HRW ha come scopo la denuncia scrupolosa e diffusa denuncia delle ingiustizie ma dovrebbe stare attenta alle ‘assunzioni’…

Human Rights Watch più volte ha messo a ricoprire ruoli chiave nella sua struttura a personaggi di spicco dell’establishment governativo, aziendale e finanziario statunitense. “Questo non vuol dire – dice The jacobin – che HRW sia un fantoccio del governo intrinsecamente malevolo o che non sia in grado di dare un prezioso contributo nel campo dei diritti umani. Ma i rapporti e le analisi tanto necessari che produce regolarmente sono inevitabilmente contaminati dai suoi pregiudizi istituzionali. HRW attualmente svolge una funzione non del tutto dissimile da quella dei media dell’establishment, che, pur svolgendo un importante ruolo di watchdog, fornisce allo stesso tempo una patina di convalida indipendente a sforzi politici distruttivi. (Ricordiamo, ad esempio, il seguito delle cheerleader della guerra in Iraq al New York Times .)…  L’apparente conflitto di interessi è oggetto di una recente lettera al suo direttore esecutivo Kenneth Roth, firmata dai premi Nobel per la pace Adolfo Pérez Esquivel e Mairead Maguire, dall’ex Segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite Hans von Sponeck e da più di 100 studiosi. La loro soluzione proposta? Chiudi la porta.”

La porta girevole di Human Rights Watch

DI BELÉN FERNÁNDEZ – Jacobin

Facciamo finta di voler avviare un’organizzazione per difendere i diritti delle persone in tutto il mondo che non hanno alcuna affiliazione a nessun governo o interesse aziendale. Quale dei seguenti personaggi dovremmo quindi escludere da ruoli al vertice per il buon funzionamento della nostra organizzazione? (Puoi scegliere più di una risposta.)

1 – Un individuo che ha presieduto a un bombardamento NATO, inclusi vari obiettivi civili .

2 – Un individuo che in precedenza era un assistente speciale del presidente Bill Clinton, un autore di discorsi per i Segretari di Stato Warren Christopher e Madeleine Albright e un membro dello staff di pianificazione politica del Dipartimento di Stato che nel 2009 ha dichiarato che, in “circostanze limitate, esiste un posto legittimo ”Per il programma illegale di rendition della CIA che ha visto un numero incalcolabile di persone innocenti rapite e torturate .

3 – Un ex ambasciatore degli Stati Uniti in Colombia, che in seguito fece pressioni per conto di  Newmont Mining e JP Morgan , due aziende statunitensi i cui track record di distruzione ambientale suggerirebbero che il benessere umano scende al di sotto del profitto dell’élite nella loro lista di priorità.

4 – Un ex analista della CIA.

Se hai risposto “a tutto quanto sopra”, sei un passo avanti rispetto a Human Rights Watch, che ha ospitato istituzionalmente non solo persone che corrispondono alle descrizioni 1–4 ma anche molte altre persone con background simili.

Javier Solana, ad esempio, è stato segretario generale della NATO durante l’ assalto del 1999 alla Jugoslavia, un evento descritto dallo stesso HRW  come comportante “violazioni del diritto internazionale umanitario”. Solana è ora nel Consiglio di amministrazione del gruppo .

Tom Malinowski , il cui CV parziale appare nella descrizione B, è stato Direttore di Washington di HRW dal 2001 al 2013 e ora è tornato a svolgere l’attività di governo a pieno titolo come Assistente Segretario di Stato per la democrazia, i diritti umani e il lavoro. Myles Frechette, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Colombia, è membro del comitato consultivo di HRW Americas , un’entità che per molti anni ha contato anche sull’esperienza dell’ex analista della CIA Miguel Díaz, attualmente un membro della comunità di intelligence presso il Dipartimento di Stato.

Non c’è da meravigliarsi, quindi, che nonostante le sue affermazioni di indipendenza e obiettività, HRW sia accusato di partecipare a un programma di porta girevole con il governo degli Stati Uniti.

L’apparente conflitto di interessi è oggetto di una recente lettera al suo direttore esecutivo Kenneth Roth, firmata dai premi Nobel per la pace Adolfo Pérez Esquivel e Mairead Maguire, dall’ex Segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite Hans von Sponeck e da più di 100 studiosi. La loro soluzione proposta? Chiudi la porta.

Il sigillo di qualità HRW

Fondata negli Stati Uniti nel 1978 con il nome di Helsinki Watch per monitorare le violazioni dei diritti umani nell’ex blocco sovietico, HRW si impegna nella sua dichiarazione di intenti a “indagare scrupolosamente sugli abusi, esporre ampiamente i fatti e fare pressione su coloro che hanno il potere di rispettare i diritti e garantire la giustizia. ”

Ma a volte scrupolosità e pressione possono essere selettive. Come nota la lettera a Roth, durante la candidatura del Venezuela del 2012 a un seggio nel Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, HRW ha rimproverato l’ allora presidente Hugo Chávez per un record sui diritti umani che era presumibilmente “molto al di sotto di standard accettabili”.

La lettera continua: “In nessun momento l’appartenenza degli Stati Uniti allo stesso consiglio ha meritato la censura da parte di HRW, nonostante il programma di assassinio globale e segreto di Washington , la sua  conservazione  delle consegne e la sua detenzione illegale di individui a Guantánamo Bay”.

