Gli USA esortano Israele a non esacerbare la tensione tra Iran e Azerbaigian

F14 - Air Force I Erfan Kharrat I JetPhotos

Gli Stati Uniti vogliono che i colloqui sul nucleare con l’Iran a Vienna riprendano “presto”, ha detto ieri il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price . “Speriamo che la loro definizione di presto corrisponda alla nostra definizione di presto”, ha detto Price in una conferenza stampa. “Vorremmo che i negoziati riprendessero a Vienna il prima possibile”, ha aggiunto. Lexi Lonas riporta per The Hill .

La fonte Free News gestita dal corrispondente di guerra  Oleg Soloviev riferisce che:

Tel Aviv ha deciso di intervenire indirettamente nella situazione in Transcaucasia, che rischia di degenerare in una guerra tra Iran e Azerbaigian, dalla cui parte sta la Turchia. Ciò è dimostrato dall’aumento della frequenza dei voli di aerei da trasporto che trasportano le ultime armi israeliane a Baku”.

Ed aggiunge: “Nel frattempo, gli Stati Uniti sono scontenti del fatto che Ankara e Tel Aviv agiscano in modo indipendente. Inoltre, il Pentagono teme che lo scoppio di un conflitto militare possa sfuggire al controllo e comportare conseguenze impreviste”.

Pertanto “alla luce degli eventi attuali, il capo della direzione dell’intelligence militare statunitense ha rilasciato una dichiarazione in cui ha avvertito le autorità israeliane della necessità di allentare la tensione con l’Iran. Uno dei motivi di ciò, ha chiamato l’arrivo degli ultimi missili, che non sono solo altamente mobili e precisi, ma anche in grado di penetrare nei sistemi di difesa aerea/missile israeliani, in servizio con il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche”.

Israele sottovaluterebbe il potenziale missilistico iraniano: “Secondo l’intelligence americana, le Forze di difesa israeliane (IDF) hanno informazioni obsolete sulle capacità militari di Teheran, che coincidono poco con la realtà. Negli ultimi anni, l’Iran ha notevolmente aumentato le sue forze armate e ha fornito loro migliaia di missili da crociera e balistici, il cui attacco simultaneo lo stato ebraico non sarà in grado di respingere fisicamente”.

Free News così conclude: “Pertanto, l’intelligence statunitense mette in guardia Tel Aviv sull’inammissibilità delle avventure militari che le autorità israeliane potrebbero intraprendere, soprattutto perché la Russia, alleato geopolitico dell’Iran, può supportarlo fornendo dati sui voli dei combattenti dell’aeronautica israeliana e sui movimenti delle truppe”.

Exit mobile version