Gli USA distruggono le infrastrutture di petrolio e gas siriane sotto il pretesto di combattere ISIS

0 3

” L’ordine del giorno degli Stati Uniti , che sta distruggendo gli oleodotti della Siria, ha ben poco a che fare con i profitti del petrolio da parte di ISIS, e molto più a che fare con la distruzione delle infrastrutture. Di fatto , la statistica che ISIS sta guadagnando 2 milioni di dollari al giorno dalla vendita di petrolio greggio è una stima di una singola società di consulenza (IHS) con sede in Colorado, negli Stati Uniti. L’amministrazione degli Stati Uniti ha scelto di citare questa come se fosse la verità senza un briciolo di dubbio. E ‘molto più probabile che l’entità dei profitti sia stata esagerata per deviare dal fatto che ISIS riceve finanziamenti da stati come la Turchia, il Qatar e gli altri stati del Golfo Persico, mentre allo stesso tempo fornisce una scusa per colpire le infrastrutture siriane. ….

La distruzione delle infrastrutture petrolifere della Siria potrebbe anche aprire la porta per gli Stati Uniti e le compagnie petrolifere britanniche per vincere contratti di ricostruzione, pagati in debito, da parte dello Stato siriano. Le società straniere che eseguono la produzione di petrolio e gas della Siria impedirebbero alla Siria da nazionalizzare le proprie risorse e di diventare un paese prospero indipendente. Ciò comporterebbe la basilare riduzione in schiavitù del paese, mentre mitigherebbe la minaccia che rappresenta per stati clienti degli Stati Uniti, tra cui Israele, l’Arabia Saudita e la Turchia.

lettura completa qui (in inglese) : http://journal-neo.org/2014/11/01/us-destroying-syria-s-oil-infrastructure-under-guise-of-fighting-isis/