I cattolici vengono picchiati, divieto di memoria a Parigi, la procura apre una inchiesta

Governata dal sindaco socialista Hidalgo, Parigi il 29 maggio ha celebrato il 150° anniversario della Comune di Parigi. Questo anniversario è ampiamente promosso anche dal Partito Comunista di Francia e dal suo organo “L’Humanité”. Tuttavia, questo anniversario è anche il martirio della Chiesa cattolica a Parigi. Nel 1871, il 24 maggio, l’arcivescovo Darboy fu assassinato nella prigione di La Roquette. Due giorni dopo, il 26 maggio, il clero della capitale fu massacrato in Haxo Street. La parrocchia di Notre-Dame des Otages si trova in questo sito.

La diocesi di Parigi aveva deciso di commemorare la morte dei martiri assassinati dai comunardi. Il comunicato diceva: “Pregheremo che il sangue di queste persone non venga sparso per niente, ma che tocchi i cuori delle persone e permetta loro di scoprire il grande amore di Cristo Redentore”. Il comunicato ricorda che la Comune voleva costruire la “giustizia sociale” in opposizione alla fede cattolica. I suoi ideologi sostenevano che non ci sarebbe stato nessun “paradiso terrestre in attesa dell’intervento del Cielo”. I comunisti volevano sradicare ogni speranza soprannaturale dalle menti delle persone e coinvolgerle nella riforma del mondo. Ecco perché decisero di eliminare fisicamente il clero. I martiri di Haxo Street sono morti per amore di Cristo e hanno dato una testimonianza vivente che cielo e terra non sono realtà separate. Amare Dio è amare le persone.

Nell’ultima settimana di maggio si è svolta la celebrazione del 150° anniversario dei martiri cattolici della Comune di Parigi. Erano previsti servizi, conferenze scientifiche e una visita alle loro tombe. Sabato 29 maggio si è svolta una processione, la Marcia dei Martiri, e le celebrazioni si sono concluse con la Santa Messa. Il 30 maggio, celebrato dall’arcivescovo di Parigi, p. Michel Auepetit. La processione era prevista lungo il percorso compiuto dai martiri dall’ex carcere di Roquette fino alla chiesa di Notre-Dame des Otages, luogo in cui furono giustiziati. Durante il percorso si sono svolte meditazioni guidate dalle comunità parrocchiali di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, Nostra Signora della Croce e Saint-Jean-Baptiste de Belleville.

I proseguitori dell’ideologia criminale – i comunardi di oggi non hanno rispettato la Marcia dei Martiri. Questa processione cattolica organizzata dalla diocesi di Parigi è stata attaccata da attivisti di estrema sinistra. In un primo momento, circa 300 pellegrini sono stati insultati da attivisti comunisti, poi sono state fatte minacce. Un partecipante alla processione, Nicolas Louis-Riel, ha riferito che alcuni aggressori incappucciati erano ubriachi. Successivamente, hanno iniziato a lanciare vari oggetti contro i cattolici e ad attaccarli fisicamente.

Domenica 30 maggio, in un’intervista per Le Figaro, vescovo ausiliare di Parigi, p. Denis Jachiet ha detto che lo scopo della processione era prettamente religioso, erano presenti famiglie con bambini, anziani e chierichetti. I partecipanti sono stati provocati fin dall’inizio. La tensione è salita davanti al cimitero di Père Lachaise. Qui apparvero i nuovi “comunardi”. Hanno soffocato le preghiere e i canti dei cattolici, hanno cantato “odiamo Versailles! Morte ai fascisti!”. Sul Boulevard de Ménilmontant le cose andarono anche peggio. Un gruppo di circa 20 giovani incappucciati con uno striscione rosso, secondo “Le Figaro” degli attivisti dell’Antifa, “è entrato nella lotta”. I fedeli sono stati spinti e picchiati. I loro stendardi della chiesa furono strappati e lo stendardo dei loro veterani calpestato. Due anziani sono rimasti feriti.

Pochi poliziotti sono intervenuti piuttosto tardi. I fedeli hanno accorciato la processione e si sono rifugiati nella vicina chiesa della Madonna della Croce. “Abbiamo aspettato e pregato finché la polizia non ci ha fatto fuori”, ha detto uno degli organizzatori a Le Figaro. Lo spirito antireligioso della Comune di Parigi ha di nuovo spaventato le strade di questa città.

La procura di Parigi ha aperto un’inchiesta sulla vicenda.

L’attacco delle milizie di sinistra al corteo cattolico del 29 maggio, che onorava i martiri della Comune di Parigi, suscita ancora grandi echi sulla Senna. La processione era una celebrazione puramente religiosa, organizzata dalla diocesi di Parigi, con il permesso della prefettura.

I media mainstream erano riluttanti a commentare l’aggressione dei “neo-comunardi”, probabilmente non volendo riesumare le divisioni e le ferite di 150 anni fa. Tuttavia, l’assoluta stupidità, cecità e inclinazioni totalitarie degli attivisti di sinistra che hanno lanciato bottiglie, pietre e bidoni della spazzatura contro i fedeli, definendoli “fascisti”, hanno quasi causato uno shock sociale. Karine Dalle, portavoce della diocesi di Parigi, ha parlato della situazione “surreale” e del ritorno delle violenze contro i cattolici dopo 150 anni. È vero che anche i media cattolici di sinistra, come “Le Croix”, hanno cercato di sminuire la faccenda, ma in questo caso la stessa diocesi ha preso provvedimenti legali, e l’arcivescovo parigino, p. Michel Aupetit ha presentato la denuncia ufficiale. In esso ha indicato “l’ostruzione alla libertà di espressione e manifestazione” e la “restrizione alla libertà di religione”.

In definitiva, solo dopo due giorni (31 maggio) la procura di Parigi ha aperto un’inchiesta sulla vicenda. Quindi il caso potrebbe trovare il suo epilogo in tribunale. Tuttavia, come riportato da Le Figaro, la procura di Parigi ha classificato l’attentato al corteo cattolico come un’applicazione di “violenza deliberata”. Questa informazione non è stata resa pubblica fino a venerdì 4 giugno. Le autorità non sono senza colpa, poiché solo pochi poliziotti civili sono stati assegnati a proteggere il corteo, anche se si sapeva che i comunisti organizzavano le loro celebrazioni in onore della Comune di Parigi nello stesso luogo. L’aggressione era prevedibile, tanto più che una settimana prima attivisti di sinistra avevano invaso la basilica del Sacro Cuore a Montmartre per ragioni simili, ma dove gli incidenti erano stati evitati.

p. L’arcivescovo Michel Aupetit ha sottolineato che tale violenza contro i cattolici è “assolutamente inaccettabile in base allo stato di diritto”. Ha anche chiesto la parità di trattamento del cattolicesimo con altre religioni e visioni del mondo. Il 30 maggio, al termine della celebrazione settimanale dei martiri cattolici nel 150° anniversario della Comune di Parigi, si è svolta una messa solenne. L’arcivescovo di Parigi che lo ha celebrato ha ricordato gli eventi del giorno precedente: “Dio è amore. Siamo preoccupati che ciò che proclamiamo – il Dio dell’amore – possa suscitare tanto odio, tanta rabbia (…) Ieri sera c’è stata una manifestazione di rabbia, disprezzo e violenza”. Ha aggiunto che questo atto ci ha permesso di sperimentare una frazione di ciò che i nostri fratelli, gli ostaggi della Comune, avevano vissuto 150 anni prima.

fonte PCH 24 – (POLONIA)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.