I Gilet gialli contro il neo-Liberal ‘re’ Macron

Cosa sono e cosa chiedono i gilet gialli? Ovvero quali erano le richieste prima che le proteste degenerassero con l’infiltrazione di altri, come spesso accade ormai in qualunque manifestazione da qualche anno a questa parte? E soprattutto da cosa nasce il malcontento che ha dato il via alla protesta?  Un’analisi di Diana Johnstone per Consortium

Parigi – Diana Johnstone – consortiumnews

Ogni automobile in Francia dovrebbe essere equipaggiata con un giubbotto giallo. In questo modo, in caso di incidente o guasto su un’autostrada, l’autista può indossarla per garantire la visibilità ed evitare di essere investito.

Quindi l’idea di indossare il giubbotto giallo per dimostrare contro le misure impopolari del governo prese piede rapidamente. L’indumento era a portata di mano e non doveva essere fornito da Soros per una “rivoluzione colorata” più o meno fabbricata. Il simbolismo era appropriato: in caso di emergenza socio-economica, dimostra che non vuoi essere investito.

Come tutti sanno, ciò che ha scatenato il movimento di protesta è stato l’ennesimo aumento delle tasse sulla benzina. Ma fu subito chiaro che molte altre cose erano coinvolte. La tassa sulla benzina è stata solo l’ultima goccia di una lunga serie di misure a favore dei ricchi e a scapito della maggioranza della popolazione. Ecco perché il movimento ha raggiunto popolarità e supporto quasi istantanei.

Le voci del popolo

I Gilet gialli hanno tenuto le loro prime dimostrazioni sabato 17 novembre, sugli Champs-Elysées a Parigi. Era totalmente diverso dalle solite manifestazioni sindacali, erano ben organizzati per marciare lungo il viale tra Place de la République e Place de la Bastille, portavano le bandiere francesi e alla fine ascoltarono i discorsi da parte dei leader . I ‘Gilets Jaunes’ erano appena arrivati, senza una organizzazione, senza leader che dicessero loro dove andare o che arringassero la folla. I giubbotti gialli era semplicemente gente arrabbiata e pronta a spiegare la loro rabbia a qualsiasi ascoltatore simpatico.

In breve, il messaggio era questo: non possiamo far quadrare i conti. Il costo della vita continua a salire e le nostre entrate continuano a scendere. Non ce la facciamo più. Il governo deve fermarsi, pensare e cambiare rotta.

Ma fino ad allora, la reazione del governo era stata quella di inviare la polizia a spruzzare torrenti di gas lacrimogeni sulla folla, apparentemente per tenere la gente a distanza dalla vicina residenza presidenziale, l’Elysee Palace. Il presidente Macron era da qualche altra parte, apparentemente considerando se stesso al di sopra e al di là di tutto.

Ma quelli che stavano ascoltando potevano imparare molto sullo stato della Francia oggi. Soprattutto nelle piccole città e nelle aree rurali, da cui provenivano molti manifestanti. Le cose sono molto peggiori di quelle che funzionari e media a Parigi hanno lasciato intendere.

C’erano giovani donne che lavoravano sette giorni alla settimana e disperavano di non avere abbastanza soldi per nutrire e vestire i loro bambini.

Le persone erano arrabbiate ma pronte a spiegare molto chiaramente le questioni economiche.

Colette, 83 anni, non possiede un’auto, ma ha spiegato a chiunque abbia ascoltato che il forte aumento dei prezzi della benzina avrebbe ferito anche le persone che non guidano, influenzando i prezzi del cibo e di altre necessità. Aveva fatto i calcoli e immaginato quanto sarebbe costato a una persona in pensione 80 euro al mese in meno.

“Macron non ha rispettato la promessa di congelare le pensioni”, ha ricordato un Gilet giallo, ma è quello che ha fatto, insieme con l’aumento delle tasse di solidarietà per i pensionati.

Un reclamo significativo e ricorrente riguardava la questione dell’assistenza sanitaria. La Francia ha a lungo avuto il miglior programma di sanità pubblica nel mondo, ma questo viene costantemente indebolito per soddisfare il bisogno primario di capitale: il profitto. Negli ultimi anni c’è stata una crescente campagna governativa per incoraggiare e infine obbligare le persone a sottoscrivere una ” mutuelle “, cioè un’assicurazione sanitaria privata, apparentemente per colmare “le lacune” non coperte dalla assistenza sanitaria francese pubblica. Le prestazioni sanitarie non più coperte sono circa il 15% delle malattie ordinarie (le malattie gravi sono coperte al 100%), e non sono erogate le medicine tolte dalla lista “coperta”, o per gli interventi odontoiatrici, tra le altre cose. Queste “lacune” da riempire continuano ad espandersi, insieme al costo dell’iscrizione alle mutuelle. In realtà, questo programma, venduto al pubblico come miglioramento e modernizzazione, è un passo graduale verso la privatizzazione dell’assistenza sanitaria. È un metodo subdolo per aprire l’intero campo della salute pubblica agli investimenti finanziari internazionali. Questa mossa non ha ingannato la gente comune ed è in cima alla lista delle lamentele dei Gilets Jaunes.

