Gli USA rubano petrolio siriano e se lo rivendono all’estero

La Siria è vittima di una rapina da parte degli Stati Uniti

3 dicembre 2020 – ” NEO ” –

Recentemente, nei rapporti dei media mediorientali, si può vedere molto spesso che gli Stati Uniti esportare personale militare e attrezzature speciali dalla Siria all’Iraq.

Solo nel mese di novembre sono stati riportati diversi di questi rapporti:

– il 29 novembre, l’agenzia di stampa siriana SANA ha segnalato l’avanzata di una carovana militare composta da 25 veicoli con armi pesanti dalla base militare statunitense di Kharab al-Jir in Siria al checkpoint di Al-Walid al confine con l’Iraq;

– Il 23 novembre, gli Stati Uniti hanno trasferito nuovamente un convoglio di 50 veicoli blindati attraverso il valico di frontiera di Alwaleed;

– Il 16 e 20 novembre, altri 2 convogli americani con carri armati e camion militari hanno seguito il confine con l’Iraq dalla Siria;

– Secondo i media siriani, diverse decine di militari americani hanno già lasciato la base statunitense nel villaggio di Al-Malikiya.

Per un osservatore disinformato queste dinamiche potrebbero aver indotto a pensare che il Pentagono, in seguito alle ripetute dichiarazioni pubbliche del presidente Trump, stia attivamente ritirando la sua presenza militare dalla Siria. Tuttavia, questo fondamentalmente contraddice la realtà: c’è una rotazione regolare delle truppe americane in Siria ed è in atto il rafforzamento della presenza militare statunitense nel paese, anche aumentando l’ aliquota della presenza di campagne militari private (PMC) controllate da Washington.

I resoconti dei media e dei testimoni oculari su decine di convogli militari americani diretti in territorio iracheno dalla Siria sono principalmente dovuti alla necessità di una “scorta armata” a protezione del petrolio rubato dagli Stati Uniti alla Siria.

I media siriani e molti osservatori internazionali hanno già ripetutamente segnalato carovane statunitensi che attraversano con il petrolio siriano estratto illegalmente i checkpoint di frontiera con l’Iraq controllati permanentemente da Washington.

Le prove di tutto questo sono chiaramente documentate, anche tramite la ricognizione spaziale della Russia [che ha ripetutamente segnalato il furto delle risorse siriane]. La Repubblica Araba Siriana (SAR) è sicura che questi minerali vengano esportati principalmente dai territori dei giacimenti petroliferi di Deir ez-Zor e Hassek controllati dalle formazioni militari americane e curde. Secondo l’agenzia siriana SANA, solo a novembre, più di 120 autobotti con l ‘“oro nero” rubato, sorvegliati da truppe statunitensi e veicoli blindati, hanno attraversato il confine siriano e si sono dirette verso l’Iraq …

Le esportazioni di petrolio sono effettuate dalla società Sadkab controllata dagli Stati Uniti, creata sotto la cosiddetta amministrazione autonoma della Siria orientale. I proventi di questo contrabbando, che anche secondo stime approssimative raggiungono i 30 milioni di dollari al mese, passano attraverso le società di intermediazione che interagiscono con Sadkab attraverso i conti delle PMC americane e dei servizi di intelligence statunitensi. Durante la scorta di carovane di petrolio rubato in Siria, vengono periodicamente utilizzate unità delle forze speciali statunitensi, attrezzature militari pesanti e persino aerei da combattimento. Per il fatto che in questo caso si tratta di “soldi veri”, che ammontano a decine di milioni, che non è necessario segnalare a nessuno, né al Congresso né ai senatori, I servizi segreti statunitensi si impegnano attivamente in queste operazioni per finanziare le loro cosiddette operazioni “grigie” e nere. E questa pratica non è una novità per le forze speciali americane, il che, in particolare, può essere confermato dal famoso scandalo Iran-Contra o dalle operazioni della CIA per il trasporto di droga negli Stati Uniti e in Europa dall’Asia durante la guerra del Vietnam, ecc.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che assolutamente tutti i depositi di idrocarburi e altri minerali situati sul territorio siriano non appartengono a “difensori americani contro i terroristi di DAESH , ma solo alla Repubblica Araba Siriana . Pertanto, ciò che Washington sta attualmente facendo – vale a dire sequestrare e mantenere i giacimenti petroliferi nella Siria orientale sotto il suo controllo armato – è, semplicemente, banditismo di stato internazionale. Né la legge statunitense né il diritto internazionale giustificano le truppe americane che proteggono i depositi di idrocarburi della Siria dalla stessa repubblica araba e dal suo popolo.

Tuttavia, oltre a rubare il tesoro nazionale della Siria, il petrolio, gli Stati Uniti sono anche responsabili della politica di strangolamento economico che danneggia la popolazione siriana. A causa delle sanzioni unilaterali degli Stati Uniti, la crisi umanitaria si aggrava in Siria, che equivale ad un vero genocidio economico. Ormai, a seguito delle misure messe in atto dal governo siriano con il sostegno della Russia, 2,5 milioni di siriani sono già riusciti a rientrare in patria. Tuttavia, a causa del pacchetto di sanzioni anti-siriane avviato dagli Stati Uniti con il nome “Caesar Act”, le restrizioni interessano quasi tutte le sfere dell’economia e della vita della Siria.

Gli Stati Uniti sono in Siria da oltre sei lunghi anni. Durante questo periodo, gli americani hanno catturato un terzo del paese, controllando la situazione sul terreno attraverso i loro alleati minori, le unità di autodifesa del popolo curd (YPG). L’unica eccezione è Al-Tanf dove gli USA la base militare più grande ed efficace, dove spesso devono fare tutto il lavoro per minare la stabilità della Siria da soli.

Tuttavia, la sconfitta dei terroristi significa l’inevitabile espulsione degli americani dalla Siria; è solo una questione di tempo. Infatti, a differenza persino dell’Afghanistan, dove Washington ha un governo controllato, in Siria le truppe statunitensi si trovano in un ambiente estremamente ostile. Non è infatti da dimenticare che, insieme all’esercito americano, ci sono diverse tribù arabe in Medio Oriente, tra le quali i sentimenti anti-americani sono in costante crescita e, in determinate condizioni, potrebbero attaccare per difendere il loro territorio. Anche i curdi, che gli Stati Uniti hanno ripetutamente insultato, tradito, abbandonato per averli abbandonato alla mercè di Ankara,

Oltre a un possibile confronto armato, la cessazione delle attività predatorie degli Stati Uniti e la loro aggressione militare in Siria può, ovviamente, essere facilitata da un’intensificazione dell’offensiva diplomatica contro Washington su questo tema attraverso vari forum internazionali e minacce di tribunali, dove la Russia , La Cina e altri stati amici di Damasco si stanno attivamente impegnando.

Di Vladimir Platov per la rivista online “ New Eastern Outlook ”.

Exit mobile version