Gli uomini sconosciuti dell’esercito siriano dell’elettricità

Uno degli obiettivi principali della “Guerra al terrore” condotta dagli Stati Uniti contro la Siria è stata la distruzione delle infrastrutture vitali per il paese. In questa opera di sabotaggio, di distruzione e saccheggio –  una delle infrastrutture più importanti ad essere colpita dai terroristi sponsorizzati dall’occidente – è stata l’ infrastruttura elettrica (che prima della guerra erogava elettricità a prezzi tra i più bassi del medioriente). Nell’opera di annientamento del popolo siriano sono stati colpiti dagli impianti delle centrali elettriche , dai cavi di rete, al più piccolo trasformatore nell’ultimo villaggio remoto  fino all’ultima batteria e all’ultimo bullone.

Fortunatamente,  il popolo siriano ha resistito con il proprio esercito contro questo assurdo accanimento. In questa lotta impari, fondamentale sono stati i lavoratori statali del settore elettrico che si sono attivati continuamente per cercare di ripristinare  tutto ciò che era possibile riparare. Non per nulla le squadre e gli specialisti dell’elettricità impegnati nel settore dell’elettricità, si sono guadagnati il titolo di  ”l’esercito siriano dell’elettricità”.

All’opera di questi uomini è stato dedicato il documentario  di Ugarit Dandash per il canale di notizie libanese Al-Mayadeen, pubblicato il 06 dicembre 2018 (https://www.youtube.com/watch?v=RupyZZzOLIU)


Video disponibile anche su BitChute: https://www.bitchute.com/video/RqgYyCFqR7L3/

E su LiveLeak: https://www.liveleak.com/view?t=C4HoH_1546111375

E’ di questi giorni l’espansione della centrale elettrica di Deir Ali vicino Damasco Saranno prodotti  500 mega watt da due turbine a gas con una capacità di 250 mega watt ciascuna e una terza turbina a vapore con una capacità di 250 mega watt.

La centrale elettrica a ciclo combinato di Deir Ali supporta la rete siriana con complessivi 1500 mega watt, la sua seconda fase di espansione è iniziata nel 2011 e non si interrotta neanche durante la guerra, nonostante i “Freedom Fighters” sponsorizzati dalla NATO hanno bombardato ininterrottamente il loro lavoro e ucciso tecnici e ingegneri con uccisioni mirate.

(sintesi da Syriannews)