Il degrado dell’assistenza negli ospedali pubblici è un’altra lamentela. Ci sono sempre meno ospedali nelle aree rurali, e bisogna “aspettare abbastanza a lungo per finire con il morire” nel pronto soccorso. Coloro che possono permetterselo si rivolgono agli ospedali privati. Ma la maggior parte non può. Gli infermieri sono oberati di lavoro e sottopagati. Quando si sente ciò che le infermiere devono sopportare, si ricorda che in fondo la loro è una professione nobile [e quindi è la loro vocazione].

In tutto questo mi è venuta in mente una giovane donna che abbiamo incontrato durante un picnic pubblico nel sudovest della Francia la scorsa estate. Si prende cura degli anziani che vivono a casa da soli nelle zone rurali, facendo la spola dall’uno all’altro, per dar loro da mangiare, lavarli, offrire un momento di compagnia allegra e comprensione. Ama la sua vocazione, ama aiutare gli anziani, anche se a malapena le permette di guadagnarsi da vivere. Sarà tra coloro che dovranno pagare di più per [continuare a] passare da un paziente all’altro.

Le persone pagano volentieri le tasse quando ottengono qualcosa per questo. Ma non quando le cose a cui sono abituate vengono portate via. Gli evasori fiscali sono i super-ricchi e le grandi corporazioni con le loro batterie di avvocati e paradisi sicuri, o intrusi come Amazon e Google, ma i comuni cittadini francesi sono stati relativamente disciplinati nel pagare le tasse in cambio di eccellenti servizi pubblici: assistenza sanitaria ottimale, trasporto pubblico di prima classe, servizio postale rapido ed efficiente, istruzione universitaria gratuita. Ma tutto ciò qui è ora sotto l’assalto del regno del capitale finanziario chiamato “neoliberismo”. Nelle aree rurali, sempre più uffici postali, scuole e ospedali sono stati chiusi, il servizio ferroviario non redditizio viene interrotto poiché la “libera concorrenza” viene introdotta in seguito alle direttive dell’Unione Europea, misure che obbligano le persone a guidare le loro auto più che mai.Soprattutto quando enormi centri commerciali drenano le piccole città dei loro negozi tradizionali.

Politiche energetiche incoerenti

E la tassa annunciata dal governo – ulteriori 6,6 centesimi al litro per il diesel e altri 2,9 centesimi per litro di benzina – sono solo i primi passi di una serie di aumenti pianificati nei prossimi anni. Le misure dovrebbero incitare le persone a guidare meno o anche meglio, a rottamare i loro vecchi veicoli e comprare belle nuove auto elettriche.

Sempre più “governance” è l’ esercizio di ingegneria sociale di tecnocrati che sanno cosa è meglio [per tutti]. Questo particolare esercizio va direttamente di fronte a una precedente misura governativa di ingegneria sociale che utilizzava incentivi economici per convincere la gente a comprare automobili che funzionavano a diesel. Ora il governo ha cambiato idea.Oltre la metà dei veicoli personali è ancora alimentata a gasolio, sebbene la percentuale sia diminuita. Ora ai loro proprietari viene detto di andare a comprare un’auto elettrica. Ma le persone che vivono ai margini semplicemente non possono permettersi il passaggio.

Inoltre, la politica energetica è incoerente. In teoria, l’economia “verde” include la chiusura delle molte centrali nucleari francesi. Senza di loro, da dove proviene l’elettricità per far funzionare le auto elettriche? E l’energia nucleare è “pulita”, senza CO2. Quindi che sta succedendo? La gente se lo chiede.

Le fonti energetiche alternative più promettenti in Francia sono le forti maree lungo le coste settentrionali. Ma lo scorso luglio, il progetto Tidal Energies sulla costa della Normandia è stato improvvisamente abbandonato perché non era redditizio, non aveva abbastanza clienti. Questo è sintomatico di ciò che è sbagliato nell’attuale governo. I principali nuovi progetti industriali non sono quasi mai proficui all’inizio, motivo per cui hanno bisogno di sostegno governativo e sussidi per andare avanti, in vista del futuro. Tali progetti furono sostenuti sotto de Gaulle, portando la Francia allo stato di grande potenza industriale e offrendo prosperità senza precedenti per la popolazione nel suo complesso. Ma il governo Macron non investe nel futuro né fa nulla per preservare le industrie che rimangono. La principale società energetica francese Alstom è stata venduta alla General Electric sotto la sua sorveglianza.

