Gli Stati Uniti comminano sanzioni alla Cina per aver commerciato con l’Iran

Gli Stati Uniti, utilizzano le sanzioni come mezzo per contrastare gli stati che minano la propria supremazia commerciale. Questo lo ha detto chiaramente Biden nei confronti della Cina ‘durante il mio mandato , non permetterò il sorpasso della Cina”.

Per fare questo le motivazioni non mancano e – salvaguardia dei diritti umani, produzione di false flag, rivoluzioni colorate  etc – diventano tecnicismi che servono a nascondere le vere motivazioni. Senza neanche troppa accuratezza peraltro, visto il dominio assoluto dell’informazione e le alleanze di interesse strette con i paesi del blocco atlantico.
Di seguito, le più recenti sanzioni  USA comminate a carico di aziende cinesi per aver commerciato con l’Iran. Tuttavia solo l’Onu può – conformemente con il diritto internazionale – comminare sanzioni.

Gli Stati Uniti hanno imposto un altro pacchetto di sanzioni alle società cinesi Triliance Petrochemical Co. Ltd e Sage Energy HK Limited (Hong Kong), Peakview Industry Co Ltd (Shanghai), accusate di aiutare la compagnia petrolifera nazionale iraniana NIOC a esportare prodotti petroliferi in violazione delle sanzioni statunitensi. Inoltre, sono state sanzionate anche Jiaxiang Industry Hong Kong Limited e Shandong Oiwangwa Petrochemical Co Ltd., affiliate con Triliance Petroleum.

È noto che il regime di sanzioni americane contro la Repubblica islamica dell’Iran (IRI) è stato violato abbastanza spesso: su 314 violazioni per le quali il Tesoro degli Stati Uniti ha applicato sanzioni, 109 si sono verificate in IRI (Sudan – 58, Birmania – 15, il resto – non più del 10% per ciascuno). Le violazioni commesse dalla Repubblica popolare cinese (PRC) sembrano modeste: nel 2018, la società cinese Yantai Jereh Oilfield Group è caduta sotto le sanzioni del Tesoro statunitense a causa della fornitura di attrezzature per l’industria petrolifera iraniana, ha dovuto pagare un multa di circa $ 2,7 milioni, avendo ricevuto un piccolo sconto per la collaborazione con la parte americana durante le indagini. Un altro caso di inasprimento del regime sanzionatorio riguarda la filiale cinese dell’azienda americana Stanley Black & Decker. Una filiale cinese ha fornito attrezzature industriali all’Iran all’insaputa di una società madre negli Stati Uniti, che ha appreso delle violazioni e le ha segnalate volontariamente alle autorità americane. La multa è stata di circa 1,8 milioni di dollari.

Anche i casi delle società cinesi ZTE e Huawei sono diventati più risonanti. Secondo fonti cinesi, è stata aperta un’ inchiesta contro ZTE per la fornitura di attrezzature all’Iran, che contenevano componenti americane, e sono state determinate in anticipo le azioni della ZTE cinese per aggirare le sanzioni anti-iraniane statunitensi. Si segnala che la situazione è stata aggravata dai ripetuti tentativi da parte della direzione aziendale di occultare le violazioni commesse. Alla fine, la società ha stretto una collaborazione con il Tesoro e il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, accettandone i termini e pagando multe per un totale di circa 2,29 miliardi di dollari.

Il caso della società di telecomunicazioni cinese Huawei non si è ancora concluso: il Tesoro americano ha accusato l’azienda cinese di fornire apparecchiature iraniane con apparecchiature che contenevano componenti americane. Il caso è stato gestito dal Tesoro, dal Dipartimento del Commercio e dal Dipartimento della Giustizia. È interessante notare che il contemporaneamente coinvolgimento di diversi regolatori americani in un’indagine, è raro.

È noto che nel dicembre 2018, il direttore finanziario di Huawei, Meng Wanzhou, è stato arrestato in Canada su richiesta ufficiale degli Stati Uniti. Le autorità statunitensi l’hanno accusata di frode finanziaria per aver aggirato le sanzioni contro l’Iran.

Nello stesso tempo, Huawei è stata inserita nella lista nera dal Dipartimento del Commercio per “motivi di sicurezza nazionale”. In effetti, si trattava di restrizioni significative all’interazione di Huawei con le società americane. Le restrizioni contro Huawei ha causato perdite anche alle aziende americane.

Il caso Huawei ha dato l’avvio formale ad azioni statunitensi più ambiziose, che sono irte di sanzioni nel settore dell’informazione sia contro la RPC che contro altri paesi, compresa la Federazione Russa.

Un altro esempio è stata l’inserimento nella lista nera della compagnia di navigazione cinese China Ocean Shipping Company (COSCO). La compagnia è sospettata di trasportare petrolio iraniano aggirando le sanzioni statunitensi.
Il caso COSCO difficilmente può essere definito ordinario: gli americani hanno utilizzato una misura radicale, escludendo di fatto COSCO dalle transazioni internazionali.

Ora l’azienda dovrà affrontare seri problemi con pagamenti in dollari, servizi portuali, assicurazioni e altro ancora. Per le aziende americane, le restrizioni contro Huawei hanno subito gravi perdite. Il caso Huawei ha dato l’avvio formale a un’azione statunitense su larga scala, che è irta di sanzioni nel settore dell’informazione sia contro la RPC che contro altri paesi, compresa la Federazione Russa.

Pertanto, esperti americani e cinesi concordano sul fatto che una delle aree di confronto più controverse e poco studiate tra la RPC e gli Stati Uniti in Medio Oriente è la diffusione delle tecnologie di telecomunicazione cinesi nei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA ). L’implementazione della rete 5G cinese su MENA è problematica: il protocollo dati 5G è considerato “insicuro”, che potrebbe portare a furti o danneggiamenti dei dati, e potrebbe avere conseguenze irreversibili per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. La società cinese Huawei, che è in prima linea nei servizi 5G cinesi, è percepita come una possibile minaccia data la legge cinese, che richiede la cooperazione con il governo in caso di problemi di sicurezza nazionale.

Questo problema è diventato ancora più urgente nel maggio 2019, quando Trump ha firmato un ordine esecutivo che vieta le transazioni tecnologiche “che rappresentano un rischio inaccettabile per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”. aggiungendo Huawei e le sue filiali all’elenco.

Le conseguenze di ciò potrebbero influenzare i legami di Huawei con le società di telecomunicazioni degli Emirati Arabi Uniti, KSA, Kuwait, Bahrein ed Egitto. La questione della partecipazione di Huawei all’introduzione della tecnologia 5G nelle forze armate israeliane rimane irrisolta. Secondo i resoconti dei media cinesi, nel 2019, la Repubblica popolare cinese e Israele hanno tenuto colloqui sull’introduzione della tecnologia 5G per guidare i missili guidati anticarro (ATGM) di fabbricazione israeliana. Tuttavia, i negoziati sono stati congelati perché gli Stati Uniti hanno notificato ai funzionari israeliani che tali azioni erano una minaccia diretta per la sicurezza nazionale americana.

vp news

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.