Hezbollah innalza la bandiera spagnola per dare un segnale di solidarietà alla Spagna e l’esortazione a svegliarsi

il nostro Occidente “cristiano”  in Medio Oriente ha sostenuto e finanziato Daesh ed Al-Qaida CONTRO Hezbollah, Iran, Russia ecc. Ha un senso? Si fa l’interesse di chi?

Di fronte ai continui attacchi terroristici di marca wahabita e takfira che cosa dovrebbe fare l’Europa?

Limitare al massimo l’afflusso di immigrati dai paesi i cui abitanti (anche se di seconda, terza o quarta generazione) si sono resi responsabili di attacchi.

Arrestare tutti i predicatori wahabiti, imporre controlli severissimi sulle moschee e sui centri di preghiera, imponendo un “patentino” per la predicazione da ottenersi dopo strettissimi controlli delle autorità preposte.

Condurre campagne poliziesche e militari congiunte per lo smantellamento di ogni rete terroristica, cooperando con Siria, Irak, Iran e altri paesi già impegnati sul campo contro l’internazionale del terrore.

Limitare al massimo ogni relazione commerciale ed economica con l’Arabia Saudita, il Qatar e i paesi allineati con i finanziatori del wahabismo e dell’ikhwanismo.

Boicottare in ogni maniera il regime ebraico di occupazione della Palestina, fulcro e centro di tutta la destabilizzazione e i conflitti dell’area mediorientale.

Cosa sta facendo di tutto questo la marcia e putrescente “Unione Europea”?

Niente.

Così ci dobbiamo accontentare delle vittorie di Hezbollah e dell’Asse della Resistenza e della solidarietà degli uomini di Nasrallah che sulle colline di Arsal liberate dai takfiri alcune settimane orsono hanno innalzato il vessillo nazionale spagnolo per onorare le vittime di Barcellona e Cambrils.

Possiamo dire che gli hezbollah fanno i ‘lavori che gli europei non vogliono fare?

Possiamo dirlo.

pubblicità

(Palestina Felix)

 

NOTA: alcune considerazioni qui espresse possono non corrispondere con il punto di vista dell’autore di questo blog (ma non quella di fondo)