I cristiani nello stato di Kaduna, in Nigeria sono colpiti da uccisioni su larga scala e rapimenti

JOS , Nigeria (Morning Star News) – Più di 200 pastori musulmani Fulani hanno attaccato prevalentemente villaggi cristiani nello stato di Kaduna meridionale, Nigeria dal 6 gennaio, uccidendo almeno 35 persone e rapendone altre 58, tra cui una madre e il suo bambino di 6 mesi vecchio, dicevano fonti.

Armati con gli AK-47, i pastori su motociclette imperversavano in 10 villaggi prevalentemente cristiani nelle contee di Chikun e Brinin Gwari, hanno detto i leader cristiani. Le persone traumatizzate sfollate dalla violenza, espropriate dei loro terreni agricoli e dei senzatetto, in seguito hanno ricevuto richieste di riscatto per migliaia di dollari per il rilascio dei loro parenti.

“I pastori, o” banditi “come li chiamano ora, hanno iniziato i loro attacchi alle nostre comunità lunedì 6 gennaio, uccidendo, mutilando e rapendo membri delle nostre famiglie senza restrizioni da parte delle agenzie di sicurezza o dei militari”, il pastore Habila Madama, un leader cristiano nelle aree colpite, ha detto a Morning Star News. “I pastori hanno distrutto i nostri terreni agricoli e non ci hanno lasciato nulla. Questi pastori musulmani Fulani di solito vengono con il loro bestiame, prendono con forza le nostre fattorie e distruggono i raccolti pronti per i raccolti. ”

Ha fatto appello al presidente nigeriano Muhammadu Buhari e al governo dello stato di Kaduna affinché prendessero provvedimenti per porre fine alla violenza.

“Al giorno d’oggi, non sappiamo dove andare, con che cosa nutrirci o dove possiamo trovare vestiti da indossare, soprattutto per i nostri bambini – e, peggio ancora, dove posare la testa”, ha detto il pastore Madama.

Gli assalitori hanno chiamato i parenti delle 58 persone rapite chiedendo 10 milioni di naira (US $ 27.440) in riscatto, ha dichiarato Jonathan Asake, presidente del Southern Kaduna Peoples ‘Union (SOKAPU) in una conferenza stampa in un campo profughi a Ungwar Beji, a Gonin Zona di Gora della contea di Chikun.

“Circa 35 persone sono state uccise dai pastori, mentre circa 58 persone sono state rapite”, ha detto Asake, osservando che ci sono persone scomparse ancora non prese in considerazione. “Come puoi vedere da come sono queste persone, sono gravemente traumatizzate e hanno bisogno di assistenza immediata per poter resistere. Ci è stato detto che i banditi hanno distrutto tutti i prodotti agricoli delle vittime e hanno anche distrutto le loro case, lasciandoli con nulla da chiamare loro “.

Asake ha detto che gli è stato detto che circa 8.000 persone sfollate dagli attacchi sono arrivate a Buruku senza nulla in loro possesso e che 200 persone senza cibo, coperte o vestiti si erano radunate nel campo Ungwar Beji.

“Peggio ancora, la maggior parte dei bambini sono malati”, ha detto. “Questo richiede preoccupazione per tutte le persone di buona volontà a venire in loro aiuto in qualsiasi tipo al fine di dare loro la speranza di sopravvivere prima che possano essere intrapresi dei passi nell’area della loro istruzione.”

6 mesi di rapimento

Il 6 gennaio a Kasso, nella contea di Chikun, i terroristi hanno ucciso Eli Sule, un padre di cinque figli di 35 anni, e hanno rapito una madre che allatta, Ladi Yusuf, secondo quanto riferito da un comunicato di sabato (11 gennaio) di Luka Binniyat, portavoce del SOKAPU.

“Ladi Yusuf, una madre che allatta, è stata rapita con il suo bambino di 6 mesi”, ha detto Binniyat. “Questa mattina [gennaio 11], Yusuf Sule ha ricevuto una chiamata dai rapitori. Usarono il telefono del fratello rapito, Bulus Sule, e lo chiamarono. I rapitori chiedono il riscatto di 5 milioni di naira.

“Il fratello gli ha detto che non sono in buone condizioni e che il bambino di 6 mesi è gravemente malato a causa del tipo di condizione in cui viene tenuto prigioniero. Yusuf e la comunità non hanno alcun mezzo per raccogliere quei soldi dopo che i banditi hanno saccheggiato il poco che avevano raccolto, tra cui due motociclette possedute da Yusuf Sule. ”

Binniyat ha detto che Danjuma Bulus, un trentenne padre di quattro figli, e Istifanus Auta, un trentunenne padre di tre figli, sono stati uccisi nell’attacco. Bulus Sule è stato rapito insieme a sua moglie, Rebecca Sule, ha detto, e il figlio di Yusuf Sule, Irmiya Yusuf, è stato curato in una clinica medica per ferite da arma da fuoco.

