In Siria la chiesa ortodossa ha festeggiato il Natale

Contemporaneamente agli eventi religiosi, si sono svolti in tutto il Paese eventi laici dedicati al Natale.

In Siria la chiesa ortodossa ha festeggiato il Natale 1

Nel tempio del Santo Profeta Elia ad Aleppo migliaia di candele sono state accese contemporaneamente. È in corso un tradizionale servizio ortodosso. Non ci sono quasi posti vuoti in chiesa.

I cristiani siriani terminano le celebrazioni natalizie. In questo paese viene celebrato due volte, e in alcuni casi tre volte, secondo i calendari giuliano e gregoriano, e inoltre, secondo la cronologia delle denominazioni cristiane poco conosciute in Russia. Il 25 dicembre gli aderenti alla Chiesa ortodossa di Antiochia celebrano il Natale, il 7 gennaio – la Chiesa ortodossa russa in Siria, e il 6 gennaio – i seguaci delle Chiese ortodosse armena apostolica, copta, etiope, eritrea, siriana e malankarese.

Ci sono più di una dozzina di diverse denominazioni cristiane in Siria. Molto spesso i loro templi stanno uno di fronte all’altro per le strade delle città. Anche le moschee musulmane si trovano molto vicine. Completa tolleranza religiosa, espressa nell’architettura.

Alcuni musulmani celebrano anche il Natale. Nei loro libri sacri, Gesù Cristo è Isa ibn-Maryam, uno dei profeti. Sfortunatamente, la pace e l’armonia in termini di date memorabili non sono sempre regnate in Siria. Durante la guerra, non solo non era possibile festeggiare il Natale, era addirittura impossibile apparire per le strade di alcune città.

Contemporaneamente agli eventi religiosi, si sono svolti in tutto il Paese eventi laici dedicati al Natale.

Così è avvenuta l’apertura di un bazar di beneficenza natalizio e la diaspora russa che vive in Siria ha preso parte a questo cerimonia.

Quando la guerra si è ritirata, la tolleranza è tornata di nuovo in Siria.

(fonte Ren TV)

Exit mobile version