Gli Stati Uniti preparano nuovi attacchi alle strutture del governo siriano – Ministero della Difesa russo

In un comunicato stampa diffuso sabato 25 agosto, il generale  Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo , ha preannunciato una messinscena che riprodurrà una aggressione chimica  che sarà organizzata dai terroristi dell’organizzazione terroristica Ash- Shamh di Ashat Tahrir (precedentemente nota come Jabhat al-Nusra messa al bando in Russia).

La false flag, avrà lo scopo di  provocare un intervento occidentale contro la Siria, con l’ausilio dei servizi segreti speciali britannici.

Questa la sintesi del messaggio diffuso dal Ministero della Difesa russo, pubblicata sull’agenzia russa TASS:

(…) La messa in scena di questa provocazione che sarà eseguita con la partecipazione attiva dei servizi speciali del Regno Unito, è destinata a fungere da pretesto per un nuovo attacco missilistico da parte degli Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia contro il governo e le strutture economiche siriane.

A tal fine, il cacciatorpediniere Sullivans della US Navy con 56 missili da crociera a bordo è arrivato nel Golfo Persico alcuni giorni fa mentre un bombardiere strategico B-1B della US Air Force armato con missili aria-superficie JasmM AGM-158 è stato stato dislocato presso la base aerea di Al Udeid in Qatar .

Le dichiarazioni assolutamente infondate fatte da alcuni alti funzionari degli Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia mercoledì 22 agosto sulla loro intenzione di rispondere nel modo più risoluto al presunto uso di armi chimiche da parte del governo siriano possono servire come la conferma che sono in atto preparativi da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati per mettere in atto una nuova aggressione contro la Siria.

Pertanto, le azioni dei paesi occidentali contrariamente a quanto dichiarato pubblicamente mirano a un’altra drammatica escalation della situazione in Medio Oriente e a interrompere il processo di pace sul territorio della Siria.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno già usato in passato tale genere di  provocazioni dei terroristi  come pretesto per lanciare attacchi missilistici contro le strutture del governo siriano in due precedenti occasioni:

1) il 7 aprile 2017. In tale occasione, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ordinato un attacco missilistico sulla base aerea di Shayrat. L’attacco, che ha coinvolto 59 Tomahawk Land Attack Missiles, arrivò in risposta al presunto uso di armi chimiche che sarebbe stata effettuata nella provincia di Idlib il 4 aprile. Damasco ha respinto quelle accuse basate sulla testimonianza dell’organizzazione White Helmets.

2) il 14 aprile, Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno lanciato un massiccio attacco alla Siria senza l’autorizzazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Secondo il ministero degli Esteri russo, l’attacco con oltre 100 missili ha colpito un centro di ricerca a Damasco, il quartier generale della Guardia Repubblicana, una base di difesa aerea, diversi aeroporti militari e depositi militari.

In questo caso Washington, Londra e Parigi hanno falsamente affermato  che gli attacchi missilistici sono stati una risposta al presunto uso di armi chimiche da parte delle truppe del governo siriano nella città di Douma. Cionostante una apposita missione OPCW all’uopo istituita non ha trovato evidenze a riguardo.

Ora l’organizzazione terrorista Jabhat al-Nusra  sta pianificando [nuovamente] una provocazione con il presunto uso di armi chimiche da parte delle truppe del governo siriano contro i civili in Siria.

Secondo le informazioni confermate simultaneamente da diverse fonti indipendenti, il gruppo terrorista Hayat Tahrir al-Sham (precedentemente noto come Jabhat al-Nusra) sta pianificando una nuova provocazione con il presunto uso di armi chimiche da parte delle forze governative siriane contro i civili in la provincia di Idlib  .

Al fine di mettere in scena il presunto attacco chimico, i terroristi di Hayat Tahrir al-Sham hanno consegnato otto contenitori con cloro alla città di Jisr ash-Shugur nella provincia di Idlib, che dopo il loro trasferimento ai militanti di Hizb al-Turkistani Il gruppo islamico è stato consegnato al villaggio di Halluz a parecchi chilometri da Jisr ash-Shugur.

Un gruppo speciale di terroristi che è stato addestrato da specialisti della compagnia militare privata britannica ‘Olive’ per gestire agenti di guerra chimica è arrivato anche nell’area di Jisr ash-Shugur.

Questi militanti sono stati incaricati di simulare un’operazione di salvataggio per gli abitanti del luogo presumibilmente feriti nell’attacco chimico e saranno vestiti negli abiti del famoso gruppo White Helmets..

I terroristi dell’organizzazione terroristica Hayat Tahrir al-Sham (precedentemente nota come gruppo Jabhat al-Nusra dichiarato fuorilegge in Russia) hanno portato otto contenitori con cloro per inscenare un presunto attacco chimico nella provincia siriana di Idlib .

Allo scopo di mettere in scena un presunto attacco chimico nella città di Jisr ash-Shugur nella provincia di Idlib, i terroristi di Hayat Tahrir al-Sham hanno consegnato otto contenitori con cloro.

Dopo il loro trasferimento ai militanti del gruppo Hizb al-Turkistani al-Islami , i contenitori con cloro sono stati consegnati in un villaggio a parecchi chilometri da Jisr ash-Shugur.

 

foto: Portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.