I documenti che l’FBI ha trovato a casa di Trump erano stati declassificati dallo stesso con ordine esecutivo

Pixbay photo

I documenti che Trump aveva a casa erano tutti declassificati, perché lui stesso lo aveva deciso da presidente (ed era nelle sue prerogative). Lo spiega molto bene Just the News:

Venerdì l”ufficio di Donald Trump ha detto a Just the News che i materiali riservati che l’FBI ha sequestrato dalla sua tenuta di Mar-a-Lago sono stati declassificati con un “ordine permanente” mentre era presidente che gli ha permesso di portare materiali sensibili alla residenza della Casa Bianca di notte per continuare a lavorare.

È probabile che la dichiarazione ufficiale diventi il ​​fulcro della difesa legale del presidente poiché l’FBI e il dipartimento di giustizia di Biden indagano se ha rubato documenti coperti dal Presidential Records Act o distratto materiale classificato ai sensi dell’Espionage Act, accuse incluse in un mandato di perquisizione rilasciato da un venerdì della corte federale della Florida.

La difesa del presidente trova radice nel principio legale che il presidente e il vicepresidente è autorità l’ultima di declassificazione del governo degli Stati Uniti. Esempi calzanti sono gli ordini esecutivi più recentemente emessi nel 2003 da George W. Bush e Barack Obama nel 2009 che esentano specificamente il presidente e il vice presidente dal dover seguire le rigorose procedure di declassificazione che ogni altra agenzia e funzionario federale deve seguire.

Trump ha affermato per settimane che tutti i documenti in suo possesso ancora contenenti materie classificate al momento che ha lasciato l’incarico, erano stati precedentemente declassificati. Venerdì sera, la dichiarazione rilasciata a Just the News ha spiegato esattamente come è avvenuta quella declassificazione.

Il fatto stesso che questi documenti fossero presenti a Mar-a-Lago significa che non avrebbero potuto che essere classificati”, ha affermato l’ufficio dell’ex presidente. “Come tutti possiamo capire, di volta in volta ognuno finisce per dover portare a casa il proprio lavoro. I vari presidenti americani non sono diversi. Il presidente Trump, per prepararsi al lavoro il giorno successivo, portava spesso documenti, compresi documenti classificati, dallo Studio Ovale alla residenza.

[Il Presidente] “Aveva emesso un ordine esecutivo secondo il quale i documenti rimossi dallo Studio Ovale e portati nella propria residenza fossero considerati declassificati”, ha aggiunto la dichiarazione. “Il potere di classificare e declassificare i documenti spetta esclusivamente al Presidente degli Stati Uniti. L’idea che qualche burocrate passa- carte, con autorità di classificazione delegata DAL PRESIDENTE, debba approvare la declassificazione è assurda”.
(…)

È probabile che i detrattori del presidente al Congresso, al DOJ e alla comunità dell’intelligence contestino le argomentazioni del presidente. Ma i funzionari che hanno familiarità con la legge sulla sicurezza nazionale hanno affermato che i tribunali generalmente hanno ritenuto che il potere del presidente di declassificare sia di vasta portata e che il processo per come ciò avvenga può essere più casuale, qualcosa che gli ordini esecutivi di Bush e Obama del 2003 e del 2009 hanno chiarito.

L’ordinanza esecutiva di Obama n. 13526  , emessa nel 2009, stabiliva il rigoroso processo che tutti i funzionari e le agenzie federali dovevano seguire per la declassificazione, ma esentava esplicitamente il presidente e il vicepresidente in carica dal dover seguire tali procedure. (…)

https://justthenews.com/politics-policy/all-things-trump/breaking-trump-describes-process-how-he-declassified-documents

VPNews

Exit mobile version