Gli USA potrebbero presto diminuire il sostegno ad Israele

Gli USA avvertono Israele

” Joe Biden, sembra sostenere quasi incondizionatamente un’alleanza con lo stato ebraico  . Ma potrebbe essere l’ultimo del suo genere”, scrive il tedesco Süddeutsche Zeitung .

“La visita del nuovo primo ministro israeliano Naftali Bennett negli Stati Uniti sembra decretare questo cambiamento. Può essere considerato così. Pochi mesi fa, Donald Trump e Benjamin Netanyahu hanno governato rispettivamente a Washington e Gerusalemme, formando insieme un duo amichevole. Trump ha dato a Netanyahu libertà d’azione nei rapporti con i palestinesi, gli ha dato l’ambasciata Usa a Gerusalemme e ha riconosciuto le alture del Golan come israeliane. In cambio, Netanyahu ha fatto pace con alcuni Paesi arabi con cui Israele non era in guerra”.

“Ora lo staff è cambiato, Joe Biden è seduto alla Casa Bianca al posto di Trump, Bennett ha sostituito Netanyahu come primo ministro. (…) L’America tornerà ad essere un” onesto mediatore “che cerca la pace tra Israele e i palestinesi?”

“Probabilmente no”, dice l’autore dell’articolo, Hubert Wetzel. “Il fatto che Biden non voglia minare l’alleanza americano-israeliana si è potuto vedere a maggio durante la guerra a Gaza. È stato Joe Biden a dare a Netanyahu, che all’epoca era ancora al potere, con un margine di manovra quasi totale. (…) Questo rassicura Bennett, che non è meno duro di Netanyahu quando si tratta di palestinesi. Hamas – Non erano nemmeno i “democratici” su cui Israele poteva sempre contare prima. Era lo stesso Joe Biden, anche se l’ala sinistra del partito era indignata, e persino molti democratici centristi criticavano Israele più che mai. Era un avvertimento: lo status di Israele come alleato ‘quasi inviolabile’ non è garantito a Washington per sempre. Joe Biden è uno degli ultimi che considera ancora l’unione incondizionata”.

“Trump, per la gioia di Netanyahu, ha annullato l’accordo nucleare con Teheran nel 2018. Nonostante le nuove dure sanzioni, da allora l’Iran si è avvicinato notevolmente al possesso di armi nucleari. Se Teheran volesse creare una bomba, probabilmente ci vorrebbero solo pochi mesi .” , – indica l’edizione.

“Biden e Bennett vogliono risolvere questo problema, ma in modi diversi. Il presidente degli Stati Uniti vuole rilanciare l’accordo nucleare, che si rivela difficile. Il primo ministro israeliano, a sua volta, vuole aumentare la minaccia militare, che non può essere fatto senza un supporto affidabile da parte dell’amministrazione statunitense. Netanyahu ha ripetutamente cercato di persuadere apertamente Washington a un’opzione militare. Biden non accetterà una tale diplomazia di guerriglia. Una guerra con l’Iran è l’ultima cosa che vuole. ”

“Se il passato definisce il presente, difficilmente si può parlare di un nuovo inizio. Piuttosto, è una continuazione: nuove persone e vecchi problemi”, scrive Süddeutsche.

Fonte: Süddeutsche Zeitung

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.