FRANCIA – Sei francesi su 10 sono favorevoli alla vaccinazione obbligatoria

FRANCIA - Sei francesi su 10 sono favorevoli alla vaccinazione obbligatoria 1

Incuranti della scarsa efficacia della misura e, soprattutto, incuranti che questo possa rappresentare un precedente di sottrazione dei diritti fondamentali in caso di emergenza, la maggior parte dei francesi è d’accordo sulla vaccinazione obbligatoria.

Pertanto, il Senato ‘ne discuterà’, ma immagino che si voterà all’unanimità. Ovviamente, prevenzione con potenziamento immunitario, protocolli di cure precoci efficaci neanche a parlarne. Si prosegue così con il piano ‘A’ senza avere un piano ‘B’.

L’evidenza è soprattutto che i media hanno fatto un buon lavoro, s’intende: dal punto di vista delle linee governative. Ora la procedura sarà corretta, i francesi sono d’accordo, quindi tutto in ordine.

Funziona così: si adotta una narrativa, si elimina ogni altra spiegazione, poi si chiede ai cittadini che spiegazione scegliere ed i cittadini scelgono l’unica opzione offerta. Tutto formalmente corretto, no?…

@vietatoparlare


Il Senato vuole discutere l’obbligo del vaccino per tutti gli adulti

La missione Jomier chiede misure entro il 15 luglio per “trasformare in onda” la ripresa dell’epidemia prevista in autunno. Il Senato interpella il Consiglio superiore della sanità pubblica sull’obbligo di vaccinazione per gli adulti. Quasi sei francesi su dieci sono favorevoli e otto su dieci chiedono la vaccinazione obbligatoria per i caregiver.

Sono le prossime settimane che determineranno l’importanza della nuova ondata di Covid torna a scuola. Ne è convinta la missione d’informazione senatoriale incaricata di valutare le misure di contrasto all’epidemia. Il suo presidente Bernard Jomier ha presentato le sue “raccomandazioni” giovedì. In questa occasione ha chiesto al governo di agire senza indugio, e in particolare di prendere una decisione “entro metà luglio” sulla possibile istituzione di una vaccinazione obbligatoria per gli adulti.

Il ministro della Salute Olivier Véran ha già minacciato di rendere obbligatoria la vaccinazione degli operatori sanitari, in particolare nelle case di cura, se il tasso di vaccinazione primaria non raggiunge l’80% all’inizio dell’anno scolastico. “La questione della vaccinazione obbligatoria è legittima per gli operatori sanitari, ma anche se sono vaccinati al 100%, non eviteremo una quarta ondata”, avverte Bernard Jomier.

Nella loro relazione, i senatori propongono quindi di andare oltre, e di prendere in considerazione la vaccinazione degli adulti dai 24 ai 59 anni. Il Senato chiederà un parere al Consiglio superiore della sanità pubblica. E Bernard Jomier ha scritto al primo ministro, Jean Castex, per chiedergli di convocare la Conferenza nazionale della sanità.

L’opinione tende nella stessa direzione: il 58% dei francesi si dice favorevole alla vaccinazione obbligatoria contro il Covid per tutta la popolazione, secondo un sondaggio Odoxa-Backbone Consulting per Franceinfo e “Le Figaro”. E il 72% vuole almeno imporlo ai caregiver. In generale, i francesi si sono convertiti al vaccino, l’81% afferma di essere già stato vaccinato o di volerlo fare, ovvero un raddoppio delle adesioni da dicembre. Il fatto che ormai più di sei francesi su dieci ritenga la campagna di vaccinazione “efficace” e “condotta a buon ritmo” non è senza dubbio estraneo a questa svolta.

È probabile una quarta ondata

Dall’inizio della campagna vaccinale, Emmanuel Macron e il suo premier hanno cercato pacificazione ed hanno evitato di aprire un fronte con “antivax” ripetendo che la vaccinazione contro il Covid non sarebbe stata obbligatoria. Ma Bernard Jomier giudica che “il dibattito ha preso una piega sorprendente”. Ricorda che il Parlamento ha esteso l’obbligo di vaccinazione per i bambini a 8 nuovi vaccini nel 2018 “per porre fine a poche centinaia, o anche a poche decine, di forme gravi ogni anno”. Perché arrendersi di fronte a un virus che ha già ucciso 111.000 francesi, per non parlare dei danni economici e sociali?

Trasforma l’onda in un’increspatura

Inoltre, lo studio commissionato dalla missione e reso pubblico questa settimana mostra che una quarta ondata è probabile entro due o tre mesi, con o senza la variante Delta, perché l’immunità di gregge non sarà raggiunta a causa della mancanza di vaccinazione. “L’ipotesi media è che provocherà un afflusso negli ospedali paragonabile a quello dello scorso autunno, non un’ondata di casi lievi in ​​giovani sani”, sottolinea Bernard Jomier, che chiede misure rapide per “trasformare l’onda in un’increspatura”.

Guadagna qualche punto percentuale

Perché rendere obbligatoria la vaccinazione per questa fascia di mezza età? Perché “contribuisce molto alla circolazione del virus”, e non sufficientemente vaccinato, risponde Bernard Jomier. Anche questo medico non si fa illusioni sull’obbligo del vaccino: nei neonati ha guadagnato solo pochi punti percentuali.

I 18-24enni sono stati omessi, senza dubbio perché quando le statistiche sono state interrotte per completare il rapporto, il loro tasso di vaccinazione primaria era superiore a quello dei quarantenni, a testimonianza dell’entusiasmo degli inizi. Da allora le cose sono tornate alla normalità (41% a 18-24 anni; 56% a 40-49 anni).

Vaccinarsi nelle scuole medie e superiori

Per quanto riguarda gli adolescenti dai 12 ai 17 anni, vaccinabili dal 15 giugno, la missione sconsiglia la vaccinazione obbligatoria. Ciò non impedisce lo sviluppo di incentivi. Bernard Jomier chiede “che i servizi sanitari scolastici vaccinino gli adolescenti all’inizio dell’anno scolastico”, nelle scuole medie e superiori, come raccomandato dal presidente del consiglio di orientamento della strategia vaccinale, Alain Fischer.

Inoltre, vuole che il governo “non metta tutto sulla vaccinazione”, e “che il ministro dell’Educazione nazionale cessi la sua politica frammentata, casuale, incomprensibile” e istituisca nelle scuole uno screening –  tramite esame della saliva –  sistematico, e addirittura settimanale.

 

Exit mobile version