Nella contea di Chikun, i villaggi di Kuduru, Tawali, Unguwan Madaki e Katarma sono stati attaccati per cinque giorni da oltre 200 pastori in sella a motociclette e armati di AK-47, ha detto Binniyat.

“Le informazioni disponibili ci dicono che nel villaggio di Tawali, sei persone sono state rapite e da allora non si è più sentito parlare di loro”, ha detto. “La chiesa ECWA [Chiesa evangelica dell’Africa occidentale] nel villaggio non è stata risparmiata perché è stata completamente bruciata. Inoltre, un giovane ragazzo, di nome Ezra Bala, 16 anni, che è uno studente del Government College, Kwoi, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco nel villaggio di Kuduru durante l’attacco. ”

Gli uomini armati l’8 gennaio hanno attaccato il seminario cattolico maggiore del Buon Pastore a Buwaya, rapendo quattro seminaristi. In un attacco a Badna, Ward Guruku della contea di Chikun, 40 persone sono state rapite, tra cui un pastore battista, il Rev. Samaila Yusuf, ha detto. Gli aggressori hanno anche saccheggiato i villaggi di Rumana Gbagyi e Rumana Hausa, portando via bestiame e altri oggetti di valore, ha detto.

Nel rione di Guruku, la comunità di Bademi è stata saccheggiata e saccheggiata mentre gli assalitori uccidevano Idi Halidu e rapivano altre due persone, ha detto Binniyat. A Unguwan Buji, hanno ucciso una persona identificata come Sani Buji, ha detto.

“In una dimostrazione di sfacciata impunità, hanno rapito 15 persone e sono scomparsi tra i cespugli con loro”, ha detto. “Nella vicina comunità di Maloma, gli invasori hanno derubato e saccheggiato il villaggio e hanno bruciato una grande quantità di riso e altri cereali prima di scomparire nell’ignoto. Tutto ciò è accaduto nell’arco di quattro giorni senza alcuna risposta da parte di alcuna agenzia di sicurezza. ”

Gli attacchi che sono iniziati il ​​6 gennaio hanno segnato un nuovo massimo nelle vittime a seguito di attacchi precedenti, hanno affermato i leader dei diritti. Il 16 dicembre, nel villaggio di Chidunu vicino a Maraban Rido nella contea di Chikun, gli aggressori hanno ucciso Raphael Ayuba, 40 anni, sposato con cinque figli, ha detto Binniyat. Sono stati uccisi anche Habila Auta, 40 anni, che ha lasciato una moglie e due figli, e Buhari Abubakar, un padre di quattro anni di 41 anni.

“Dalle informazioni disponibili, gli uomini armati sono andati di casa in casa uccidendo e mutilando queste sfortunate vittime senza alcun aiuto proveniente da nessuna parte”, ha detto Binniyat. “L’ondata di omicidi, rapimenti, incendi dolosi, saccheggi, stupri e somme versate in riscatti a questi terroristi dalle nostre comunità sta traumatizzando e impoverendo la nostra gente su base giornaliera, rendendoli sensibili alla fame e alle malattie”.

Il capitolo dello stato di Kaduna dell’Associazione cristiana della Nigeria (CAN) stima che i cristiani abbiano pagato circa 400 milioni di naira (quasi 1,1 milioni di dollari USA) ai rapitori a partire dall’11 gennaio, ha detto Binniyat.

“Siamo scioccati dal modo in cui il governo federale e il governo dello stato di Kaduna sembrano essere sopraffatti da questi crimini crudeli. Queste vittime indifese e le comunità colpite sono lasciate al proprio destino, nelle mani di questi miliziani assetati di sangue “, ha detto. “È triste che le stesse comunità che sono vittime di questi omicidi di massa, rapimenti, aroni, saccheggi, stupri e altri mali insensati siano costretti a pagare ingenti somme ai loro aggressori per ottenere la loro libertà o quella dei loro cari”.

Gli aggressori usano i soldi del riscatto per acquistare più armi e ampliare le loro operazioni contro la prossima comunità, ha detto.

“Temiamo che con l’audacia incontrollata che si stanno diffondendo questi crimini atroci contro l’umanità, esiste un piano sistematico per spazzare via le nostre comunità e conquistare le nostre terre”, ha detto Binniyat.

Coloro che desiderano aiutare gli sfollati sono invitati a contattare l’Associazione cristiana della Nigeria ([email protected]), l’Unione popolare del Kaduna meridionale ([email protected]) e la Fondazione Stefanos ([email protected])

La Nigeria si è classificata al 12 ° posto  nella World Watch List del 2020 di Open Doors dei paesi in cui i cristiani subiscono più persecuzioni, ma al secondo posto nel numero di cristiani uccisi per la loro fede, dietro il Pakistan.

(…)

###

© 2020 Morning Star Notizie. Articoli / foto possono essere ripubblicati con credito a Morning Star News.


Quest’opera è sotto licenza Creative Commons Attribution 3.0 United States License .