Gli Stati Uniti sospettano che Zelensky abbia perso il controllo sull’Ucraina – The American Conservative.

Date:

L‘editorialista Bradley Delvin ipotizza che il Presidente Volodymyr Zelensky potrebbe aver perso il controllo del Paese cedendolo ai servizi segreti militari del Ministero della Difesa ucraina. Effettivamente, con il suo paese in guerra, sta girando per il mondo troppo a lungo (in realtà è tornato in Ucraina, ma già ieri si è collegato con gli studenti della classe 2023 della Johns Hopkins University via streaming):

da American Conservative – Bradley Devlin

Durante il weekend, i russi hanno dichiarato di aver preso la città di Bakhmut. Negli ultimi nove mesi, Bakhmut ha visto alcuni dei combattimenti più brutali della guerra, tra cui pesanti bombardamenti d’artiglieria, guerra di trincea e attacchi di ondate umane. Nonostante la città abbia poco valore strategico, ancor di meno ora a causa della sua distruzione, la battaglia di Bakhmut è diventata rappresentativa della tolleranza per il dolore delle rispettive parti e del loro impegno nell’obiettivo.

Nel frattempo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha partecipato al summit del G-7 in Giappone. Il suo discorso ai paesi del G-7, pronunciato meno di ventiquattro ore dopo l’annuncio della Russia, ha paragonato la distruzione di Bakhmut alla distruzione causata dalla bomba atomica su Hiroshima alla fine della Seconda Guerra Mondiale. “Dovete capire che non c’è nulla, hanno distrutto tutto”, ha dichiarato il presidente ucraino. “Oggi Bakhmut è solo nei nostri cuori“. Zelensky ha commosso il summit. Gli Stati Uniti hanno aperto il loro portafoglio. Il presidente Joe Biden ha annunciato che l’America, che ha destinato circa 100 miliardi di dollari per sostenere l’Ucraina (anche se non tutti sono stati ancora dispiegati), invierà ulteriori 375 milioni di dollari in armi e forniture militari, tra cui veicoli corazzati. Ancora più importante è stata l’aperta adesione di Biden ai programmi di trasferimento degli F-16 da altre nazioni della regione all’Ucraina, a condizione che l’Ucraina non utilizzi gli aerei di produzione americana per colpire obiettivi all’interno del territorio russo.

Ma non c’è garanzia che l’Ucraina manterrà la sua parte del patto. Lunedì la Russia ha dichiarato che le unità ucraine e i combattenti associati ucraini avevano attraversato la regione di Belgorod a nord e a nord-est di Kharkiv. La Direzione Principale di Intelligence (HUR) del Ministero della Difesa dell’Ucraina ha affermato che le truppe che si stanno spingendo in Russia sono composte da cittadini russi volontari che lavorano con l’agenzia. L’estensione della loro incursione in territorio russo rimane sconosciuta. Video postati sui social media presumibilmente dell’invasione di Belgorod mostrano truppe in movimento con veicoli corazzati, che alcuni utenti dei social media affermano essere veicoli corazzati e humvee International MaxxPro di produzione americana. In uno dei video, un soldato dice: “La Russia sarà presto libera”.
“Prevediamo che tali azioni diventeranno sempre più frequenti”, ha dichiarato il portavoce di HUR, Andriy Chernyak, mentre l’HUR ha identificato l’affiliato ucraino che il principale responsabile per l’incursione sul territorio russo, e che lo scopo dell’operazione era creare una zona cuscinetto intorno ai confini dell’Ucraina, l’adviser di Zelensky, Mykhailo Podolya, ha negato il coinvolgimento dell’Ucraina nell’impresa. Quindi, che sia stata l’HUR dell’Ucraina a dirigere tali soldati in questa operazione, o che Kiev non c’entri niente, come hanno fatto questi soldati a venire in possesso di attrezzature di produzione americana?

Inoltre, le recenti Discord Leaks hanno rivelato che gli Stati Uniti avrebbero dovuto convincere l’HUR a non colpire obiettivi nel profondo della Russia, inclusa Mosca, in più occasioni. I documenti di intelligence statunitensi trapelati hanno anche affermato che l’HUR aveva pianificato di colpire il gruppo Wagner in Mali. Zelenksy ha anche dichiarato di non sapere nulla riguardo a alcuni di questi piani. Ha quindi Zelensky perso il controllo del suo paese a favore della sua comunità di intelligence? È stato ridotto al ruolo di raccoglitore di fondi-in-chief?

Gli Stati Uniti giustificavano la fornitura di armi all’Ucraina perché stavano vincendo. Ora, gli diamo armi perché stanno perdendo (anche se nessuno osa ammetterlo). La realtà più probabile, tuttavia, è che non ci sia una giustificazione per il nostro continuo supporto all’Ucraina. Come ha detto un analista civile che lavora con il Pentagono a Harper’s, citando gli ufficiali militari e di intelligence con cui ha lavorato: “Mannaggia, non ho mai pensato a quello che stiamo facendo alla Russia”.

(https://www.theamericanconservative.com/fundraiser-in-chief/)

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

More like this
Related

Il destino politico di Ursula von der Leyen è nelle mani del primo ministro Giorgia Meloni

L'attuale presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen,...

Risposta a Cascioli: La critica agli USA nella guerra russo-ucraina non può essere ignorata

Desidero fare alcune osservazioni alla risposta del direttore della...
00:02:00

Macron dichiara guerra ai francesi

Dopo la sconfitta elettorale annunciata, il presidente della Repubblica...
Exit mobile version