del complesso replicativo-trascrizionale SARS-CoV-2. NSP7 è un cofattore per l’RNA polimerasi virale, NSP12 è la stessa RNA polimerasi e NSP13 è elicasi (un enzima che rompe i legami idrogeno intramolecolari nel DNA e nell’RNA). L’obiettivo principale è NSP12 (RNA polimerasi).

Permettetemi di ricordarvi che tutti gli attuali vaccini contro il covid utilizzano risposte immunitarie (principalmente anticorpi) esclusivamente alla proteina S o (vaccini a virus interi inattivati) alla proteina S e ad altre proteine ​​strutturali di SARS-CoV-2 (principalmente N).

Se i risultati riportati nell’articolo saranno confermati, bisognerà prendere sul serio l’ampliamento del “repertorio” di bersagli per i vaccini covid. Questa idea è nell’aria da parecchio tempo (ne ho scritto, per esempio, qui: https://prof-afv.livejournal.com/35424.html ). Ma finora non ci sono stati argomenti simili a quelli presentati in questo lavoro. Questi argomenti appartengono alla categoria di “suggerimento”.

Questo studio ha esaminato le risposte immunitarie in una coorte di volontari molto difficile. Questi erano medici, relativamente parlando, che hanno lavorato nella “zona rossa” durante la prima ondata di COVID-19 in Inghilterra, che sono rimasti negativi alla PCR e agli anticorpi. Che fossero effettivamente negativi è stato confermato da più PCR e test anticorpali. Ancora più importante, le cellule T di queste persone hanno reagito agli antigeni SARS-CoV-2 molto più forte delle cellule T di persone che non hanno mai incontrato SARS-CoV-2.

La spiegazione più probabile di questo fenomeno è che SARS-CoV-2 è entrato nel corpo di questi “fortunati”, ma il sistema immunitario delle cellule T (possibilmente insieme all’immunità innata) non solo ha impedito al virus di moltiplicarsi, ma lo ha anche distrutto prima della risposta delle cellule B (anticorpi). Dopotutto, queste persone non avevano anticorpi, almeno rilevati dai sistemi di test diagnostici. Ma questo è l’ideale per il quale il vaccino dovrebbe lottare: distruggere il virus “sul nascere”!

Le risposte dei linfociti T nei fortunati erano “preparate”. Questo lavoro molto difficile, scrupoloso e altamente professionale ha permesso di scoprire qual è il loro obiettivo principale. Il risultato è stato abbastanza inaspettato. Bene, per capire esattamente come è stato fatto questo studio, hai bisogno di conoscenze speciali. Questo non è più per un post di divulgazione scientifica.

Prof_Afv

Mia considerazione

Questo articolo vuol dire essenzialmente che gli attuali vaccini intervengono quando l’infezione è in atto , mentre i linfociti T intervengono non sulla proteina Spike o altre ma sul nucleo del virus, prima che agisca. Per questo molti guariti non hanno anticorpi. Così si spiega perché il vaccino non ferma le infezioni. Articolo puramente di divulgazione, ognuno poi può fare una serie di deduzioni abbastanza evidenti. Bisogna sottrarsi alle semplificazioni.

Vp News

nota: neretto Vp News

 

Exit mobile version