Gli USA fanno finta di dispiacersi se Tripoli viene presa dal cittadino americano Haftar

Pubblicità

L’Italia come sempre in politica estera,  “la fa fuori dal vasino”: a giudicare dalle ‘esternazioni’ di queste ultime ore, sta riaccadendo. Con un Salvini che – stimo molto – ma che dice che è gravissimo quanto sta accadendo in Libia solo perchè vede scippati gli interessi da parte della Francia, mentre semplicemente la Francia è stata più lungimirante a salire sul cavallo – probabilmente – vincente.

Ma la domanda di fondo è un’altra: che legittimità ha Serraj (il favorito dell’Italia e quindi la giunta jihadista di Tripoli)!? Serraj è un perfetto sconosciuto imposto dall’Onu  che all’inizio del proprio mandato aveva a malapena il controllo del compound a lui assegnato nel porto di Tripoli, vigilato a vista da truppe straniere. Anche la giunta di Tripoli non è che ‘brilli’ in trasparenza: il primo governatore della capitale libica dopo – l’uccisione di Gheddafi – è stato Abdelhakim Belhaj, meglio conosciuto con il nome di Abu Abdallah al-Sadek, con alle sue spalle una carriera di successo come jihadista iniziata, come tanti altri, in Afghanistan nel 1988. Dopo di lui non è cambiato niente. Tripoli è Misurata è stata sempre in mano ai Fratelli Musulmani. E Serraj non ha un esercito: anche attualmente è alla totale mercé delle milizie di Tripoli e soprattutto di Misurata. Perciò non può essere una giustificazione che l’Italia si posizioni “perché lo ha detto l’Onu” e l’Onu si posizioni perché lo hanno detto gli Usa e gli italiani si posizionino perché Serraj favorisce l’ENI… La guerra libica finirà solo quando tutto il paese sarà sotto un unico governo e Haftar è un ex-patriota , quindi ha più carte in regola per farlo dello sconosciuto Serraj messo lì solo per controllare il petrolio e la Bank Of Lybia.

Haftar è praticamente un eroe nazionale lui e Gheddafi proclamarono l’indipendenza della Libia ma poi lui cadde in disgrazia perchè anni dopo circondato al confine con il CIAD da forze occidentali si arrese non avendo via di scampo. Gheddafi non perdonò quella resa e gli fece uccidere i famigliari: fu per quello che appoggiò gli USA e prese parte alla cosiddetta ‘rivoluzione libica’… Un uomo che non rinnegò il progetto di Gheddafi di unificazione del paese ma Gheddafi sì…e per un motivo più che plausibile.
Mi posso sbagliare su di lui e i suoi ‘mandanti ‘ ma ancor di meno mi convince la giunta di Tripoli e le motivazioni italiane..certe decisioni andrebbero prese finalmente con coscienza morale e rispetto del diritto internazionale invece prevalgono ancora interessi di parte e questo è in ogni caso catastrofico..

Ma pure questa storia degli USA che intimano ad Haftar di fermarsi fa ridere: è stato lui nel 2011 ad essere stato incaricato dalla CIA di diventare il futuro nuovo presidente della Libia , infatti “la CIA lo aveva sponsorizzato per lanciare un colpo di stato contro Gheddafi. Il colpo di stato fallì e dal 1990, Haftar visse in Virginia”. Da allora è anche diventato anche un cittadino americano… Dopo la caduta di Gheddafi non divenne presidente perché le milizie dei fratelli musulmani lo ritenevano colluso con Gheddafi e fu respinto.

Pubblicità

Propongo di seguito un articolo esplicativo della situazione attuale, perché di ‘fregnacce’ sui nostri media ne stanno passando veramente tante, tante, tante.

patrizio ricci @vietatoparlare

La Libia è tornata in vetta ai titoli di prima pagina. Come siamo arrivati ​​fin qui?

Nel marzo 2011, il Regno Unito, la Francia e gli Stati Uniti si sono impegnati a distruggere il governo della Libia. Per conquistare la città di Bengasi, la milizia dei Fratelli Musulmani e di Al Qaeda schierò le proprie forze equipaggiate con il Qatar e sostenute dalla Gran Bretagna. L’aviazione americana decimò le truppe governative sul terreno e aiutò i militanti a catturare e uccidere Muammar Gheddafi. Il caos si scatenò quando varie forze tribali, milizie locali e islamisti combatterono per il controllo delle città e del bottino.

L’ex generale Khalifa Haftar ha cercato di trarre profitto nel caos come nuovo leader libico. Aveva partecipato al colpo di stato che aveva portato Gheddafi al potere, ma aveva poi litigato con lui e successivamente è diventato suo oppositore. Perciò, successivamente la CIA lo aveva sponsorizzato per lanciare un colpo di stato contro Gheddafi. Il colpo di stato fallì e dal 1990, Haftar visse in Virginia. È diventato anche un cittadino americano.

Pubblicità

Il tentativo di Haftar di conquistare il potere nel caos del 2011 aveva fallito. La milizia in linea con i Fratelli Musulmani lo considerava un adepto laico di Gheddafi e lo respingeva. La situazione è cambiata nel 2014 dopo che i militari egiziani avevano espulso il presidente Morsi in linea con i Fratelli Musulmani. L’Egitto, sotto il nuovo presidente al-Sisi, temeva le bande islamiste in Libia e voleva eliminarle. Haftar fu chiamato per radunare un esercito e prendere il controllo di Bengasi. Gli Emirati Arabi Uniti hanno finanziato il progetto. Con il denaro degli Emirati Arabi Uniti, il supporto aereo egiziano, le forniture e il supporto russi dell’intelligence e delle forze speciali francesi, Haftar gradualmente sconfisse le varie bande islamiste e prese il controllo di Bengasi.