In effetti, è perfettamente ipocrita chiamare la tassa sul gas francese come una “ecotassa” poiché i rendimenti di una vera ecotassa sarebbero investiti per sviluppare energie pulite, come le centrali di marea. Piuttosto, i benefici sono stanziati per bilanciare il bilancio, cioè per servire il debito pubblico. La tassa macroniana sul gas  è solo un’altra misura di austerità, oltre a ridurre i servizi pubblici e “vendere i gioielli di famiglia”, vale a dire vendere potenziali finanziatori come Alstom, le strutture portuali e gli aeroporti di Parigi.

Il governo manca il punto

Le risposte iniziali del governo hanno dimostrato che non stavano ascoltando. Si immergevano nelle loro serie di cliché per denigrare qualcosa che non volevano preoccuparsi di capire.

La prima reazione del presidente Macron fu il senso di colpa per i manifestanti, invocando la più potente argomentazione dei globalisti per l’imposizione di misure impopolari: il riscaldamento globale. Egli sostenne che qualunque piccola lamentela potesse avere la gente,  non era nulla rispetto al futuro del pianeta.

Questo non ha impressionato le persone che, sì, hanno sentito parlare – tanto quanto ogni altro – di cambiamenti climatici e di interventi  per l’ambiente, ma [ma sotto la pressione del contingente] sono stati  obbligati a rispondere: “Sono più preoccupato per la fine del mese che per la fine del mondo.”

Dopo il secondo raduno dei gilet gialli sabato 25 novembre, che ha visto altri manifestanti e altri gas lacrimogeni, il ministro responsabile del bilancio, Gérard Darmanin, ha dichiarato cheche i dimostranti sugli Champs-Elysée erano “la peste bruna”, la peste marrone , intendendo fascisti. (Per coloro che amano screditare i francesi come razzisti, va notato che il Darmanin è di origini algerine della classe lavoratrice). Questa osservazione ha provocato  sdegno e indignazione perchè ha rivelato quanto grande sia la ‘simpatia pubblica’ per il movimento – che ha riscosso oltre il 70% di approvazione negli ultimi sondaggi, anche dopo gli atti di vandalismo incontrollato. Il ministro degli interni di Macron, Christophe Castaner, fu obbligato a dichiarare che le comunicazioni del governo erano state gestite male. Certamente, questa è la scusa tecnocratica familiare: abbiamo sempre ragione, ma è tutta questione di dirigere bene la nostra “comunicazione”,

Forse mi è sfuggito qualcosa, ma delle molte interviste che ho ascoltato [dei gilet gialli], non ho sentito una parola che sarebbe caduta nelle categorie di “estrema destra”, tanto meno di “fascismo” – o anche che indicava una particolare preferenza per quanto riguarda partiti politici. Queste persone sono interamente interessate a questioni pratiche concrete. Non un soffio di ideologia – notevole a Parigi!

Alcuni ignoranti della storia francese e desiderosi di mostrare il loro purismo di sinistra hanno suggerito che i giubbotti gialli sono pericolosamente nazionalisti perché ogni tanto sventolano bandiere francesi e cantano La Marseillaise. Ciò significa semplicemente che sono francesi. Storicamente, la sinistra francese è patriottica, soprattutto quando si ribella agli aristocratici e ai ricchi o durante l’occupazione nazista. (L’eccezione fu la rivolta studentesca del maggio 1968, che non fu una rivolta dei poveri ma una rivolta in un periodo di prosperità a favore di una maggiore libertà personale: “è vietato proibire”. La generazione del maggio ’68 si è rivelata per essere la generazione più antifrancese della storia, per ragioni che non possono essere affrontate qui. In una certa misura, i giubbotti gialli segnano un ritorno del popolo dopo mezzo secolo di disprezzo dall’intellighentia liberale). È solo un modo per dire: Noi siamo le persone, noi facciamo il lavoro, e tu devi ascoltare le nostre lamentele. Per essere cattivo, il “nazionalismo” deve essere aggressivo nei confronti delle altre nazioni. Questo movimento non sta attaccando nessuno, è strettamente restando a casa.

La debolezza di Macron

I giubbotti gialli hanno chiarito a tutto il mondo che Emmanuel Macron era un prodotto artificiale venduto agli elettori da una straordinaria campagna mediatica.

