Francia – Macron: “Gli stati dovrebbero essere organizzati intorno alla cultura piuttosto che alla politica: legati a una civiltà”

[su_spacer]Il dato è che a prescindere degli interessi francesi sul Mediterraneo ed in Africa Macron tra i leader europei è il solo che sembra avere una ‘vision’ che non contempli solo il perseguimento di meri interessi economici. Su questo rispetto ad alcuni amici mi sono accorto che ho una percezione dei fatti diversa.

La percezione che ho dei fatti si basa su alcune recenti affermazioni del presidente Macron. Non per ultimo il suo viaggio in Libano, il susseguente arrivo a Beirut di ben 6 ministri francesi sullo sfondo dell’assoluta latitanza europea e la forte posizione a difesa della Grecia.

Ma perchè solo adesso, solo ora, dopo la distruzione della Libia ad opera di Sarkozy? E’ forse solo una ennesima strategia? Oppure si tratta di nuovi intendimenti, visto il punto di non ritorno in cui viviamo?

Lasciamo che ci risponda direttamente il presidente francese: secondo Macron gli stati dovrebbero essere organizzati intorno alla cultura piuttosto che alla politica, legato a una civiltà, lo stato ha il compito fondamentale di proteggere una specifica tradizione culturale. La sua portata comprende tutte le regioni in cui quella cultura è dominante. Solo questo più che l’economia – tra l’altro applicata male – potrà salvare o almeno allontanare la fine dell’Europa.

Quindi, invece di portare avanti il ​​progetto europeo liberale, universalistico, anglo-americano che a quanto pare ora sembra morto, Macron vuole trasformarlo in qualcosa di diverso in modo da mantenere l’identità europea.

Non ci credete? Neanche io, ma vedendo la posizione francese nei confronti della Turchia, mi sono andato a rivedere quanti alcuni discorsi Macron ha fatto in proposito, per capire il movente i tali posizioni, certo non comode o facili. Devo dire che – con i debiti distinguo –  l’impressione è complessivamente positiva.

Riporto perciò, alcuni stralci tratti dal discorso di Macron agli ambasciatori accreditati il 29 agosto 2019:

“Sappiamo che le civiltà stanno scomparendo; anche paesi. L’Europa scomparirà “, Macron ha lodato i progetti di civiltà della Russia e dell’Ungheria, che” hanno una vitalità culturale e di civiltà che ispira “, e ha dichiarato che la missione della Francia – il suo destino storico – era di guidare l’Europa verso un rinnovamento della civiltà, forgiando un” narrativa collettiva e immaginario collettivo. Questo è il motivo per cui credo profondamente che questo sia il nostro progetto e debba essere intrapreso come un progetto di civiltà europea ” .

“È lo spirito del Rinascimento, è lo spirito dell’Illuminismo. È lo spirito molto profondo di questo umanesimo francese che abbiamo portato, inventato ogni volta e che dobbiamo reinventare oggi. Cosa significa ? Ciò significa che non tutti gli argomenti che solleviamo spesso dovrebbero essere solo argomenti tecnici. Devono contribuire a un immaginario che dobbiamo portare, a un vero progetto di civiltà di questa nuova frontiera e in cui mettiamo le donne e gli uomini molto profondamente al centro. Ovviamente apprezzo l’ambizione di un simile progetto. Ma credo che sia stato importante condividere questa convinzione con voi oggi perché è quello che deve irrigare molto profondamente l’azione che è nostra e il continuum che è nostro ogni giorno. E in fondo, le nuove alleanze che sono le nostre, questo progetto ovviamente suppone che abbiano un’esigenza in termini di dignità umana. Quelli che oggi che nel mondo difendono i diritti alla libertà a rischio della propria vita volgono lo sguardo su di noi. E quando parlo di un progetto di civiltà europea e di questo progetto francese, è anche quello che intendo. Abbiamo trovato la linfa di questo requisito e lo sappiamo ovunque nel mondo senza mettere in discussione la sovranità di alcun paese”.

