Gli archelogi documentano i danni causati dai terroristi nel sito archelogico di Ebla (Siria)

Da quando è stato scoperto il Regno di Ebla, che è uno dei siti archeologici culturali più importanti al mondo dalla missione italiana guidata dall’archeologo Paolo Mattier nel 1968, i fatti stanno lentamente diventando chiari sull’antica storia siriana, che era hanno influenzato profondamente la cultura, della civiltà globale e dello sviluppo, fino a quando questo sito archeologico è stato esposto al vandalismo e al saccheggio organizzato dalle organizzazioni terroristiche che hanno fatto motivo di orgoglio di cancellare le caratteristiche della civiltà e della storia siriana.

Oggi, dopo violente battaglie contro le organizzazioni terroristiche nella campagna di Idlib, l’esercito arabo siriano è riuscito a liberare questo sito archeologico e ripristinare il grande regno siriano di Ebla  per una destinazione turistica e storica, la cui assenza si è determinata nel periodo di diffusione del terrorismo.

Il dott. Mahmoud Hammoud, direttore generale della sovraintendenza dell’ antichità e dei musei, ha confermato in una dichiarazione a SANA Cultura che la Direzione invierà un team specializzato al sito archelogico di Mordikh Hill, il Regno di Ebla, dopo le battaglie sostenute dall’esercito siriano, allo scopo di valutare il danno e documentarne i danni e lo stato attuale  dopo gli attacchi a cui è stato sottoposto anche a ragione degli scavi illegali che hanno portato a distruzione di molti siti archeologici  e saccheggio dei suoi contenuti e tesori.

Hammoud ha sottolineato che le informazioni ricevute dalla Direzione Generale delle Antichità e dei Musei durante la diffusione di gruppi terroristici in essa indicano che la collina si è trasformata in un luogo di addestramento e in un campo di tiro a segno da parte dei terroristi, che ha portato alla distruzione di molti dei monumenti del sito archeologico. Negli anni precedenti una  missione italiana aveva scoperto il sito archeologico e successivamente si stava lavorando con il ministero dei beni culturali siriano per i lavori di restauro e catalogazione. Ora come continuazione di quanto si era intrapreso negli anni precedenti, l’archeologo Paulo Matteih è molto interessato a conoscere le notizie attuali sul grande regno di Ebla.

Hammoud ha rivelato che la missione italiana ha informazioni sull’esposizione della collina al saccheggio e alla perdita della città alta nel cuore del sito e della porta sud-occidentale per molti scavi e scavi, e ha detto che l’archivio reale di Ebla, che include  un grande numero di ceramiche è stato saccheggiato da parte di gruppi terroristici  dal Museo Idlib insieme a  tutte le scoperte della missione italiana.

È interessante notare che Tel Merdekh, il Regno di Ebla è un antico regno risalente alla seconda metà del terzo millennio a.C. È stato un grande regno con vaste relazioni con le città e le civiltà della Mesopotamia e il Regno di Ebla contiene gli archivi reali più antichi , grazie ai quali è possibile vedere il volto della storia siriana. Inoltre gli scavi hanno rivelato che il Regno di Ebla era un paese con una leadership politica indipendente non meno importante quanto i paesi vicini.

Mays al-Ani – SANA