I disordini interni in corso in Iraq ed in Libano, sono con influenze dei ‘soliti noti’.

Dal seguitissimo blog Moon of Alabama, un chiarissimo giudizio sui disordini interni in corso in Iraq ed in Libano. Come sempre, con influenze dei ‘soliti noti’.

Perché il Libano e l’Iraq sono sull’orlo di ulteriori conflitti

Oggi il Primo Ministro del Libano, Saad Hariri, ha rassegnato le dimissioni dopo violente proteste. In Iraq il religioso sciita Moqtada Sadr si è unito ai manifestanti dopo che anche precedenti proteste in Iraq hanno portato alla violenza. In entrambi i paesi i manifestanti chiedono le dimissioni dei loro governi. Mentre le manifestazioni in entrambi i paesi riguardano questioni economiche e politiche locali, vi sono attori stranieri coinvolti che vogliono usarle per raggiungere i propri obiettivi.

Elijah J. Magnier @ejmalrai – 12:37 UTC · 29 ott 2019 I manifestanti libanesi e iracheni  colpiscono la stabilità dell ‘”Asse della Resistenza” in questi due paesi e in entrambi  spingono i primi ministri a dimettersi e condurre il paese verso l’instabilità.

Gli USA e l’Arabia Saudita hanno perso la Syria ma stanno ancora combattendo in altri teatri.

Il 6 ottobre abbiamo avvertito di questi tentativi di “cambio di regime”: il tentativo di colpo di stato guidato dagli USA in Iraq potrebbe indebolire ulteriormente quel Paese

Negli ultimi cinque giorni ci sono state proteste in tutto il sud dell’Iraq, dove la maggioranza della popolazione è sciita. La protesta si è intensificata e dopo  pochi giorni ci sono state sparatorie che hanno provocato oltre un centinaio di morti. In diverse città gli uffici del partito e del governo sono stati bruciati e vari gruppi si affrettarono a prendere posizione nel movimento “senza leader”. Ci sono motivi legittimi per le proteste. La maggior parte delle persone in Iraq ha meno di 20 anni. Si ha poca possibilità di trovare un lavoro. Lo stato è debole e molti dei suoi funzionari sono corrotti. I servizi che lo stato dovrebbe fornire non vengono erogati. L’elettricità e l’approvvigionamento idrico sono spesso scarse.

Ma quelli non sono i motivi per cui le proteste si sono immediatamente trasformate in violenza.

Le proteste sono parte del conflitto tra gli Stati Uniti, i suoi delegati sauditi e l’Iran.

L’obiettivo immediato è far cadere il governo sotto il primo ministro Adel Abdel Mahdi, che ha cercato di rimanere il paese neutrale nel conflitto tra USA / Israele / Arabia Saudita e Iran.
… Le nuove sanzioni statunitensi contro le banche libanesi che presumibilmente sostengono Hezbollah fanno anche parte degli sforzi USA / israeliani / sauditi per spremere l’Iran e i suoi delegati …

Un imminente crollo dell’economia molto debole del Libano , in parte causato dalle sanzioni statunitensi contro le banche libanesi e dalla fine dei tradizionali sussidi sauditi al Libano, ha portato anche a proteste e oggi alle dimissioni del Primo Ministro Saad Hariri. Ora guiderà il paese un governo di salvezza nazionale che avrà troppo poco potere per cambiare qualcosa.

Sia l’Iraq che il Libano hanno sistemi etnico-settari che sono finemente bilanciati. I signori della guerra o i leader dei clan dei vari gruppi usano lo stato per il proprio arricchimento. Fornire servizi per l’intero paese non significa nulla per loro. Tutto ciò che vogliono è più denaro che permetta loro di gestire un sistema di clientelismo  per i loro seguaci immediati che li mantengano nelle loro posizioni.

In Iraq e in Libano le posizioni in parlamento e governo sono decise (più o meno) da quote assegnate ai vari gruppi religiosi che sono difficili da modificare. Entrambi i paesi starebbero meglio in costituzioni universali [laici e non confessionali] che eliminerebbero eventuali quote e posizioni specifiche per gruppi particolari.

Ma i gruppi cristiani in Libano ci perderebbero poiché la quota cristiana della popolazione è diminuita nel tempo. In Iraq le attuali posizioni curde e sunnite perderebbero il potere nei confronti della maggioranza sciita. Questi gruppi preferirebbero combattere piuttosto che rinunciare ai propri privilegi.

Gli attuali sistemi politici rendono estremamente difficile qualsiasi cambiamento. I manifestanti chiedono la partenza dei politici corrotti. Ma anche se i governi si dimettessero e chiedessero nuove elezioni, l’adesione alle leggi e alle costituzioni elettorali non farebbe che ricreare una situazione simile.

Chiedere dimissioni non è quindi il modo per ottenere il cambiamento.

La migliore strategia per i legittimi manifestanti è quella di sollecitare gli attuali governi a riformarsi. I governi in Iraq e in Libano hanno già entrambi deciso di apportare alcuni cambiamenti. I manifestanti dovrebbero accettarli e ritirarsi. Se i politici non si attengono a tali impegni, i manifestanti possono sempre tornare in strada e chiedere di più.

Sfortunatamente ci sono attori esterni con molti soldi che vogliono impedirlo. Vogliono gettare entrambi i paesi nel caos assoluto o persino nelle guerre civili perché sperano che in questo modo la situazione  indebolisca quelle fazioni che hanno buoni rapporti con l’Iran.

In Libano c’è stata una certa violenza da parte dei seguaci del movimento sciita Amal contro un campo di tende per manifestanti. I media “occidentali” hanno erroneamente attribuito la violenza a Hezbollah. In Iraq le guardie di un edificio governativo a Karbala hanno sparato contro i manifestanti che hanno cercato di sfondare il cancello. Alcuni media “occidentali” hanno erroneamente affermato che quegli ‘sparatutto’ fossero iraniani.

Ma gli attori esterni interessa solo raggiungere i risultati desiderati ed hanno fatto offerte. Ma il risultato di ogni conflitto violento  – alla fine – sarà probabilmente diverso da quello che sognano. In entrambi i paesi è probabile che, dopo un periodo sanguinoso e caotico, i gruppi che usciranno in cima, saranno proprio ancora una volta quelli che i sauditi, gli Stati Uniti e Israele vogliono schiacciare verso il basso.

[Nell’ipotesi che il conflitto sociale degeneri ulteriormente] ci sarebbero anche molti danni collaterali ed entrambi i paesi sarebbero ulteriormente indeboliti. Ecco perché i gruppi allineati dell’Iran stanno attualmente cercando di evitare di reagire alle chiare provocazioni dirette contro di loro. Ma con il sangue che scorre nelle strade sarà difficile mantenere questa posizione ancora per molto.

fonte: Moon of Alabama

link:https://www.moonofalabama.org/2019/10/why-lebanon-and-iraq-are-at-the-brink-of-further-strife.html?fbclid=IwAR3_vrwa_1wAIT1ICjiMcwH0FERNN56XW2W28G8L5upoSBJB7kYSSJIq0ew#more