Cina: 10 domande a cui il mondo attende risposta dagli Stati Uniti

Dopo le accuse fatte dal presidente USA Donald Trump ala Cina sul coronavirus, il quotidiano cinese People’s Daily, organo del comitato centrale del CPC, ha pubblicato  “10 domande che il mondo attende risposte dagli Stati Uniti”.

Pur non parteggiando per nessuno (ritengo che molti dei mali odierni siano le conseguenze della globalizzazione, le responsabilità sono quindi trasversali), ritengo opportuno riportare qui le 10 domande in questione. La traduzione non è letterale.

* * *

2 maggio, People’s Daily Online – Sono trascorsi più di 100 giorni da quando il ​​20 gennaio  è stato scoperto il primo caso di malattia negli Stati Uniti . Il numero di casi confermati negli Stati Uniti ha superato 1 milione, che è diventato il paese con il maggior numero di casi confermati e decessi al mondo. La situazione epidemiologica negli Stati Uniti sta diventando sempre più complicata, tuttavia alcuni politici americani non stanno combattendo l’epidemia, ma stanno diffondendo false informazioni e incolpando altri. Tuttavia, tale posizione non solo non consente di spostare la responsabilità, al contrario, rivela molti dubbi sulla efficacia della prevenzione e sul controllo dell’epidemia negli Stati Uniti. Il governo americano dovrebbe rispondere a 10 domande e a riguardo, fornire spiegazioni al mondo.

1. Perché gli Stati Uniti non forniscono informazioni aggiornate sulla ripresa dell’esperimento di modifica del virus dell’influenza aviaria dell’anno scorso?

Nel febbraio dello scorso anno, è stato pubblicato sul sito web della rivista americana ‘Science’ che il governo degli Stati Uniti ha “tranquillamente” approvato un esperimento per modificare il virus dell’influenza aviaria [vedi qui: https://scienze.fanpage.it/influenza-aviaria-riprendono-esperimenti-choc-per-creare-supervirus-cosa-rischiamo/ ]. Lo studio era volto a trasformare il virus H5N1 in un nuovo virus con una maggiore capacità di infettare i mammiferi. Ciò era controverso e considerato estremamente pericoloso. Alcuni esperti ritengono che la modifica possa aumentare il rischio di trasmissione del virus da persona a persona.

La domanda è: perché il governo americano ha deciso di riprendere questo esperimento quattro anni dopo che è stato interrotto e perché non ci sono aggiornamenti riguardo a questo esperimento.

2. L’Istituto medico dell’esercito americano per le malattie infettive era stato precedentemente chiuso. Perché?

Secondo il sito Web Global Biodefence, l’Istituto medico americano per le malattie infettive, il principale istituto e centro di ricerca biologica dell’esercito americano, con sede a Fort Detrick, nel Maryland, ha ripreso a lavorare. Lo scorso luglio, all’istituzione è stato ordinato di smettere di studiare agenti biologici e tossine. A marzo, sul sito web della Casa Bianca è apparsa una petizione che chiedeva chiarimenti sulla chiusura dell’istituto. Dopo che questa attività è diventata una delle principali preoccupazioni del pubblico, qual è la risposta del governo degli Stati Uniti?

3. L’anno scorso, il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha sviluppato uno scenario che sembrava un focolaio di COVID-19. È una coincidenza?

A marzo, il New York Times ha citato un rapporto del governo degli Stati Uniti in cui si afferma che da gennaio ad agosto 2019, il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha utilizzato una simulazione chiamata “Crimson Infezioni”, che simula un focolaio immaginario che coinvolge un gruppo di turisti che visitato la Cina. Si immaginava che fossero stati infettati dal virus e poi che volassero in diversi paesi, tra cui gli Stati Uniti.

Lo scorso ottobre, diverse organizzazioni statunitensi hanno condotto un esercizio di pandemia di alto livello chiamato Event 201. Lo scenario presentava uno scenario in cui un virus CAPS fittizio che causa sintomi più gravi della SARS e si diffonde attraverso le vie respiratorie come la normale influenza causata pandemia. Come con COVID-19, non esiste un vaccino contro CAPS.

[Nel novembre del 2019, collaborando con il World Economic Forum, la Bill & Melinda Gates Foundation ha ospitato “Event 201”, dove è stata eseguita una simulazione di una pandemia di coronavirus.
Nella simulazione si immaginava che  una infezione iniziata a Wuhan in Cina sfuggesse al controllo. (Vedi qui: https://www.nature.com/news/inside-the-chinese-lab-poised-to-study-world-s-most-dangerous-pathogens-1.21487 ). Ciò che si ipotizzava è che siccome “Un laboratorio a Wuhan è in procinto di essere autorizzato a lavorare con i patogeni più pericolosi del mondo”, un virus potesse sfuggire dal laboratorio. 
NDR Vietato Parlare]

È una coincidenza che un virus fittizio sia così simile al COVID-19? Un’altra domanda: perché nelle prime fasi di un focolaio di coronavirus negli Stati Uniti, non erano state prese misure preventive sufficientemente efficaci se gli Stati Uniti avevano già previsto una simile pandemia?

4. L’intelligence americana ha avvertito della crisi del coronavirus nel novembre dello scorso anno. Perché gli avvisi sono stati ignorati?

Ad aprile, secondo l’American Broadcasting Corporation (ABC), si diceva che, già alla fine di novembre 2019, i funzionari dell’intelligence americana avessero avvertito la Defense Intelligence Agency, il Pentagono e la Casa Bianca che una malattia infettiva stava imperversando in Wuhan , Cina.