Gli ci vollero più di tre anni per consolidare il suo controllo e stabilire il suo Esercito Nazionale Libico (NLA) che gli avrebbe permesso di impadronirsi delle parti occidentali della Libia.

Queste parti occidentali, compresa la capitale Tripoli, sono controllate da varie famiglie, clan e tribù rivali, ciascuna con la propria milizia. C’è anche un governo nominale di un accordo nazionale sotto Fayez al-Sarraj. È riconosciuto dall’ONU ma non ha forze proprie. Dipende dal sostegno della milizia locale di Tripoli e quella della città costiera di Misurata. Questa città ha una forte milizia tribale che possiede persino una piccola forza aerea.

Libia il 1 ° gennaio 2019

Misurata è anche ciò che ha impedito a Haftar di spostare le sue truppe da Bengasi, a est, lungo la costa fino a Tripoli a ovest. A causa del blocco, Haftar dovette attraversare il sud spopolato, quindi ovest e poi nord, fino a Tripoli. Un tentativo di questo tipo fallì nel 2018 quando le forze locali nel sud-ovest (in rosa), sostenute dall’esercito algerino, resistettero all’attacco Haftar.

Pubblicità

Ma quest’anno l’Algeria ha i suoi problemi, le manifestazioni di massa hanno costretto il presidente Abdelaziz Bouteflika a dimettersi. L’esercito algerino è impegnato a casa per installare un nuovo leader. Haftar, con l’aiuto del denaro degli Emirati Arabi Uniti, acquistò le forze sudoccidentali e aprì così la strada a Tripoli. Ha anche preso il controllo di Sirte nel nord e dei campi petroliferi El Sharara vicino a Wasi al Hayaa nel sud. Il deposito produce circa 300.000 barili di petrolio al giorno, che possono essere esportati attraverso il porto di Sirte. Il controllo di queste risorse ha dato a Haftar una grande spinta.

Libia dal 6 aprile 2019

L’Haftar LNA è ora a una ventina di chilometri da Tripoli, ma la resistenza delle milizie locali e delle forze di Misurata si sta intensificando. Ieri, l’esercito di Haftar ha preso in poco tempo l’aeroporto internazionale di Tripoli da Tripoli, ma è stato respinto rapidamente. Il 6 aprile, i caccia da combattimento lanciati da Misurata hanno persino  attaccato le sue forze.

Tripoli al 6 aprile 2019

Se Haftar vuole avere successo, dovrà prendere il controllo della strada tra Tripoli e Misurata per interporsi tra i suoi nemici. Quindi dovrebbe prendere Tripoli e proclamare il proprio governo nazionale. Ci sono  voci secondo cui alcuni signori della guerra di Tripoli sono pronti a cambiare partito e raggiungere Haftar.

Haftar è supportato da Francia, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Egitto e Russia. L’amministrazione Trump non è interessata a intervenire in questo alveare. Haftar è un vecchio alleato della CIA e se prende il controllo del paese, ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti lo influenzino. Finché il petrolio libico sta fluendo e mantiene il petrolio mondiale a un costo ragionevole, Trump è felice. La Russia sta  cercando di rimanere  in disparte per non dare alle forze anti-russe di Washington un pretesto per l’intervento.

Pubblicità

I Fratelli Musulmani, sostenuti dalla Turchia e dal Qatar, sono ancora padroni del campo a Misurata, ma hanno perso la loro influenza.

Haftar e le sue truppe sembrano avere quasi tutti i vantaggi dalla loro parte. La loro rotta di rifornimento da Bengasi a Tripoli via sud è troppo lunga, ma la Francia aiuta a proteggerla controllando i ribelli del Ciad e del Mali nel sud della Libia. L’aeronautica egiziana potrebbe intervenire di nuovo e distruggere tutti gli aerei rimasti a Misurata.

Ma la guerra è imprevedibile e le milizie in Libia hanno spesso cambiato le parti inaspettatamente. Ci vorranno 10 giorni per prendere Tripoli senza fare troppe perdite a 100 giorni di intensi combattimenti. Il tentativo potrebbe anche fallire.

La Libia è un mosaico di tribù che è improbabile che funzioni come una democrazia. Un uomo forte come Muammar Gheddafi potrebbe mantenere la pace ridistribuendo equamente le sue risorse petrolifere e tenendo gli islamisti sotto controllo inflessibile. Haftar potrebbe essere in grado di fare lo stesso.

Ma lui ha 75 anni. Un anno fa è stato evacuato in Francia per un’emergenza medica. I suoi figli, due dei quali guidano unità della sua milizia, sono sconosciuti. Un altro problema si sta verificando a Bengasi, dove i predicatori wahabiti addestrati in Arabia Saudita hanno sostituito i predicatori della Fratellanza Musulmana e ora stanno imponendo costumi in stile saudita sulle donne e sulla cultura locale.

Un uomo forte a guidare la Libia da Tripoli è certamente migliore per il suo popolo del lungo caos che seguì la guerra condotta da Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia contro quel paese. Dandosi un po ‘di tempo, Haftar poteva farlo. Ma non rappresenta una soluzione a lungo termine. Il meglio che si possa sperare è che guadagni abbastanza tempo perché la Libia ritorni in sé e la guerra civile si fermi.

Fonte: Entelekheia