Gli USA sono insoddisfatti per espansione di Israele in Cisgiordania

Gli USA sono insoddisfatti per espansione di Israele in Cisgiordania 1

Le relazioni tra Stati Uniti e Israele stanno attraversando tempi difficili, a causa del decreto del primo ministro israeliano Naftali Bennett per la costruzione di 3.200 nuovi edifici residenziali in Cisgiordania. Inoltre, un tale passo si è rivelato uno shock per la parte araba della coalizione di governo dello stato ebraico, che potrebbe portare alla sua disintegrazione durante il prossimo voto per il bilancio.

Deja Vu 

Non è la prima volta che il presidente in carica degli Stati Uniti, Joe Biden, affronta personalmente il problema degli insediamenti israeliani nella parte araba della Palestina. Nel 2010, a quel tempo, il capo della Casa Bianca, Barack Obama, lo mandò, come suo vicepresidente, in Israele con una “missione di buona volontà”.

A quel tempo, Washington stava attivamente promuovendo la risoluzione 242 del 1967 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che ordinava a Israele di ritirare le sue truppe dai territori “occupati” durante la Guerra dei sei giorni. Obama, dopo essere entrato in carica, ha invitato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a smettere di costruire insediamenti in Cisgiordania in modo che il presidente palestinese Mahmoud Abbas accetti di negoziare.

Secondo Obama, Israele avrebbe dovuto fare il primo passo verso una soluzione come parte più forte del conflitto, ma la reazione di Netanyahu, come ricorda l’ex presidente, è stata “decisamente negativa”.

Biden, arrivato nello stato ebraico nel marzo 2010, avrebbe dovuto allentare la tensione che era sorta, ma il viaggio ha coinciso con un annuncio ufficiale del ministero dell’Interno israeliano sulla costruzione di nuove case a Gerusalemme est. Come ricordò in seguito l’ex segretario di Stato Hillary Clinton, Obama prese questa “coincidenza” come un insulto personale. Netanyahu ha osservato a questo proposito che il momento della decisione di costruire le abitazioni non è stato scelto deliberatamente.

L’osservatore israeliano Ben Kaspit scrive nel suo libro “Gli anni di Netanyahu” che la decisione scandalosa è stata presa intenzionalmente per “distruggere tutti gli sforzi per riprendere i negoziati” ed è stata una “dolorosa umiliazione” per Biden.

Il conseguente raffreddamento delle relazioni è stato sostituito da un disgelo sotto Donald Trump, che ha compiuto una serie di passi unicamente filo-israeliani: ha chiuso il consolato generale degli Stati Uniti a Gerusalemme est araba, ha riconosciuto la sovranità di Israele sulle alture del Golan, si è ritirato dall’accordo nucleare con l’Iran, ha chiuso l’ufficio dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina a Washington e ha mediato la firma del “Trattato abramico” per normalizzare le relazioni tra Israele, Bahrain ed Emirati Arabi Uniti (EAU). Inoltre, Trump non ha esercitato alcuna pressione sullo stato ebraico sulla costruzione di insediamenti nella parte araba della Palestina.

Dopo il cambio di capi di Stato – Biden negli Stati Uniti e Bennett in Israele – c’è stata una certa incertezza sulla politica del nuovo premier israeliano. Tuttavia, alla fine di ottobre, ha deciso di fare un vero passo avanti per continuare la politica precedente, che ha causato le preoccupazioni del Dipartimento di Stato. Il capo di questo dipartimento, Anthony Blinken, ha tenuto una conversazione telefonica con il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz il 26 ottobre. Il contenuto di questa chiamata è stato successivamente descritto dai funzionari israeliani come “sgradevole e furioso”.

Promessa pre-elettorale

Un problema a parte è il ritorno del consolato generale degli Stati Uniti a Gerusalemme est. Questa azione israeliana chiaramente percepita negativamente è stata annunciata da Biden durante la sua campagna elettorale. La missione diplomatica esiste dal 1844 ed è stata ufficialmente chiusa nel marzo 2019 sotto Trump. Nello stesso periodo, gli Stati Uniti trasferirono la propria ambasciata israeliana da Tel Aviv a Gerusalemme Ovest. Ciò ha provocato un’esplosione di indignazione da parte dei paesi arabi e dell’Autorità palestinese, poiché un tale passo ha significato l’effettivo riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele, che è in contrasto con la posizione ufficiale dell’ONU.

Il fatto è che la parte orientale della città, come la Cisgiordania del fiume Giordano, era tra quelle catturate da Israele dopo la Guerra dei Sei Giorni. La comunità internazionale riconosce ufficialmente queste aree come occupate e invita Israele a ritirarsi nei suoi confini prebellici, garantendo la sovranità palestinese.

Nel frattempo, circa duecento parlamentari repubblicani hanno firmato un appello all’amministrazione Biden, sottolineando l’illegittimità del ritorno del consolato generale a Gerusalemme. In una lettera scritta da Li Zeldin, si sostiene che la mossa porterebbe a una situazione in cui ci sarebbero due missioni diplomatiche separate nella stessa città.