Difendere questa civiltà europea, avere questo obiettivo di portarlo a noi e al mondo, presuppone nella nostra azione diplomatica molto profonda anche un’ambizione educativa, climatica, democratica, di poter ripensare molto a fondo gli equilibri del economia di mercato come abbiamo iniziato a fare e ad avere un’agenda culturale che è anche il cuore di questa ambizione e di questo spirito. Per raggiungere questo obiettivo, mi piacerebbe che, nei prossimi mesi e nella continuità di quanto fatto da 2 anni, si possa agire collettivamente attorno a 5 assi prioritari.

(…) La prima cosa è che per raggiungere questo obiettivo in questo casino, credo che ciò che dobbiamo fare in modo molto profondo sia svolgere il nostro ruolo, fondamentalmente, come forza equilibratrice.

(…) Penso anche che allontanare la Russia dall’Europa sia un profondo errore strategico perché stiamo spingendo la Russia a un isolamento che accresce le tensioni, o ad allearci con altre grandi potenze come la Cina, che non lo fa. non sarebbe affatto nostro interesse. (…)

Credo che dobbiamo costruire una nuova architettura di fiducia e sicurezza in Europa, perché il continente europeo non sarà mai stabile, non sarà mai sicuro, se non pacifichiamo e chiariamo le nostre relazioni con la Russia. Questo non è nell’interesse di alcuni nostri alleati, siamo chiari su questo argomento. Alcune persone ci spingono sempre ad avere più sanzioni, perché è nel loro interesse. Anche se sono nostri amici(…)

Rispettiamo gli interessi e la sovranità della Cina, ma anche la Cina deve rispettare pienamente la nostra sovranità e la nostra unità, e in questo senso le dinamiche europee sono essenziali. Abbiamo commesso alcuni gravi errori 10 anni fa su questo argomento. è impegnato con noi in questo programma di cui alcuni europei dubitavano ancora poche settimane prima. E infine un’agenda eurasiatica che consente una migliore convergenza tra l’iniziativa cinese delle nuove vie della seta e la strategia di connettività europea. Questa costruzione deve essere eseguita con rispetto e requisiti. Rispettiamo gli interessi e la sovranità della Cina, ma anche la Cina deve rispettare pienamente la nostra sovranità e la nostra unità, e in questo senso le dinamiche europee sono essenziali.(…)

[E’ prioritario] lavorare alla costruzione della sovranità europea. Ho ribadito più volte questo punto. È al centro del progetto europeo che condivido con molti in questa stanza. Questa sovranità europea non è una parola vuota. Credo che per molto tempo abbiamo commesso l’errore di lasciare la parola sovranità ai nazionalisti. Sovranismo è una bella parola. Si riferisce a ciò che è al centro della nostra democrazia e della nostra Repubblica, è il fatto che alla fine chi è sovrano è il popolo. È lui che decide. Ma se perdiamo il controllo su tutto, questa sovranità non porta da nessuna parte. Ed è un’aporia democratica che consiste nel fatto che le persone possono scegliere sovranamente leader che non avrebbero più il controllo su nulla. E così.(…)

[Altra priorità] su cui volevo tornare con voi è costruire un rinnovato partenariato con il Mediterraneo e l’Africa. Non tratterò, vi rassicuro tutte le aree geografiche ma voglio coprire alcuni punti in cui avevo potuto parlare meno le due volte precedenti quando oggi volevo andare oltre. Questa partnership è fondamentalmente la nostra politica strategica di vicinato. Ma anche qui è fondamentale continuarlo, rilanciarlo. Non tornerò qui in Siria o in Libia.  (…) Il lavoro su questo tema, dico semplicemente, deve essere approfondito ed essere rilanciato. Perché non ho deciso di prendere iniziative? Perché penso che le condizioni non siano soddisfatte sul territorio. (…) Penso che con alcuni dei nostri alleati dovremo lavorare anche lì in modo innovativo per trovare una soluzione utile e non ci siamo.