Lo scorso novembre, il National Center for Medical Intelligence (NCMI) degli Stati Uniti ha pubblicato un rapporto dettagliato sulla pandemia di coronavirus, che è stata successivamente identificata come “COVID-19”. Alcuni analisti credevano che l’epidemia di Wuhan potesse essersi evoluta in un evento catastrofico. Secondo il Washington Post, in oltre due mesi da gennaio a febbraio, Trump aveva ricevuto intensi avvertimenti dalle agenzie di intelligence statunitensi sul coronavirus. Perché il governo degli Stati Uniti non ha dichiarato una “emergenza nazionale” fino al 13 marzo?

5. Tra le morti per influenza segnalate, gli Stati Uniti possono determinare il numero degli effettivamente  contagiati dal COVID-19 ?

Il 21 febbraio, la televisione giapponese Asahi Television ha riferito che circa 14.000 persone che sarebbero morte per influenza potrebbero essere state infettate dal coronavirus. Presto, questi rapporti sono diventati argomento di discussione.

Alla fine di febbraio, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno pubblicato un rapporto che mostrava che questo inverno sono stati registrati almeno 32 milioni di casi di influenza  .

L’11 marzo, Robert Redfield, direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha ammesso che alcune persone negli Stati Uniti che si pensava fossero morte per influenza potrebbero essere state infettate dal coronavirus.

Tra le morti registrate per influenza negli Stati Uniti, quante persone sono state infettate con COVID-19? Il governo degli Stati Uniti ha coperto la diffusione dell’influenza ‘coronavirus’? Quando le autorità statunitensi pubblicheranno campioni del virus dell’influenza negli Stati Uniti  secondo la sequenza genetica o quando consentiranno agli esperti dell’OMS o delle Nazioni Unite di selezionare e analizzare il virus?

6. Quando è apparso il nuovo tipo di coronavirus negli Stati Uniti?

Un rapporto pubblicato alla fine di aprile dalle autorità sanitarie locali suggerisce che una donna di 57 anni della contea di Santa Clara, in California, è morta di COVID-19 il 6 febbraio, 20 giorni prima della data in cui gli Stati Uniti avevano annunciato il primo decesso a causa del coronavirus.

Il Los Angeles Times ha citato  Sarah Cody, funzionario sanitario della contea di Santa Clara, che ha detto: “Partiamo dal presupposto che ognuno di essi rappresenti la trasmissione all’interno della società e che all’inizio del mese di febbraio ci sia stata una diffusione significativa del virus nella nostra comunità”.

Il direttore esecutivo della contea Jeffrey Smith ha dichiarato che ciò indica la circolazione del coronavirus in California a gennaio e anche prima.

Il governatore della California Gavin Newsome ordinò a tutte le contee dello stato di considerare l’autopsia di sospetti decessi da coronavirus a partire da dicembre.

Quando è comparso il primo caso di coronavirus negli Stati Uniti? La trasmissione del coronavirus è iniziata nella società americana prima di quanto riportato?

7. In che modo gli Stati Uniti hanno ottenuto così rapidamente  i ceppi di virus da iniziare a testare il vaccino COVID-19?

Il 16 marzo, il Wall Street Journal ha riferito che i primi test umani sul vaccino sperimentale Moderna Inc. contro COVID-19 è già iniziato. Gli esperti hanno immediatamente sollevato la questione della velocità dello sviluppo del vaccino, dicendo che sarebbe impossibile sviluppare un vaccino se gli Stati Uniti non avessero ricevuto ceppi del virus in una fase iniziale. A questo proposito, sorge la domanda su quando e come gli Stati Uniti hanno ricevuto informazioni del virus? Come sono arrivati ​​così in fretta a iniziare a sviluppare un vaccino?

8. Perché il governo degli Stati Uniti non considera pericolosa la pandemia e i funzionari statunitensi continuano a vendere azioni a prezzi ridotti?

Secondo il Washington Post, il presidente del Comitato di intelligence del Senato Richard Barr e sua moglie hanno venduto azioni per un valore di $ 1,7 milioni una settimana prima che il mercato azionario andasse in crash. Perché questi funzionari hanno agito così rapidamente, in un momento in cui il governo non attribuiva importanza alla pandemia?

Perché le informazioni vitali sono rimaste riservate al pubblico e i funzionari hanno approfittato dell’insider trading?

9. Perché gli esperti americani non sono autorizzati a discutere pubblicamente di COVID-19?

Secondo il New York Times, la Casa Bianca ha iniziato a rafforzare il controllo su tutti i rapporti sul coronavirus da parte dei funzionari sanitari il 27 febbraio, dopo che il vicepresidente Mike Pence si è occupato della prevenzione e del controllo dell’epidemia.

Ad alcuni scienziati e funzionari governativi, tra cui il principale immunologo americano e Antonio Fauci, specialista in malattie infettive, è stato chiesto di rilasciare dichiarazioni o parlare in occasione di eventi legati al COVID-19 solo dopo aver consultato l’ufficio del vicepresidente americano.

Perché gli Stati Uniti, che rivendicano la libertà di parola, non consentono agli esperti e agli scienziati di discutere in pubblico il nuovo tipo di coronavirus? Gli Stati Uniti vogliono nascondere qualcosa? O hanno paura di qualcosa?

10. Quali studi vengono condotti in laboratori biologici stranieri negli Stati Uniti? Perché gli Stati Uniti tacciono su questo?

E’ da chiedersi della legittimità dei laboratori biologici americani in tutto il mondo, posizionati in varie parti del mondo, al di fuori degli USA.

Gli ultimi laboratori creati sono dislocati in vari paesi  dell’ex Unione Sovietica. Il lavoro di questi laboratori biologici non è mai stato rivelato al mondo.

Quale ricerca si sta facendo in questi laboratori? Perché gli Stati Uniti non parlano delle funzioni, degli usi e della sicurezza di questi laboratori biologici?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.