Gorbaciov auspicava una casa comune europea ma una casa comune europea non esiste

per contro aumentano le occasioni di conflitto, studiate al tavolino dagli studios di Bruxelles

Gorbaciov auspicava una casa comune europea ma una casa comune europea non esiste 1

Nel 1989 Gorbaciov parlò al Consiglio d’Europa di una “casa comune europea”. Più avanti, gli ucraini hanno voluto un posto in questa casa, mettendo in atto il Maidan, e i georgiani allo stesso modo, hanno deciso la “svolta a ovest”. Ma né l’uno né l’altro sono riusciti a migliorare seriamente il tenore di vita dei propri cittadini. E cosa sogna l’opposizione bielorussa?

Dal giornale online Heise (Germania): quale sarà la ‘casa’ della Bielorussia?

Harald Neuber

Le massicce proteste contro la presunta falsificazione dei risultati elettorali in Bielorussia hanno fatto riflettere i paesi occidentali, che in precedenza avevano sostenuto il cambio di regime in Ucraina e Georgia. Sullo sfondo di un nuovo conflitto tra Est e Ovest, le forze filoeuropee potrebbero tentare di trarre vantaggio dalle proteste a proprio vantaggio, mentre la Russia, come era previsto, si oppone.

Quando i ministri degli esteri dei paesi dell’UE mercoledì hanno discusso a Bruxelles una linea comune da tenere nei confronti del presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko, l’attivista e pubblicista francese Bernard-Henri Lévy ha incontrato a Vilnius il leader dell’opposizione bielorussa Svetlana Tikhanovskaya, che ha twittato i suoi messaggi come ” il volto dell’opposizione al tiranno Lukashenka ”. Ora Levy non è uno qualunque, ma l’influente comproprietario del quotidiano Liberatión! – un ardente sostenitore delle “rivoluzioni colorate” nell’Europa orientale.

Nel 2008, Levy ha scritto una lettera aperta ad Angela Merkel e poi al presidente francese Nicolas Sarkozy, in cui si è espresso a favore dell’ammissione della Georgia e dell’Ucraina alla NATO. Quando nella primavera del 2014 le proteste di Maidan a Kiev hanno raggiunto il loro culmine, ha nuovamente invitato la leadership europea a sostenere la rivolta. Riferendosi alle virtù della resistenza che formavano lo spirito europeo e commuovevano il generale de Gaulle, disse (il suo testo fu pubblicato sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung): “Avete riempito di vita  edi virtù  questi giorni sanguinosi. (…) Mi inchino davanti al vostro coraggio e vi dico ancora più gioiosamente di prima: benvenuti nella nostra nuova casa! “

Esempio dell’Ucraina

Bene, così sia. Ma in quale stanza di questa casa vivono oggi gli ucraini? Sono passati sei anni da Euromaidan, ma l’Ucraina sta ancora languendo nella povertà e nella corruzione e il conflitto territoriale nell’est del Paese è ancora irrisolto. Tutti i tentativi dell’UE di sconfiggere gli oligarchi ucraini e sconfiggere il nepotismo sono falliti.

Kiev non è riuscita ad avvicinarsi all’UE, né politicamente né economicamente, mentre ha reciso i suoi legami storici con la Russia: il commercio con il suo vicino orientale è sceso da $ 38 miliardi nel 2013 a $ 11,7 miliardi. Allo stesso tempo, non è mai stato raggiunto il livello record di fatturato commerciale di 44 miliardi di dollari con i paesi dell’UE.

L’Ucraina ha ora una sola “merce” di esportazione: la forza lavoro per l’UE. Inoltre, molte donne ucraine diventano madri surrogate per coppie senza figli in Occidente. Il “rialzo” industriale (piuttosto lento) è dovuto principalmente al fatto che il Paese produce cavi per l’industria automobilistica europea, oltre che al settore tessile. Secondo le previsioni dell’UNICEF, la povertà potrebbe presto superare il 50% della popolazione.

Esempio della Georgia

Anche in Georgia, i discorsi su un rapido aumento della prosperità e della ripresa economica dopo la “svolta a ovest” non si sono concretizzati. Dal crollo dell’URSS, questo paese ha subito ben due guerre, oltre a una prolungata stagnazione economica. Nel 1995-1997, la produzione industriale è aumentata del 30% rispetto al livello dell’epoca sovietica. Ora il livello di povertà, nonostante qualche miglioramento della situazione, è ancora intorno al 14% e circa il 19% della popolazione (soprattutto nelle zone rurali) vive in condizioni di estrema povertà.

Quanto sia vulnerabile l’economia del Paese, è stato chiaramente dimostrato dalla crisi del coronavirus, che ha provocato conseguenze disastrose a causa della mancanza di turisti stranieri. Non c’è nulla di sorprendente nel fatto che lo scrittore georgiano Juno Guruli abbia sintetizzato risultati letterari molto tristi.

Non esiste una “casa comune europea”

Questo elenco può continuare. Anche la nostra vicina Polonia, paese in cui è avvenuto un “miracolo economico”, – in cerca di un suo posto nell’economia europea – è costretta ora a combattere i lati oscuri della neoliberalizzazione.

Ma la “casa comune europea”, di cui parlava Mikhail Gorbachev al Consiglio d’Europa nel 1989, non è mai stata costruita. Quindi anche la Bielorussia rischia di cadere vittima di una nuova guerra fredda tra Russia e paesi della NATO. Tuttavia, il paese ha la possibilità di una prospettiva europea comune nel senso in cui una volta parlò Gorbaciov [ma di un tale scenario rimangono solo le parole beneauguranti di Gorbaciov] . Ma il leader dell’opposizione Tikhanovskaya sta lottando per questo?

Exit mobile version