Il giornalista di Washington, DC Keane Bhatt , una squadra per la verità di un solo uomo sulla questione della porta girevole di HRW, ha ripetutamente attirato l’attenzione sull’intreccio dell’organizzazione con gli interessi degli Stati Uniti. In una e-mail a me, ha notato la sua insistenza propagandistica su “lanciare epiteti come” autoritario “al governo venezuelano dopo l’ascesa del chavismo alla fine degli anni novanta , l’ideologia politica di sinistra sviluppata da Chávez.

Nello stesso periodo, d’altra parte, la vicina Colombia è stata apparentemente immune da tali etichette, nonostante sia il peggior violatore dei diritti umani nell’emisfero. Bhatt osserva che nel 1997 il ricercatore associato di HRW Robin Kirk ha inviato un promemoria al Congresso affermando che

Non ci opponiamo agli aiuti [degli Stati Uniti] alla polizia antidroga [colombiana] a causa dei loro buoni risultati in materia di diritti umani. . . Se lo desideri, puoi fare riferimento a questo come al “sigillo di approvazione” di HRW per gli aiuti della polizia. Aspetta: non arriva spesso!

Sfortunatamente, la polizia in questione aveva legami di alto livello con il noto gruppo paramilitare di destra Los Pepes, responsabile di vari atti di terrorismo negli anni ’90, inclusa una serie di esplosioni di bombe a Medellín.

Perché un trattamento così diverso? È semplice. La Colombia è un alleato critico degli Stati Uniti – in particolare dopo l’ondata di governi di sinistra in America Latina – e il Venezuela non lo è.

L’Honduras, un altro amico tradizionale degli Stati Uniti e di fatto una base militare statunitense, offre un esempio simile. Dopo il rovesciamento di un colpo di stato di destra del 2009 – il presidente Manuel Zelaya – che era diventato un po ‘troppo socievole con il Venezuela per i gusti degli Stati Uniti – novanta studiosi internazionali hanno pubblicato una lettera esortando HRW a porre fine al suo silenzio di un mese e mezzo in di fronte a esecuzioni extragiudiziali, detenzioni arbitrarie, aggressioni fisiche e attacchi alla stampa compiuti dal nuovo regime.

Mentre HRW ha inizialmente denunciato il rovesciamento di Zelaya, le sue sei settimane di inazione successiva hanno contribuito al consolidamento del nuovo regime. Le elezioni tenutesi mesi dopo il colpo di stato hanno servito l’illusione di un ritorno alla democrazia, che gli Stati Uniti hanno abbracciato allegramente, i suoi interessi politici e aziendali sono stati salvaguardati dalla minaccia rappresentata dal governo rovesciato.

Da Cuba all’Ecuador, dalla Siria all’Etiopia , gli editti e le posizioni di HRW sono stati spesso sospettosamente in linea con la politica statunitense. Cuba viene regolarmente demonizzata come offesa dei diritti umani, quando i reati degli Stati Uniti – non ultimo a Guantánamo Bay – sono molto più gravi. In Etiopia, un fedele alleato degli Stati Uniti, HRW è stato sproporzionatamente indulgente nei confronti del comportamento repressivo del governo.

Anche nel periodo precedente alla guerra illegale del 2003 che ha devastato l’Iraq e ha generato ogni sorta di violazioni dei diritti umani, HRW ha esitato : “Evitiamo giudizi sulla legalità della guerra stessa perché tendono a compromettere la neutralità necessaria per monitorare più efficacemente come il la guerra è intrapresa. ” Alla faccia della scrupolosa e diffusa denuncia delle ingiustizie.

Come chiudere una porta girevole

Se HRW vuole rettificare la sua neutralità compromessa, potrebbe smettere di concedere ruoli organizzativi di rilievo a individui con legami strettii con lo stato e il settore aziendale. Come documenta Bhatt , non mancano collegamenti a società come ExxonMobil , Coca-Cola e Boeing , tutte accusate di gravi violazioni dei diritti umani. Il consiglio di amministrazione di HRW è co-presieduto da banche di investimento e il suo vicepresidente è un gestore di private equity.
Questo non vuol dire che HRW sia un fantoccio del governo intrinsecamente malevolo o che non sia in grado di dare un prezioso contributo nel campo dei diritti umani. Ma i rapporti e le analisi tanto necessari che produce regolarmente sono inevitabilmente contaminati dai suoi pregiudizi istituzionali. HRW attualmente svolge una funzione non del tutto dissimile da quella dei media dell’establishment, che, pur svolgendo un importante ruolo di watchdog, fornisce allo stesso tempo una patina di convalida indipendente a sforzi politici distruttivi. (Ricordiamo, ad esempio, il seguito delle cheerleader della guerra in Iraq al New York Times .)

Bhatt avverte che se HRW desidera “mantenere la credibilità”, in particolare in America Latina, “deve iniziare a districarsi dalle sfere d’élite del processo decisionale degli Stati Uniti”. Ha aggiunto che HRW deve abbandonare la sua “interiorizzazione dell’eccezionalismo statunitense” (l’idea che gli Stati Uniti siano intrinsecamente una forza del bene).

Per fermare la porta girevole, i firmatari della lettera a Roth hanno raccomandato quanto segue:

Impedisci a coloro che hanno elaborato o eseguito la politica estera degli Stati Uniti di servire come personale, consulenti o membri del consiglio di HRW. Come minimo, prescrivere lunghi periodi di “ripensamento” prima e dopo che qualsiasi socio si trasferisce tra HRW e quel braccio del governo.

È tutt’altro che un rimedio istantaneo, ma è sicuramente un passo nella giusta direzione che aiuterebbe a garantire che i diritti degli esseri umani non si confondano con le prerogative dell’impero.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.