Macron era il coniglio magicamente tirato fuori da un cilindro, sponsorizzato da quella che deve essere chiamata l’oligarchia francese. Dopo aver attirato l’attenzione del famoso creatore di re Jacques Attali, il giovane Macron ricevette un breve periodo nella banca Rothschild, dove riuscì rapidamente a guadagnare una piccola fortuna, assicurando la lealtà della sua classe ai suoi sponsor. La saturazione dei media e la spavalda campagna contro il “fascista” Marine LePen (che inoltre ha accolto il suo principale dibattito) ha messo in ufficio Macron. Aveva incontrato sua moglie mentre insegnava la sua lezione teatrale, e ora è diventato presidente.

La missione assegnatagli dai suoi sponsor era chiara.Deve portare avanti più vigorosamente le “riforme” (misure di austerità) già intraprese dai precedenti governi, che spesso si sono intrattenuti per affrettare il declino dello Stato sociale.

E oltre a questo, Macron avrebbe dovuto “salvare l’Europa”. Salvare l’Europa significa salvare l’Unione europea dal pantano in cui si trova.

Questo è il motivo per cui tagliare le spese e bilanciare il budget è la sua ossessione. Perché è quello che è stato scelto per fare dall’oligarchia che ha sponsorizzato la sua candidatura. Fu scelto dall’oligarchia finanziaria soprattutto per salvare l’Unione Europea dalla minaccia di disintegrazione causata dall’euro.I trattati che istituiscono l’UE e soprattutto la moneta comune, l’euro, hanno creato uno squilibrio tra gli Stati membri che è insostenibile. L’ironia è che i precedenti governi francesi, a cominciare da Mitterrand, sono in gran parte responsabili di questo stato di cose. In uno sforzo disperata e tecnicamente inadeguato per mantenere la Germania appena unificata da diventare la potenza dominante in Europa, i francesi hanno insistito per legare la Germania alla Francia con una moneta comune. Con riluttanza, i tedeschi accettarono l’euro – ma solo in termini tedeschi. Il risultato è che la Germania è diventata la controproducente creditrice di Stati membri dell’UE non disposti a farlo, Italia, Spagna, Portogallo e, naturalmente, la Grecia in rovina. Il divario finanziario tra la Germania e i suoi vicini meridionali continua ad espandersi, il che provoca cattiva volontà da tutte le parti.

La Germania non vuole condividere il potere economico con gli stati che considera spendaccioni irresponsabili. Quindi la missione di Macron è quella di mostrare alla Germania che la Francia, nonostante la sua economia flagrante, è “responsabile”, spremendo la popolazione per pagare gli interessi sul debito. L’idea di Macron è che i politici di Berlino e dei banchieri di Francoforte rimarranno così impressionati che si gireranno e diranno, ben fatto Emmanuel, che siamo pronti a gettare le nostre ricchezze in un piatto comune a vantaggio di tutti e 27 gli Stati membri. Ed è per questo che Macron non si fermerà davanti a nulla per bilanciare il budget, per far sì che i tedeschi lo amino.

Finora, la magia di Macron non funziona sui tedeschi, e sta guidando la sua stessa gente nelle strade.

O sono la sua stessa gente? Macron si preoccupa davvero della sua corsa dei compatrioti del mulino che lavorano solo per vivere? Il consenso è che non lo fa.

Macron sta perdendo il sostegno sia della gente nelle strade che degli oligarchi che lo hanno sponsorizzato. Non sta facendo il lavoro.

L’ascesa politica del coniglio-fuori dal cappello di Macron lo lascia con poca legittimità, una volta svanito il bagliore delle copertine delle riviste patinate. Con l’aiuto dei suoi amici, Macron ha inventato la sua festa, La République en Marche, che non significa molto di niente se non un’azione suggerita. Ha popolato il suo partito con individui della “società civile”, spesso imprenditori mediocri senza esperienza politica, oltre a pochi disertori dei partiti socialisti o repubblicani, per occupare i posti governativi più importanti.

L’unica recluta ben nota dalla “società civile” è stata l’attivista ambientalista popolare, Nicolas Hulot, a cui è stato conferito il posto di Ministro dell’Ambiente, ma che si è improvvisamente dimesso in un annuncio radiofonico lo scorso agosto, citando la frustrazione.

