Gli esperti statunitensi non prevedono di mettere a punto un vaccino prima di 18 mesi

Gli esperti statunitensi non prevedono di mettere a punto un vaccino prima di 18 mesi 3

foto Pixabay License Free for commercial use No attribution required

Il noto blog statunitense di finanza e politica Zero Hedge illustra come gli esperti statunitensi non prevedono un vaccino contro il coronavirus pronto prima di 18 mesi. Inoltre, essi fanno presente che prevenire l’attacco del virus entro le vie respiratorie superiori è molto difficile: il sistema immunitario considera le vie respiratorie superiori come esse fossero fuori dal corpo . In definitiva, mettere a punto un vaccino contro il coronavirus è come costringere il sistema immunitario a rispondere fuori dalla pelle. E se il vaccino non è perfettamente sicuro, potrebbe creare problemi più del virus stesso.

@vietatoparlare

Ecco perché un vaccino contro il coronavirus potrebbe non essere pronto prima di 18 mesi

Con gran parte del mondo in lockdown per rallentare la diffusione di COVID-19, e i dibattiti infuriano su come e quando riaprire l’economia globale al fine di evitare una imminente e  grande depressione. Tuttavia, l’approntamento di un vaccino non si prevede prima di 18 mesi .

JPMorgan, ad esempio, prevede che ” potrebbero essere necessari 12-16 mesi prima che si arrivi alla produzione in serie  di un vaccino” e che gli Stati Uniti attraverseranno cicli di aumento delle misure di distanziamento sociale,  seguiti da periodi riacutizzazione del virus, che richiederanno più lockdowns.

[Alla luce di queste considerazioni] dopo audaci previsioni sui vaccini da parte di chi diceva diceva fossero “proprio dietro l’angolo”,  anche il dottor Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale americano per le allergie e le malattie infettive  – che si trova nella task force predisposta dal presidente Trump in occasione dell’emergenza coronavirus  – , ha offerto una visione meno entusiasta,  affermando all’inizio marzo che un vaccino potrebbe essere disponibile in 12-18 mesi.

” L’intero processo richiederà almeno un anno, un anno e mezzo “, ha affermato Fauci.


Fauci has to tamp down on vaccine expectations which causes the President to ask him to talk about therapeutics pic.twitter.com/gUrOVs0l8H

— Acyn Torabi (@Acyn) March 3, 2020

E mentre Fauci è stato accusato di catastrofismo – basandosi su modelli selvaggiamente pessimisti mentre consigliava il presidente Trump sulle misure di contenimento, potrebbe essere stato saggio nel mostrare scetticismo sui tempi di approntamento del vaccino .

Infatti, secondo un nuovo rapporto dell’ABC australiana , la creazione di un vaccino – a ragione di diversi motivi – potrebbe essere incredibilmente difficile, poiché questo particolare coronavirus sta “ponendo sfide che gli scienziati non hanno mai affrontato prima”.

Secondo Ian Frazer dell’Università del Queensland – che è stato coinvolto nella creazione del vaccino HPV – , creare vaccini sicuri  contro i coronavirus è cosa particolarmente difficile innanzitutto perché il virus infetta il tratto respiratorio superiore , che il nostro sistema immunitario non è particolarmente abile a proteggere .

Ci sono diverse ragioni per cui il nostro tratto respiratorio superiore è un’area difficile da colpire con un vaccino. “Si potrebbe dire che le contromisure difensive di quel tratto del respiratorio superiore è come se fossero un sistema immunitario separato che non è facilmente accessibile dalla tecnologia del vaccino”, ha detto il professor Frazer al Rapporto sulla salute.

In altri termini, nonostante il tratto respiratorio superiore si trovi all’interno del tuo corpo, ai fini dell’immunizzazione è effettivamente considerato una superficie esterna: È un po ‘come cercare di ottenere un vaccino per uccidere un virus sulla superficie della pelle. “- ABC Notizie

In altre parole, poiché il tratto respiratorio superiore è considerato “esterno “dal corpo e lo strato esterno di cellule (epiteliali) nel tratto costituiscono la nostra barriera naturale ai virus, è difficile produrre una risposta immunitaria che possa raggiungerle. 

l fatto complicato è che se un vaccino provoca una risposta immunitaria che non avvantaggia le cellule bersaglio, il risultato potrebbe essere potenzialmente peggiore del non prendere nessun vaccino .