Volevo solo parlare rapidamente qui della sponda meridionale del Mediterraneo e dell’Africa su questo partenariato. Abbiamo infatti legami storici, civili e culturali molto profondi con la sponda meridionale e il Mediterraneo. E l’Europa non può avere successo, e prima di tutto la Francia, se non ripensiamo e rivisitiamo questi legami. Oggi parliamo del Mediterraneo solo attraverso il tema delle migrazioni, questo scandalo umanitario di cui ho parlato, o i temi della protezione su cui dobbiamo organizzarci. Anche qui c’è il rischio di un indebolimento geopolitico e interno. Perché quando parliamo della sponda meridionale del Mediterraneo come dell’Africa, parliamo anche, appunto, della Francia. Sono stato portato a ripeterlo durante le commemorazioni di agosto. La Francia ha una parte africana in essa perché i combattenti di questo continente hanno salvato il nostro paese e la nostra libertà. E i nostri destini sono legati, anche se legati anche da pagine oscure e ferite. Quindi nel Maghreb oggi, ovviamente, siamo attenti alle situazioni, ai messaggi trasmessi dal popolo algerino, alla situazione eminentemente sensibile oggi in Tunisia.

(…) Africa, ci siamo impegnati militarmente, anche lì ho parlato a lungo in diverse occasioni davanti a voi quindi sarò veloce ma continuiamo ad esserlo. Siamo impegnati nelle crisi, la crisi libica di cui ho parlato (…) e ovviamente c’è il tema del Sahel. È un teatro di operazione essenziale per i nostri eserciti, è un tema su cui la Francia, poco più di 5 anni fa, è stata decisiva per impedire l’ascesa del jihadismo e che non prende piede.

(…) La diplomazia contemporanea è diplomazia del movimento e a volte siamo entrati in guerre di trincea che ce lo impediscono. Sii proattivo, abbi questa audacia, suggerisci ogni volta. E abbiamo anche questa efficienza operativa che costruisce la nostra credibilità per costruire e realizzare le iniziative che vengono prese ovunque e con cura, sia a livello bilaterale che multilaterale, per ottenere risultati. E questo penso sia un elemento profondamente utile. Questa diplomazia dell’audacia, del movimento è essenziale se vogliamo ricostruire. Come ho detto, ci siamo impegnati a cercare di convincere gli americani che risolvere il problema del commercio internazionale non significava solo avere guerre commerciali. Ma questo funziona solo se noi stessi possiamo riformare il file Organizzazione mondiale del commercio. In fondo quello che vi chiedo è di non essere più esperti ma di essere sia conoscitori sia amici dei popoli in cui siete e inventori di una diplomazia da rinnovare.

(…) [Per] essere uno Stato forte penso che sia quindi essenziale continuare a riflettere sempre su noi stessi. Ma spero che questa forte diplomazia serva allo scopo strategico che ho appena menzionato. Che in un mondo in profondo cambiamento, per riprendere il controllo del nostro destino. Restituire alla nostra gente una quota di controllo che gli dobbiamo e dare nuova vita a questo progetto di civiltà europea che abbiamo portato. A livello politico, a livello strategico, a livello culturale e a livello immaginario

dal discorso del Presidente della Repubblica alla conferenza degli ambasciatori 2019

Emmanuel Macron

Certo il riferimento all’illuminismo – e per contro a termini troppo vaghi riguardo altri ‘valori’ – a molti di noi potrebbe far storcere il naso ma ditemi chi altro in UE – tra i paesi fondatori – sta agendo al di fuori della visione distruttiva puramente mercantilistica delle dinamiche che muovono il mondo , la politica e gli stati?! E’ un dato che per ora nella UE solo la Francia sta facendo da freno all’espansione turca, la cui peculiarità, è portare non solo l’espansione commerciale, ma anche il pericoloso virus estremista ottomano con il distruttivo retaggio storico che tutti ben conosciamo.

@VIETATOPARLARE

Exit mobile version