Forze turche effettuano la pulizia etnica delle minoranze nel nord-est della Siria

La situazione adesso sembra che si stia stabilizzando con l’inizio delle pattuglie russo-turche . Tuttavia permangono le milizie jihadiste che sono embedded alle forze regolari turche ma che agiscono alla vecchia maniera. Il giornale Cattolico ‘Crux’ descive la situazione dei cristiani nella zona stabilita come ‘zona sicurezza turca’ al 28 di ottobre. Però il problema permane ed è aggravato dal ripensamento USA di non lasciare completamente la Siria. Come noto, gli USA si sono installati per ordine del presidente Trump nei campi petroliferi per sfruttarli, distogliere risorse dal governo siriano e continuare la strategia della tensione.

@vietatoparlare

Dale Gavlak 28 ottobre 2019

AMMAN, Giordania – Nonostante il presidente turco Recep Tayyip Erdogan abbia riferito di aver assicurato al vicepresidente americano Mike Pence che le sue forze non avrebbero perseguitato le minoranze religiose nella Siria nord-orientale, i residenti affermano che le minoranze vengono prese di mira.

Amnesty International riferisce che l’esercito turco e i suoi gruppi armati siriani alleati hanno dimostrato un “vergognoso disprezzo per la vita civile” durante l’offensiva nel nord-est della Siria. Un leader politico cristiano siriano si è unito alla condanna internazionale per gli attacchi e gli abusi.

Bassam Ishak, che dirige il Consiglio nazionale siriano, ha detto per telefono al Catholic News Service che armeni e cristiani siriaci nella Siria nord-orientale sono stati intimiditi e che le forze filo-turche hanno vietato loro l’accesso alle loro terre in un periodo che è cruciale per la raccolta del cotone.

“Ci hanno detto: ‘Abbiamo l’ordine di non toccare fisicamente i cristiani, ma sappiamo che qui non è più la tua terra’“, ha detto Ishak, un membro dell’ufficio politico del Consiglio democratico siriano nel nord-est della Siria e diplomato al La Catholic University of America di Washington, DC, ha affermato che i gruppi armati siriani alleati con la Turchia “stanno ripetendo ciò che hanno fatto ad Afrin“, l’invasione turca nella Siria nord-occidentale usando militanti siriani nel 2018.

Ad Afrin, hanno depredato il raccolto dei curdi del posto  e ora lo stanno facendo ai cristiani. I cristiani di Ras al-Ayn possiedono almeno un terzo delle terre agricole del posto. Queste forze stanno sostanzialmente effettuando una pulizia etnica “soft”. I cristiani sono spaventati da queste persone, e quindi perdono la loro fonte di reddito. I cristiani quindi chiedono perché dovrebbero rimanere e vivere sotto gli islamisti ”, ha detto Ishak [che dettano loro legge quando loro sono siriani e prima erano liberi e non discriminati].

“Un medico cristiano a Ras al-Ayn ha detto che il bombardamento turco della città è continuato per tutta la notte il 24 ottobre e ha causato molti morti”, ha detto Ishak. Il giorno seguente, tre infermiere di una squadra di ambulanze in servizio a Suluk, vicino a Tal Abyad, sono state uccise dalle forze militanti siriane alleate con la Turchia. I loro corpi sono stati trovati mutilati nel sistema fognario della città.

Quegli incidenti e altri episodi,  dimostrano violazioni del cessate il fuoco mediato con la Turchia.

“Abbiamo visto video e letto resoconti di combattenti filo-turchi che uccidono e decapitano i prigionieri curdi. Sembra che abbiano l’ordine di non catturare i prigionieri, ma piuttosto di ucciderli immediatamente “, ha aggiunto Ishak.

Nel frattempo, il gruppo dell’Esercito dell’Islam ha pubblicato un video il 21 ottobre in cui esortava i suoi membri “a trattare i cristiani come cittadini di seconda classe nelle aree prese in consegna dalle forze turche e a pagare” jizya “, una tassa di protezione riscossa sulle minoranze religiose”.

Amnesty International ha riferito di “gravi violazioni e crimini di guerra” tra cui “uccisioni sommarie e attacchi illegali che hanno ucciso e ferito civili”, secondo il resoconto del 18 ottobre, basato sulla testimonianza di 17 persone, tra cui operatori sanitari e di soccorso, civili sfollati, giornalisti e operatori umanitari.

Amnesty ha dichiarato di aver scoperto “prove schiaccianti di assalti indiscriminati nelle aree residenziali, inclusi attacchi a una casa, una panetteria e una scuola, effettuati da Turchia e gruppi armati siriani alleati“. L’organizzazione ha anche condannato i “raccapriccianti dettagli di un sommario omicidio a sangue freddo di un importante politico siriano-curdo, Hevrin Khalaf, da parte dei membri del gruppo militante siriano Ahrar al-Sharqiya”.

“Nonostante l’accordo per il cessate il fuoco annunciato da Turchia e Russia il 22 ottobre, la situazione dei civili nella regione rimane terribile”, ha detto un altro gruppo per i diritti, Physicians for Human Rights. La Ong ha invitato la Turchia a “cessare gli attacchi ai civili in Siria e rispettare i diritti umani”.

Il gruppo ha attirato l’attenzione sul presunto uso da parte della Turchia di “fosforo bianco e napalm in aree civili fortemente popolate, il bombardamento di ospedali, attacchi a veicoli medici, uccisioni extragiudiziali e lo spostamento diffuso di civili che ha alimentato una crisi umanitaria già critica nella Siria settentrionale .

fonte: Crux

 

JOIN THE DISCUSSION