“Uno dei problemi riscontrati in passato con i vaccini per i virus corona è stato che quando la risposta immunitaria raggiunge il punto in cui si trovano le cellule infette da virus , la patologia effettivamente aumenta anzichè ridursi. “, ha detto Frazer. “In tal modo l’immunizzazione con il vaccino SARS corona ha causato, negli animali, un’infiammazione ai polmoni che altrimenti non sarebbe avvenuta se il vaccino non fosse stato somministrato.”

Gli anticorpi, nel frattempo, non durano per sempre

Il sistema immunitario umano per neutralizzare minacce come i virus, rilascia anticorpi . Con il coronavirus, coloro che sono stati infettati hanno mostrato vari gradi di produzione di anticorpi – in alcuni soggetti in maniera debole ed in altri in modo forte. Detto questo, gli anticorpi non durano per sempre .

“Sì,  se si ottiene una immunizzazione tramite la produzione di  anticorpi dopo un’infezione, gli anticorpi durano per un po ‘, ma non durano per tutta la vita … l’immunizzazione avviene per mesi piuttosto che anni “, ha detto Frazer,  che ha aggiunto: “Penso che sarebbe giusto dire che l’immunità naturale che si ottiene dopo l’infezione da questo coronavirus, probabilmente si comporterà come con i coronavirus che abbiamo visto in passato.”

Detto questo, “La buona notizia è che se vieni nuovamente infettato dal virus una seconda volta, probabilmente per alcuni mesi, ci sarà abbastanza immunità che ti impedirà di ammalarti gravemente “.

Vaccini in fase di sviluppo

Gli attuali sforzi per trovare una cura hanno spaziato dall’uso di frammenti di virus disattivati ​​come facciamo con l’influenza, all’uso dell’mRNA per indurre una risposta anticorpale. Secondo il rapporto , prima che venga trovato un trattamento di successo , molti di questi esperimenti falliranno .
La previsione del professor Frazer è che il candidato più probabile sarà un vaccino che utilizzi una parte del virus collegata a una sostanza chimica per indurre una risposta immunitaria o un vaccino “subunità” .

Inoltre Frazer ha detto:

“Questo [tipo di vaccino] per i coronavirus in passato ha avuto successo in modelli animali  e al momento ovviamente  i soldi vengono messi in grande misura in questa direzione”.

” Un altro tipo di vaccino potrebbe contenere solo l’anticorpo trasferito da qualcuno che era già stato infettato e si è poi sbarazzato dell’infezione”.

“Questo potrebbe essere un mezzo immunologico per prevenire l’infezione e probabilmente potrebbe essere sviluppato più rapidamente di un vaccino reale.”

Questo tipo di vaccino è stato testato con la SARS nel 2003 su scimmie da laboratorio che successivamente si sono reinfettate a causa di una cattiva risposta immunitaria, per questo motivo molti gruppi che lavorano su un vaccino per Sars-CoV-2 stanno continuando a cercare una risposta anticorpale molto specifica.

Il professor Frazer ha affermato che l’approccio ristretto e mirato va bene, ma se si sceglie l’antigene specifico sbagliato – la sostanza che stimola una risposta immunitaria a cui si legano gli anticorpi – si potrebbe finire per replicare lo stesso problema. -ABC Notizie
Forse le migliori menti al mondo che concentrano tutti i loro sforzi su COVID-19 saranno in grado di decifrare il codice e sviluppare un vaccino di successo. Ma bisogna anche [essere realisti e] tener presente che nonostante decenni di sforzi, non abbiamo vaccini contro l’HIV e il cancro.

Frazer pensa che “sarebbe giusto dire che anche se ottenessimo qualcosa che sembri essere abbastanza incoraggiante sugli animali, le prove di sicurezza sugli esseri umani dovranno essere abbastanza estese prima di pensare a vaccinare un gruppo di persone che non sono ancora state esposte al virus “.

“Potrebbero sperare di ottenere protezione, ma certamente non vorrebbero accettare la possibilità di effetti collaterali davvero gravi se prendessero effettivamente il virus.”

Content retrieved from: https://www.zerohedge.com/health/heres-why-coronavirus-vaccine-might-not-happen-anytime-soon.

Exit mobile version