Il più forte sostenitore della classe politica da parte di Macron è stato Gérard Collomb, sindaco socialista di Lione, a cui è stato conferito il massimo incarico di ministro dell’Interno, incaricato della polizia nazionale. Ma poco dopo la partenza di Hulot, Collomb disse che se ne sarebbe andato anche lui, per tornare a Lione. Macron lo implorò di restare, ma il 3 ottobre Collomb andò avanti e si dimise, con una dichiarazione sbalorditiva riferendosi a “immensi problemi” che affrontavano il suo successore. Nei “quartieri difficili” nelle periferie delle grandi città, ha detto, la situazione è “molto degradata: è la legge della giungla che regola, spacciatori e islamisti radicali hanno preso il posto della Repubblica”. Tali sobborghi hanno bisogno essere “riconquistati”.

Dopo una simile descrizione del lavoro, Macron era reclutò un nuovo ministro degli Interni. Si mise a tentoni e tirò fuori un pazzo che aveva scelto per dirigere il suo partito, l’ex socialista Christophe Castaner. Con una laurea in criminologia, la principale esperienza di Castaner a qualificarsi come capo della polizia nazionale è il suo stretto legame, in gioventù negli anni ’70, con un mafioso di Marsiglia, apparentemente dovuto al suo debole per giocare a poker e bere whisky in tane illegali.

Sabato 17 novembre, i manifestanti sono stati pacifici, ma si sono offesi per i pesanti attacchi di gas lacrimogeni. Sabato 25 novembre, le cose sono diventate molto più dure e sabato 1 dicembre è scoppiato l’inferno. Senza leader e senza servizio d’ordine (militanti incaricati di proteggere i manifestanti da attacchi, provocazioni e infiltrazioni), era inevitabile che i casseurs(smashers) sono entrati in azione e hanno iniziato a distruggere le cose, saccheggiando negozi e incendiando bidoni della spazzatura, auto e persino edifici. Non solo a Parigi, ma in tutta la Francia: da Marsiglia a Brest, da Tolosa a Strasburgo.Nella remota città di Puy en Velay, nota per la sua cappella appollaiata su una roccia e la sua tradizionale lavorazione del merletto, la Prefettura (autorità governativa nazionale) fu incendiata. Gli arrivi turistici sono cancellati e i ristoranti di lusso si sono svuotati e i grandi magazzini temono per le loro finestre di Natale.I danni economici sono enormi.

Tuttavia , il supporto per i giubbotti gialli rimane elevato, probabilmente perché le persone sono in grado di distinguere tra quei cittadini addolorati e i vandali che amano distruggere la distruzione fine a se stessa.

Lunedì ci furono improvvisamente nuovi scontri nella periferia travagliata che Collomb avvertì mentre si ritirava a Lione. Si trattava di un nuovo fronte per la polizia nazionale, i cui rappresentanti facevano sapere che tutto ciò stava diventando troppo difficile per loro. Annunciare lo stato di emergenza non è in grado di risolvere nulla.

Per Macron è una bolla che è esplosa. La legittimità della sua autorità è messa molto in questione. Tuttavia è stato eletto nel 2017 per un mandato di cinque anni, e il suo partito detiene una larga maggioranza in parlamento che rende quasi impossibile la sua miseria.

Quindi che succederà adesso? Nonostante siano stati esclusi dalla vittoria elettorale di Macron nel 2017, i politici di tutto il mondo stanno cercando di recuperare il movimento – ma con discrezione, perché i Gilets Jaunes hanno messo in chiaro la loro sfiducia nei confronti di tutti i politici. Questo non è un movimento che cerca di prendere il potere. Cerca semplicemente un risarcimento delle sue lamentele. Il governo avrebbe dovuto ascoltare in primo luogo, accettare discussioni e compromessi. Questo diventa più difficile col passare del tempo, ma nulla è impossibile.

Per  due o trecento anni, le persone che potremmo chiamare di “sinistra” speravano che i movimenti popolari portassero a cambiamenti in meglio. Oggi molti esponenti di sinistra sembrano terrorizzati dai movimenti popolari per il cambiamento, convinti che il “populismo” debba condurre al “fascismo”.Questo atteggiamento è uno dei molti fattori che indicano che i cambiamenti futuri non saranno guidati dalla sinistra come esiste oggi. Coloro che temono il cambiamento non saranno lì per aiutare a farlo accadere. Ma il cambiamento è inevitabile e non deve andare peggio.

Diana Johnstone  è l’autrice di Fools ‘Crusade: Yugoslavia, NATO e Delusioni occidentaliIl suo nuovo libro è Queen of Chaos: the Misadventures of Hillary Clinton .    Le memorie del padre di Diana Johnstone, Paul H. Johnstone,  Da MAD a Madness , sono state pubblicate da Clarity Press, con il suo commento.
Diana Johnstone può essere contattata a  [email protected]  .