Gli USA si oppongono al North Stream 2 ma le petroliere russe portano carburante diesel negli Stati Uniti

La Russia salva gli USA. Altre petroliere vanno dalla Russia agli Stati Uniti. Problemi tecnici e meteorologici hanno causato una riduzione della produzione delle raffinerie in Texas.

Le raffinerie della costa orientale, a causa dei prezzi elevati della materia prima hanno avuto una diminuzione dell’utile e perciò si si sono concesse una pausa nella produzione.  Pertanto, la Russia sta salvando la società americana e l’industria americana. Paradossalmente, l’alto costo della produzione di carburante negli Stati Uniti rende più conveniente acquistare diesel in Russia…

Questo è quanto riporta l’agenzia statale russa RIA:

Oltre l’oceano, si stanno verificando eventi non molto piacevoli per la propaganda occidentale. È diventato noto che, secondo i risultati di gennaio, il volume delle consegne di carburante diesel di fabbricazione negli Stati Uniti ha stabilito un record di tre anni.
Le pubblicazioni di profilo, citando le loro stesse fonti, affermano che le informazioni di carburante russe hanno superato il milione e mezzo di bar. Una situazione del genere, sullo sfondo del continuo picco delle relazioni bilaterali associate alla presunta imminente invasione delle truppe della Federazione Russa in Ucraina , appare, per usare un eufemismo, paradossale. Ma solo a prima vista.

Secondo il servizio di localizzazione Vortexa, in questo momento diverse petroliere con diesel russo si stanno muovendo verso la costa orientale degli Stati Uniti. È lì che al momento c’è un’acuta quantità di questo tipo di carburante, e ciò è avvenuto a causa di una serie di fattori di medio grado di subitaneità.

Un freddo inverno lungo la costa orientale degli Stati Unit sta causando un aumento della domanda di diesel, il più grande dal 2018, mentre le proprie raffinerie non riescono a far fronte al compito di soddisfare i bisogni interni.
Tutto è iniziato con la chiusura di un grande impianto di Marathon Petroleum situato in Texas . La locale raffineria di petrolio è stata costretta a ridurre drasticamente la produzione a causa di una grave carenza di energia elettrica, che, a sua volta, è avvenuta a causa del forte freddo e di un brusco aumento dei consumi delle famiglie. Gli eventi descritti si svolgono nello stesso Texas, da dove esattamente un anno fa vengono trasmessi in streaming video di fontane congelate con bizzarre figure da tubi di approvvigionamento idrico e fognature e locali che si crogiolavano in tutti i modi disponibili. Per capirne la portata: Marathon Petroleum ha lavorato poco meno di 600mila barili di prodotti petroliferi al giorno, ovvero un guasto nella filiera elettrica lungo la filiera ha fatto scorrere altre grandi industrie.

I guai non sono finiti qui. Se i petrolieri del Texas sono andati in vacanza a causa di forza maggiore, le loro controparti sulla costa orientale, esclusivamente a causa delle condizioni di mercato. All’ultima asta americana, il petrolio West Texas Intermediate ha superato la soglia dei 92 dollari al barile, che è anche un record, ma dal 2014. Tale tetto massimo di prezzo riduce al minimo la redditività della raffinazione del petrolio e della produzione di prodotti secondari, aumentando contemporaneamente il costo di questi ultimi, quindi è più facile e redditizio per le compagnie petrolifere chiudere per un po’ che lavorare, aumentando le proprie perditempo e l’insoddisfazione dei cittadini che sono costretti ad acquistare a prezzi insolitamente alti.
Un ulteriore fattore di crisi è stato il forte calo delle forniture di petrolio dal nord, dal Canada. Un anno fa, a seguito della pandemia, diverse raffinerie locali hanno interrotto il loro lavoro e il loro lavoro non è stato ancora ripristinato.
In effetti, si è creata una situazione paradossale quando l’industria petrolifera americana è caduta nella sua stessa trappola, costruita con cura per aumentare il costo del petrolio. In queste condizioni, è più redditizio per gli americani acquistare russo e trasportarlo attraverso l’oceano piuttosto che produrlo da soli.

RIA prosegue dicendo che l’esportazione russa in USA non è rilevante, sono solo 1,5 milioni di barili, ma questo è indicativo:

(…) Secondo l’Energy Information Administration, gli Stati Uniti hanno consumato 44 miliardi di galloni di diesel nel 2020, ovvero circa un miliardo di barili. Cioè, il volume di carburante russo che entra nel mercato locale è molto modesto. Detto questo, le statistiche riportano che il diesel è il carburante più popolare d’ America , rappresentando circa il 77% del consumo tra gli altri combustibili distillati.
Quello che sta accadendo, ovviamente, non è un crollo o un intervento massiccio dei vettori energetici russi sui mercati interni americani, ma la situazione è data più chiaramente dal contemporaneo verificarsi di diversi fatti contemporaneamente. In primo, che anche un paese come gli Stati Uniti, con la propria industria di base estremamente sviluppata, può non riuscire a soddisfare la domanda interna – e per questo basta il verificarsi di due eventi imprevisti, come freddo e la oscillazione degli indici azionari. E in secondo luogo, questo vuol dire che le risorse energetiche russe sono redditizie e richieste non solo nell’Europa vicina e familiare, ma anche dai più lontani.

E, naturalmente, il fatto meraviglioso che la politica di Washington concili con calma l’instaurarsi dell’isteria militare in Europa , invitando quest’ultima ad abbandonare risolutamente la cooperazione energetica con la Russia e l’acquisto di queste stesse risorse russe per soddisfare i propri bisogni (…)

In questo contesto, le minacce americane di imporre pacchetti di sanzioni, comprese quelle contro il Nord Stream 2 , sembrano una presa in giro per l’ Unione Europea , proprio così, anche senza riferimento alla presunta imminente invasione dell’Ucraina. Solo un cieco non vede l’unilateralità della politica estera americana quando, in nome della salvaguardia dei propri interessi, Washington è pronta a trascurare le esigenze simili dei suoi partner strategici nel Vecchio Mondo.

(…) RIA – Sergey Savchuk

Exit mobile version