“Il consolato generale degli Stati Uniti a Gerusalemme, fondato nel 1844, non aveva lo scopo di aiutare i palestinesi nella capitale israeliana. Vi esortiamo a rispettare la posizione critica del nostro stretto alleato Israele riguardo alla riapertura del Consolato Generale degli Stati Uniti a Gerusalemme, soprattutto perché la partnership con Israele è importante “, afferma la lettera.

Pochi giorni prima, 35 senatori repubblicani avevano presentato un disegno di legge che vietava l’apertura di una missione diplomatica, sulla base della legge sull’ambasciata di Gerusalemme del 1995. Questo documento riconosce l’antica città come un’unica e indivisibile capitale di Israele – quindi si intende che in essa può esserci un solo consolato. Tuttavia, non vi è alcuna limitazione diretta al numero di rappresentazioni simili da nessuna parte.

Spaccata alla Knesset

La decisione di continuare a costruire insediamenti in Cisgiordania sconvolge chiaramente l’equilibrio della coalizione di governo di centrodestra in Israele. Il problema è che una tale linea è tipica dei partiti di destra e del tutto inaccettabile per i partiti di sinistra, ad esempio la United Arab List (RAAM).

“Ogni luna di miele, per quanto piacevole, finisce. Questo è ciò che il neo-premier israeliano si trova in un momento particolarmente inopportuno – pochi giorni prima del voto decisivo alla Knesset sul bilancio dello Stato, che rafforzerà o distruggerà il suo governo “, ha commentato Kaspit su questa situazione.

Si tratta del fatto che Bennett ha assunto l’attuale incarico a seguito della vittoria dell’unione dei partiti incompatibili, uniti unicamente per rimuovere Netanyahu da questo incarico. Come previsto, il fragile governo si è imbattuto nella necessità di risolvere questioni, su ciascuna delle quali inevitabilmente sorgono contraddizioni al suo interno.

La legge di bilancio, che sarà votata dalla Knesset israeliana, è considerata un voto di fiducia fondamentale e, se il bilancio non sarà adottato, il governo sarà sciolto. La probabilità è altissima, poiché la coalizione è composta da 60 deputati su 120: con un’iniziativa anche del partito più piccolo, il governo perde l’appoggio della maggioranza. Nel caso degli insediamenti, vengono violati gli interessi dei movimenti politici arabi.

Se il voto sul bilancio fallisce, molto probabilmente Netanyahu tornerà al potere, cosa che la coalizione teme di più. Così, il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid, durante una visita a Washington il 12-14 ottobre, discutendo la questione del ritorno della missione diplomatica a Gerusalemme Est, ha detto: “Se insistete [sull’apertura del consolato] ora, stai restituendo Netanyahu.”

“Nessuno dei soci del presidente vuole un risultato del genere. <…>. Se la Knesset approverà il bilancio la prossima settimana, fornendo una certa stabilità al governo, Bennett, Lapid e Gantz dovranno sviluppare un piano per costruire la fiducia con Washington, a condizione che possano essere d’accordo principalmente tra di loro “, osserva Kaspit.

Ebrei e Congresso XXX

Lo stesso Donald Trump non è rimasto lontano dalla situazione in via di sviluppo. Durante un’intervista radiofonica, l’ex presidente ha ironicamente affermato che 10-15 anni fa Israele letteralmente “possiede il Congresso”, ma ora elementi anti-israeliani si sono stabiliti nel corpo legislativo.
“Hai [le deputate Alessandria] Ocasio-Cortez e [Ilhan] Omar. Queste persone odiano Israele con passione: controllano il Congresso e Israele non è più una forza al Congresso “, ha detto Trump.

Inoltre, l’ex presidente degli Stati Uniti ha notato che gli ebrei americani, stranamente, sono freddi nei confronti di Israele. In considerazione di ciò, i cittadini con radici ebraiche non hanno apprezzato gli sforzi di Trump in Medio Oriente e hanno mostrato un debole sostegno nei suoi confronti nelle scorse elezioni presidenziali.

“Mi è stato detto che posso candidarmi per il Primo Ministro di Israele ed è molto facile vincere, a loro piaccio lì. È incredibile che non abbia ricevuto lo stesso sostegno [qui] dal popolo ebraico. Agli ebrei di questo paese – molti di loro – non piace Israele. <…> Penso che il 25% dei voti ricevuti dagli ebrei sia una specie di assurdità. Mi sembra strano “, ha aggiunto.

Vecchi problemi, vecchi approcci

Il Partito Democratico USA tradizionalmente promuove una soluzione alla questione israelo-palestinese attraverso concessioni da parte di Israele, in contrasto con i repubblicani. La posizione di Netanyahu qui era chiara (che ha minato i rapporti con Obama), ma i passi di Bennett non potevano essere previsti senza ambiguità a causa della gravità di questo argomento per la coalizione di governo.
Pertanto, la decisione di costruire insediamenti incide negativamente sui rapporti tra Israele e Stati Uniti. La stessa coalizione di governo israeliana non sopravviverà al voto sul bilancio, a meno che non venga fatta un’offerta allettante ai partiti svantaggiati.

TAG Cisgiordania , Israele , USA.

Exit mobile version