Gli USA hanno deciso di alimentare nuovamente la guerra siriana: spenderanno per la Siria la maggior parte di 2,8 miliardi di dollari …

Gli USA hanno ricorso a man bassa alla stampa di danaro tramite la propria Banca Centrale ed ora hanno soldi in eccesso e non sanno come spenderli. E’ ironia amara, ma purtroppo è tutto vero ed è già accaduto una volta. Qualcuno ha deciso di ‘prendersi cura’ di nuovo della Siria e ogni volta che questo accade – lentamente ma inesorabilmente – , si  avverano tutti i peggiori incubi per vaste moltitudini di persone. L’articolo è del noto giornalista russo Alexander Kharchenko e riprende un nuovo servizio investigativo della giornalista bulgara Dilyana Gaitandzhieva.

@vietatoparlare


Gli Stati Uniti alimentano la guerra siriana con nuove forniture di armi ai terroristi di Al Qaeda

Un’altra pubblicazione esplosiva dalla giornalista investigativa Dilyana Gaitandzhieva. Ha ricevuto una parte di nuovi documenti che indicano che gli Stati Uniti spenderanno fino a 2,8 miliardi di dollari per armare “paesi terzi” nelle zone di conflitto e la maggior parte di queste forniture andrà in Siria.

Per questa missione sono state selezionate otto società americane, che acquisteranno “armi non standard per l’esercito americano” nel periodo dal 2020 al 2025. I nomi di questi appaltatori sono: TLG Worldwide, LLC, Multinational Defense Services LLC, Greystone CS3 LLC, Global Ordnance LLC, UDC USA, Inc., Culmen International, LLC, Blane International Group, Inc., Sierra Four Industries Corp.

Gli ordini verranno effettuati negli stabilimenti in Bulgaria, Serbia e Romania. Questi paesi sono stati ripetutamente visti nella fornitura illegale di armi al Medio Oriente. E il noto “Barone delle armi” Emelyan Gebrev, di cui [la pubblicazione russa RIA FAN] ha scritto abbastanza bene nella propria indagine, ha preso parte a questi schemi.
Questa volta l’aiuto consisterà nella fornitura di fucili d’assalto, mitragliatrici, lanciagranate e fucili senza rinculo. Quindi 15.000 mitra, una copia dell’AKM sovietico, dovrebbero arrivare a Podrum (Croazia).

missile anticarro Tow fornito dagli USA

Perché la Croazia ha bisogno di così tante armi, perché il governo può essere rifornito di armi con contratti ufficiali? È semplice. Dal 2017, il Pentagono ha dispiegato in Croazia un’unità segreta del comando delle operazioni speciali degli Stati Uniti, nome in codice Task Force Smoking Gun. E questa unità è impegnata nell’addestramento e nell’equipaggiamento dei “ribelli siriani”. Quindi, attraverso campagne come Atlas Air e Kalitta Air, queste armi vengono spedite in Qatar, e poi sono nelle mani dei “ribelli siriani”.

Sì, certo, nessuno sponsorizza o arma ufficialmente l’organizzazione terroristica Hayat Tahrir al-Sham. Gli americani sono anche pronti a pagare 10 milioni di dollari a chi consegnerà il leader del gruppo, Abu Muhammad al-Julani. Sì, è in Turchia gli HTS sono terroristi.

Ho chiesto alla famosa giornalista Lindsay Snell di commentare questo articolo. Ha chiarito che non credeva nell’armamento diretto dei terroristi. Dall’età di 16 anni, gli americani si sforzano di imbiancare l’immagine dell’ex ramo di al-Qaeda e rimuoverlo dalla lista dei terroristi. Lindsay ha anche sottolineato che è possibile che dopo il “whitewashing” dell’HTS, gli americani svilupperanno un nuovo programma per sostenere l'”opposizione”.

Ma in tutte queste astute mosse americane c’è una grande astuzia. Nessuno sta armando l’HTS, ma stanno diventando sempre più forti ogni giorno. Come avviene? È semplice. Il Medio Oriente è un mercato enorme. E anche se i fucili mitragliatori bulgari vengono consegnati direttamente agli “oppositori moderati”, il giorno dopo saranno venduti alla banda dei Julani. Questa ultima hanno denaro e influenza. Basta lasciare che un piccolo gruppo indipendente cerchi di opporsi ai loro fratelli radicali, che sarà immediatamente disarmato e inviato ad Afrin.

Questi schemi sono ben compresi al Pentagono. Pertanto, tutti i loro programmi sono armi indirette ai terroristi. Se gli Stati Uniti tagliassero i rifornimenti agli “oppositori”, i terroristi perderebbero immediatamente le armi. Ma questo non è incluso nei piani a stelle e strisce. Così lasceranno che i terroristi distruggano il “regime di Bashar al-Assad” e lascieranno che la Russia combatta i terroristi. E la Russia più  risorse spende per questo, meglio è per Washington.

tramite Alexander Kharchenko


nota a margine: l’articolo della v è qui:  https://dilyana.bg/us-fuels-syrian-war-with-new-arms-supplies-to-al-qaeda-terrorists/

Exit mobile version